Home » Idee » Nucleare: perchè non mi convince:

Nucleare: perchè non mi convince

luglio 5, 2010 Idee

simpson, Courtesy of gualerzi.itMi inserisco nel complesso e difficile dibattito sul nucleare in punta di piedi, per condividere qualche riflessione come professionista della comunicazione, stimolato dalla “campagna” in corso e da alcuni “speciali” di approfondimento, che segnano un particolare interesse editoriale al tema. Che sia in corso una campagna di comunicazione ad ampio raggio e intensità, che mira a posizionare il nucleare nel novero delle energie pulite è infatti, a mio avviso, piuttosto evidente, pur non essendoci sempre un committente unico e ben definito.

Ma dirò di più (voglio confessare l’incofessabile): la mia percezione è che si stia creando un’inedita(inconsapevole?) alleanza tra nuclearisti e teorici dei cambiamenti climatici… Intendiamoci: l’importanza di intervenire per prevenire cambiamenti climatici potenzialmente devastanti, attraverso la riduzione delle emissioni, è sostanzialmente accettata da tutti. Ma il mio timore è che l’enfasi che alcuni pongono su questo aspetto (non certo l’unico né forse quello prioritario per la difesa dell’ambiente) porti, per conseguenza logica, verso scelte solo apparentemente inevitabili. Ovvero: se la priorità assoluta per l’ambiente è la riduzione della CO2 (a parità di consumi), non esiste forse altro sistema che il nucleare.

Ma siamo sicuri che sia il modo corretto di affrontare il problema? Non vedo francamente nei politici italiani (e nemmeno in molti stranieri, a dire il vero) una reale, concreta volontà di cambiare il sistema, di puntare seriamente sul risparmio e l’efficienza energetica come elemento preliminare, di passare dalla cosiddetta generazione concentrata in pochi impianti ad una generazione distribuita, che si avvalga delle reti intelligenti, della mini e micro generazione e di fonti rinnovabili diffuse sul territorio. Una dichiarazione pro-rinnovabili non la si nega a nessuno – fa fine e non impegna – ma c’è veramente la disponibilità a rivedere l’attuale modello economico attraverso la lente della green economy e dello sviluppo sostenibile?

Il nucleare – senza entrare nel merito della tecnologia - pare un’idea “vecchia” come impostazione della soluzione, nel senso che non cambia nulla dell’attuale modello produttivo, ma parte anzi dall’assunto che il fabbisogno energetico sia (debba essere) in costante crescita e strizza l’occhio agli industriali con la promessa di un minor costo del kilowattora e dunque maggiori margini di profitto. Nulla di male a pagare meno l’energia e guadagnare di più, ci mancherebbe, ma forse le imprese dovrebbero imparare a stare sul mercato per qualità e innovazione di prodotto e di visione (inclusa la sostenibilità come asset strategico), più che per ipotetici risparmi sulla bolletta, di cui l’intera collettività rischia di dover pagare il prezzo.

Dico ipotetici perchè la convenienza economica del nucleare – uno dei key messages della campagna di comunicazione in corso – non pare così scontata. Per usare le parole di Luca Iezzi, autore di un’equilibrata analisi nel libro ”Energia nucleare? Sì, grazie?, “Gas e carbone sono più economici e flessibili, dunque l’atomo acquista una sua funzione solo se ci si impegna a ridurre le emissioni di Co2. Tanto più l’anidride carbonica avrà un prezzo da aggiungere al kwh prodotto da idrocarburi o carbone, tanto più il nucleare diventerà indispendabile“. Un’analisi semplice e intuitiva che ci è confermata da un ricercatore dello IEFE Bocconi (che preferisce mantenere l’anonimato) e che ci riporta all’inconfessabile pensiero di partenza sulla “strana coppia”. E il decommissioning degli impianti a fine ciclo? E il problema dello stoccaggio delle scorie? Vengono o no calcolati nei costi?

Greenews.info fa dell’indipendenza dell’informazione e della libertà di dibattito tra posizioni anche opposte un punto di orgoglio ma, quando si vedono nelle edicole o sul web, speciali che promettono di raccontare i “pro” e i “contro” del nucleare secondo una proporzione di 10 a 1, con florilegi di dichiarazioni ottimistiche e “scientistiche” unidirezionali, ci sentiamo ”istituzionalmente” in dovere di dar voce a quella maggioranza silenziosa di cittadini (72%) che la centrale non la vorrebbe – né sotto né lontano da casa. E anche di utilizzare, come immagine, un fotogramma dei Simpson. Anche questa è comunicazione.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende