Home » Idee » Green Garbage Project: un anno senza rifiuti:

Green Garbage Project: un anno senza rifiuti

luglio 27, 2010 Idee

Green garbage project, Courtesy of greengarbageproject.comIn un mondo dove è molto più semplice ed economico buttare via gli oggetti piuttosto che ripararli (chiunque abbia provato a cambiare la batteria del proprio cellulare sa bene che i costi sono paragonabili a quelli di un cellulare nuovo di zecca) è naturale che i rifiuti si accumulino fino a raggiungere i 32,5 milioni di tonnellate della produzione nazionale italiana del 2008 (secondo il rapporto Rifiuti 2009 dell’ISPRA).

Negli Stati Uniti la situazione è ancora peggiore: il cittadino americano medio produce oltre due chilogrammi di rifiuti ogni giorno, più che in qualsiasi altro luogo al mondo. In aggiunta, il 95% circa dei beni acquistati, in media, da un americano (ma forse non soltanto da un americano…), finisce nella spazzatura entro i 6 mesi successivi!

Sono dati preoccupanti, per certi versi addirittura inquietanti. C’è infatti chi si è chiesto se tutto questo abbia un senso. Una coppia di giovani statunitensi di Dallas, Oregon, ha cercato di rispondere a questa fatidica domanda sia a parole che con i fatti.

Le parole sono quelle del loro blog, che ha accompagnato un’avventura lunga 365 giorni durante i quali Amy e Adam si sono impegnati a non produrre alcun tipo di rifiuto – o almeno a non produrre più rifiuti di quelli che possano essere raccolti, complessivamente, in un unico sacchetto per la spazzatura.

Il Green Garbage Project, progetto per una spazzatura “verde”, inizia il 6 giugno 2009 con una serie di regole autoimposte e una soglia di partenza, in termini di spazzatura prodotta, di poco inferiore alla media americana di circa 20 chilogrammi di immondizia prodotti a settimana.

Le regole sono piuttosto semplici ma, al tempo stesso, assolutamente rigide e vincolanti:

  • non comprare prodotti non riciclabili;
  • acquistare un compost (qui si possono trovare informazioni utili);
  • coltivare frutta e verdura in giardino o sul balcone (qui alcuni suggerimenti);
  • fabbricare in casa prodotti come sapone, formaggio, pane ecc.
  • conservare tutto quello che non viene raccolto dagli enti locali e portarlo nelle apposite discariche;
  • utilizzare borse di stoffa per riporre gli acquisti;
  • portare al ristorante contenitori lavabili per eventuali avanzi (doggy bag sì, ma riciclabile!);
  • sostituire tutte le pile usa-e-getta con pile ricaricabili, e le lampadine a incandescenza con lampadine a basso consumo (quest’ultima azione ormai obbligatoria in Italia);
  • frequentare negozi che vendono oggetti e abiti di seconda mano sia per vendere sia per acquistare;
  • impegnarsi a raccogliere informazioni sulle modalità di produzione degli oggetti e su cosa è realmente riciclabile e cosa non lo è.

Dopo un anno vissuto “pericolosamente” all’insegna dell’impegno green, i risultati sono strabilianti: tutta l’Courtesy of greengarbageproject.comimmondizia prodotta dalla coppia, che non è stato possibile smaltire secondo le regole sopra indicate, pesa meno di un chilo e mezzo ed è contenuta in uno scatolone poco più grande di una scatola da scarpe. Questo significa, in termini di peso, che Amy e Adam sono riusciti a ridurre la propria produzione di immondizia a un millesimo delle quantità precedenti – da 20 chilogrammi a settimana, ossia poco più di 1000 chilogrammi all’anno, a poco più di 1 chilogrammo! I numeri parlano da soli.

Vale dunque la pena di analizzare il contenuto della famigerata scatola: Adam e Amy, infatti, hanno deciso di raccontare ai lettori del loro blog cosa è stato impossibile smaltire durante il loro (primo, come amano scrivere) anno senza spazzatura. Sono esclusi dalla lista solo eventuali rifiuti tossici o parzialmente tossici (come perdite di carburante dall’auto) e i rifiuti prodotti sul posto di lavoro in modo inconsapevole, di cui non è stato possibile tenere conto.

Gli oggetti che hanno rappresentato più problemi, ad ogni modo, sono quelli legati alla salute e all’igiene personale: ricambi per spazzolini elettrici, lamette per rasoi, contenitori di farmaci (dai blister delle pillole anticoncezionali alle scatoline per le lenti a contatto).

E’ interessante notare come amici e familiari della coppia si siano uniti al loro sforzo green anche in una delle occasioni in cui la quantità di rifiuti tende ad aumentare esponenzialmente: il periodo natalizio. Tra cesti di vimini, vecchie tende e tovaglie, fogli di carta di giornale, nastri in stoffa anziché in carta plastificata, tutti i regali sono stati impacchettati nel rispetto dell’ambiente – tranne uno, la cui carta decorativa è finita infatti nello scatolone.

Gli altri piccoli oggetti di cui è stato impossibile disfarsi in modo sostenibile  ammontano all’etichetta di una borsa (le etichette, in genere, sono di carta plastificata non riciclabile in nessun modo), due guanti di plastica usa-e-getta (ironia della sorte, distribuiti alla coppia durante un’attività volontaria di pulitura spiagge!) e un paio di regali non troppo desiderati (un palloncino offerto durante una cena al ristorante e un bicchiere di polistirolo regalato ad Amy da uno dei suoi studenti).

Meno di un chilo e mezzo: in un anno sono stati prodotti meno rifiuti di quanto ognuno di noi produce ogni giorno secondo le medie nazionali. Il tutto, tra l’altro, come emerge chiaramente dalla lettura dei post settimanali sul blog (ricchi di fotografie e di consigli utili), vissuto dalla coppia con entusiasmo ed energia – non come privazione, ma come una grande opportunità.

Sicuramente, lo sforzo di Amy e Adam non è facile da replicare nella nostra vita quotidiana: è necessaria costanza, innanzitutto, ma anche la possibilità di disporre del tempo necessario, ad esempio, per coltivare ortaggi, e fare il pane in casa anziché comprarlo al supermercato.

E’ indubitabile comunque che la loro piccola grande impresa possa costituire una bella fonte di ispirazione e riflessione per ciascuno di noi.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende