Home » Idee »Smart City » Sorpasso storico: la bici corre più veloce dell’auto (nelle vendite):

Sorpasso storico: la bici corre più veloce dell’auto (nelle vendite)

ottobre 1, 2012 Idee, Smart City

Nelle società capitalistiche le rivoluzioni non si fanno (solo e sempre) scendendo in piazza ma anche (e soprattutto) con il portafoglio. Sono le nostre scelte di consumo a cambiare concretamente il mondo: il modo in cui spendiamo i soldi o la semplice scelta di non spenderli affatto (talvolta perché costretti dalla crisi) possono spostare l’ago della bilancia del consumo di territorio, dell’inquinamento dell’aria, della distruzione di risorse ambientali e naturali, della cementificazione delle nostre città e campagne.

La notizia che le vendite di biciclette, nel 2011, hanno superato quelle di auto ci racconta una di queste rivoluzioni, questa volta di proporzioni storiche. Ci racconta di un paese in cui le difficoltà economiche (ma forse anche una mutazione culturale) stanno allontanando sempre più cittadini dall’acquisto e dall’utilizzo di un’autoveicolo; fotografa una realtà in cui il semplice possesso della macchina è diventato di per sé un lusso, tra tasse, bolli, parcheggi e chi più ne ha più ne spenda; e restituisce la realtà di migliaia di persone che semplicemente, con la benzina a 2 euro, non possono più permettersi un pieno e preferiscono uscire a piedi, utilizzare i mezzi pubblici o, appunto, riscoprire la bicicletta.

Ma visto con le lenti della storia, questo sorpasso simbolico delle due ruote sulle quattro, diventa una pietra miliare nella storia del mondo occidentale. Sicuramente è presto per intonare il canto del cigno al sistema dell’automotive, e però forse davvero è arrivato al tramonto quel binomio motorizzazione-petrolio che ha retto per sessant’anni almeno lo sviluppo del capitalismo occidentale: insomma, se le vendite sono ripiombate ai livelli del 1964, è anche vero che negli anni Sessanta nel nostro Paese circolavano 1 milione e 800 mila mezzi, mentre nel 2008 il parco auto ha raggiunto la cifra di 35 milioni. Come si fa a aumentare ancora questa cifra? A chi si può pensare di vendere ancora auto?

Il fatto che nel 2011 si siano vendute più bici è quindi probabilmente frutto, in primo luogo, di un impoverimento generale – più che della maturazione della green economy – che porta a rinunciare a certi acquisti costosi (o quanto meno a dilazionarli nel tempo). E altri dati, come ad esempio l’aumento delle vendite di farina, ci dicono che molte persone stanno anche sfruttando questa crisi come occasione per ripensare il proprio palinsesto di consumi e il proprio stile di vita, cercando proposte e acquisti che guardino anche al benessere del territorio e dell’ambiente, oltre che a quello personale.

Presi per buoni questi dati, sorgono due considerazioni. La prima, è che il sistema dell’automotive, che tra fabbriche finali e indotto occupa nel nostro paese circa 500 mila persone (!), o cambia o muore: in ballo non ci sono solo le scelte industriali di un’azienda (ogni riferimento è puramente voluto), ma centinaia di migliaia di posti di lavoro e soprattutto la direzione che si vuole dare al Paese, al suo futuro produttivo, alla possibilità di intercettare mercati e settori, come quelli della mobilità sostenibile, ad alto tasso di innovazione tecnologica. Si tratta, è evidente, di un problema che interroga anche la politica, oltre che appunto le imprese: che cosa ne pensano in proposito Monti e Passera?

La seconda considerazione è che, forse, è arrivato il momento di ripensare le città per mettere al centro, per la prima volta, i pedoni e i ciclisti e non più le automobili. In Italia, ancora oggi, solo il 4% degli spostamenti viene effettuato sulle due ruote e questo perché la viabilità è ancora pensata principalmente in funzione delle macchine. Le scelte di consumo dei cittadini, a saperle ascoltare, ci stanno chiedendo di cambiare.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende