Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Ancora alla Sacra di San Michele. Camminata d’autore con Luigi Nacci:

Ancora alla Sacra di San Michele. Camminata d’autore con Luigi Nacci

ottobre 14, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

 

Qualcuno diceva che quando tutto si rabbuia e il cuore diventa pesante è il momento di aprire la porta e di mettersi in cammino (possibilmente senza orologio), per ritrovare, una volta a casa, i pensieri in ordine e il cuore in pace. Ma non funziona come un oppiaceo che ci isola passivamente dalla malattia. Il cammino è quell’atto di discontinuità e di ecologia dell’anima che porta frutto solo se coltivato, e la cui radice più evidente affonda nell’antico “alzati e cammina!”.

Oltre ad essere l’ingiunzione più celebre dell’Occidente,  Alzati e Cammina è da qualche mese anche il titolo di un libro di Luigi Nacci (poeta, insegnante, giornalista e svariate altre cose): un piccolo caso editoriale ma soprattutto un libro essenziale sull’abito umano della viandanza e i suoi significati. E’ lo stesso Nacci che me ne ha parlato in occasione di una camminata spirituale alla Sacra di San Michele (To), organizzata da Torino Spiritualità in collaborazione con Al.ma Turismo Ambiente.

“Solleva la gamba. La destra o la sinistra, quella che istintivamente senti di muovere. […] Premi la punta del piede a terra, per mantenere l’equilibrio. Sull’altra gamba avverti concentrarsi tutto il tuo peso. Non è solo carne, muscoli, ossa, sangue, acqua. Ci sono anche parole, frasi, discorsi […] che ti riguardano […]. Sei traballante, oscilli, stai per cadere. […] Il tremolio aumenta, e solo una cosa ti potrà salvare: l’altra gamba. Prima una gamba, dopo l’altra, un passo dopo l’altro, ed eviterai il baratro. Pensa al camminare come a ciò che ti salverà da una caduta senza fine.” Non è una lezione di psicomotricità ma un piccolo saggio dalla voce letteraria di Nacci, sempre rivolta a un Tu, in pericolosa prossimità con il lettore, esattamente al modo in cui la strada interpella da vicino e pericolosamente il viandante.

Poco fuori l’abitato di Sant’Ambrogio (TO), all’imbocco della Val di Susa, il nostro “drappello viandante” è pronto a mettersi (per un giorno almeno) sulla strada della viandanza, forte della compagnia di un libro e della voce del suo autore. Ogni parola sarà più densa e urgente dopo, se durante l’ascensione saremo capaci di osservare il silenzio risparmiando energie e rimanendo aperti all’ascolto di ciò che porta il cammino.

Il drappello imbocca in silenzio l’antica mulattiera che da San Ambrogio conduce nel bosco di querce e castagni abbarbicato sul Monte Pirchiriano (962 m), anticamente detto Monte dei Porci. Il monticciolo è oggi gradito ai cinghiali – ça va sans dire - come ai camosci, che a quanto pare qui si sentono a casa, nonostante la bassa altitudine. Camminiamo tra ghiande e muschi sulle pietre lisce dove un tempo scivolavano le lese: le slitte che portavano approvvigionamenti o villeggianti al borgo di San Pietro, ultimo insediamento abitato prima della cima.

Tutta la mulattiera fino al paese di San Pietro è scandito dalle stazioni di una scabra via crucis, che scoperchia sotto i nostri passi le impronte infinite della devozione popolare. Milioni e milioni di passi e milioni di pellegrini e viandanti sono passati qui dove cade potentissimo l’incrocio devozionale tra la rotta micaelica – congiunzione di mille in mille chilometri tra Mont-Saint-Michel in Normandia, Sacra di San Michele, Santuario di San Michele a Monte Sant’Angelo sul Gargano – e la Via Francigena, che nelle sue due principali varianti alpine (Moncenisio e Monginevro) avvicinava a Santiago de Compostela.

“Ti è capitato di fare delle escursioni organizzate. Erano in giornata, avevano un baldo capogruppo […]. Veniva illustrato ciò che vi apprestavate a fare: ora e minuto di partenza, durata delle pause e del pasto principale, particolarità naturalistiche […], ora-minuto-secondo dell’arrivo, distanze, dislivelli, calorie bruciate, quota dell’assicurazione. Il ritmo veniva impartito dal primo, la trasfigurazione di uno stambecco, l’uomo in fuga.” Qui invece si sale con il passo dell’ultimo. Chi guida non sta davanti ma chiude il gruppo in coda. La strada può ancora dar corso a un tipo di comunità che va con il passo dell’ultimo, anziché con quello del primo. Tutto il contrario di come si regola la Società, a quanto pare.

Arrivati in cima al Pirchiriano, oltre la tomba dei monaci ormai ridotta a rudere, svetta l’Abbazia benedettina di San Michele, stratificata nel tempo, nella storia e nello spazio verso il cielo. Il primo vagito architettonico risale alla fine del X Secolo con la costruzione di un eremo ad opera di San Giovanni Vincenzo eremita. Sul finire dell’anno Mille, in seguito ad ottenimento d’Indulgenza, il conte Ugo di Montboissier esaudisce la preghiera di Papa Eugenio II di costruire un’abbazia. Da monastero benedettino il complesso si dota di una grande Foresteria per i pellegrini, sempre rimodellando struttura e spazi verso il culmine sacro, e vivendo fino al 1300 un’espansione territoriale e di prestigio internazionale senza precedenti. Oggi è il simbolo della Regione Piemonte.

La giornata è festiva, il clima mite e la Sacra è nel pieno delle visite turistiche. Un signore – molto simile al personaggio di San Pietro di una famosa reclame del caffè – avvicina Luigi Nacci con fare malizioso, domandando se ritenga di averci condotto alla Sacra in ascesa o in ascesi. Non oso immaginare cosa gli abbia risposto.

Orlando Manfredi


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende