Home » Rubriche »Very Important Planet » Paola Paronetto: la ceramica artistica che nasce dal riciclo:

Paola Paronetto: la ceramica artistica che nasce dal riciclo

Photo: Tassotto & MaxMetropoli, Isola e Ninfee, così si chiamano le nuove creazioni che la ceramista Paola Paronetto ha presentato durante l’ultima edizione di Maison & Objet, la fiera internazionale dell’interior design che si svolge a Parigi. Le sue collezioni hanno suscitato interesse non solo dal punto di vista artistico. Paola, infatti, ama sperimentare con i materiali, crea opere ricche di una personalità che esprime con i mezzi più diversi, dalla porcellana alle terre sigillate, fino al raku. A Parigi ha presentato la sue ultime creazioni realizzate con un nuovo materiale, la paper clay, un impasto di carta e argilla.

D) Paola, che tipo di possibilità creative consente questo nuovo materiale?

R) La paper clay permette di ottenere forme molto complesse risolvendo i classici problemi dovuti al ritiro. Consiste infatti in un impasto di argilla e carta in proporzioni variabili dal 10 al 30%. Quest’ultima regala all’argilla un’incredibile elasticità, sconosciuta agli altri impasti ceramici, consentendo di raggiungere l’essiccazione velocemente, senza rotture e, nel caso ci fossero, permette di eseguire le riparazioni facilmente, con la possibilità di attaccare parti fresche e morbide a superfici secche. Per questo la paper clay è una novità interessantissima che apre infinite possibilità tecniche e artistiche prima considerate impossibili per la ceramica. In più, questa ricetta rende il lavoro più leggero, perché la carta in forno brucia lasciando solo l’anima di argilla. Pertanto si dimostra ideale anche per la realizzazione di grandi sculture.

D) Possiamo considerarlo un materiale rispettoso per l’ambiente?

R) Sicuramente questo materiale è rispettoso dell’ambiente, per due motivi fondamentali. Da un lato permette di utilizzare carta riciclata per riempire la massa dell’impasto, dall’altro consente di risparmiare argilla. In più, dal momento che la carta a 200/300° brucia e il volume degli oggetti si riduce, la cottura diventa più breve con un conseguente risparmio energetico.

D) Sta pensando di realizzare altre opere con materiali di recupero diversi, sempre nell’ambito della ceramica?

R) Sto sperimentando altri materiali naturali, come la segatura ad esempio, da aggiungere agli impasti per realizzare oggetti di grandi dimensioni.

D) Qual è il materiale che preferisce per le sue opere e perché?

R) Attualmente è proprio la paper clay, per la sua grande duttilità d’uso.

D) Che rapporto ha lei con l’ambiente? Quali sono le azioni quotidiane che compie per rispettarlo?

R) Ho un rapporto di grande rispetto. Quotidianamente pratico sia a casa sia in laboratorio la raccolta differenziata e acquisto prodotti a km zero. In laboratorio non buttiamo via nulla ma rimpastiamo e trasformiamo qualsiasi materia prima, sia terra sia smalti, tutti rigorosamente naturali, fatti da noi o, se acquistati, senza piombo e completamente atossici. Inoltre, a casa e al lavoro ho installato pannelli fotovoltaici che coprono quasi interamente il nostro fabbisogno energetico.

D) Il suo lavoro quanto è legato all’ambiente e quanto può considerarsi a basso impatto?

R) È intimamente legato all’ambiente. Dalla terra ricavo i miei impasti e i miei colori naturali: lascio decantare le argille, ottenendo così l’essenza che uso poi per ricoprire le superfici dei miei vasi in terra sigillata. Il mio lavoro può considerarsi a basso impatto perché non inquino, sono quasi autonoma dal punto di vista energetico, riciclo, contemporaneamente trasformo e nobilito la terra in oggetti artistici e d’arredamento.

D) Quanto pensa che il riciclo e il recupero possano dare vita a creazioni artistiche di valore?

R) Moltissimo, ma naturalmente questo dipende dalle capacità artistiche di chi le realizza, non è  importante il tipo di materiale ma l’idea che esse rappresentano.

D) Nonostante abbia raggiunto fama internazionale continua a tenere il suo laboratorio a Pordenone,  in Italia: qual è il suo legame con il nostro paese?

R) Amo la mia terra, sono legata alla mia famiglia ma soprattutto non sono il tipo che scappa davanti ai problemi. Penso ci voglia più coraggio a restare che non ad andarsene in questo momento. Purtroppo lavoro poco per il mercato italiano, ma partecipando a fiere internazionali riesco a raggiungere un mercato estero che mi regala grandi soddisfazioni.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende