Home » Comunicati Stampa »Idee » “Fattorie sportive”, il progetto Cia-Fidal che unisce attività fisica e natura:

“Fattorie sportive”, il progetto Cia-Fidal che unisce attività fisica e natura

marzo 28, 2012 Comunicati Stampa, Idee

Unire la pratica sportiva alla vacanza in campagna, integrando la voglia o la necessità di movimento alla conoscenza del territorio e dei prodotti agroalimentari locali. E’ questo l’obiettivo delle “Fattorie sportive”, il progetto nato dalla collaborazione di Cia-Confederazione Italiana Agricoltori e Fidal-Federazione Italiana Atletica Leggera per coniugare l’ambiente rurale allo sport, senza dimenticare l’attenzione a una sana e corretta alimentazione.

Il cuore del progetto sono i cosiddetti “percorsi intelligenti”: vere e proprie piste di allenamento immerse nel verde, all’interno di agriturismi e imprese agricole, dove gli sportivi – agonisti o semplici appassionati – potranno tenersi in forma beneficiando di un ambiente naturale e salubre, lontano dallo stress metropolitano. Con una risorsa in più: spuntini e menù “ad hoc” con frutta di stagione e cibi biologici, tipici e certificati, prodotti direttamente in azienda.

Un assaggio di cosa sono e come funzionano i “percorsi intelligenti” delle “Fattorie sportive” c’è stato il 24 marzo a Roma a Villa Borghese, dove Cia e Fidal – insieme alle rispettive organizzazioni Turismo Verde (l’associazione per le attività agrituristiche della Confederazione) e Fidal Servizi - hanno allestito una piccola pista di atletica vicino al Pincio, tra Viale dell’Orologio e Viale dei Bambini, aperta al pubblico, gratuita e non competitiva. Un “percorso test” dimostrativo per i curiosi, turisti e cittadini, che hanno approfittato anche degli snack energetici offerti dagli agricoltori, a base di miele e pane di Lariano, nocciole viterbesi e arance rosse di Sicilia.

Ma i veri “percorsi intelligenti” a cui agriturismi e aziende agricole stanno lavorando, tutti certificati dalla Fidal stessa, saranno realmente ad alto contenuto tecnologico. All’interno di ogni “fattoria”, infatti, verrà creato un circuito sportivo misurato e dotato di sistemi di rilevazione dei tempi a intervalli predefiniti (ad esempio 1 km-5 km- arrivo). Ogni sistema di rilevazione sarà composto da un microchip da applicare sui lacci delle scarpe e da lettori sensibili e antenne che comunicheranno in radiofrequenza, collegati tra loro in rete. In questo modo gli sportivi potranno “indossare” il chip e allenarsi con la certezza del rilevamento automatico dei tempi di passaggio. Così da programmare con precisione gli allenamenti e ritirare poi i risultati alla fine del percorso nella modalità preferita: stampati, via mail o via sms. In più, un portale internet dedicato consentirà di tenere i rapporti con e tra i praticanti che frequentano i percorsi dislocati su tutto il territorio nazionale.

La campagna, insomma, diventerà una sorta di palestra a cielo aperto in cui poter fare una gita o una vacanza “sportiva” immersi nei luoghi dove la cultura agroalimentare per eccellenza è di casa, scoprendo (e assaggiando) quali sono e come si producono tutti quegli alimenti indispensabili per una dieta corretta ed equilibrata, fondamentale sia per l’atleta professionista sia per chi fa movimento per stare bene o per affrontare un percorso riabilitativo dopo un infortunio.

La fase sperimentale del progetto è già a buon punto in Puglia, Veneto e Umbria, mentre è ai nastri di partenza in Toscana, Emilia, Piemonte, Lazio, Lombardia, Trentino e Sardegna. Obiettivo di Cia e Fidal è arrivare a chiudere la sperimentazione entro la fine della primavera, così da inaugurare le prime “fattorie” la prossima estate.

Inoltre, per aiutare il cittadino a orientarsi nella scelta dell’azienda o dell’agriturismo più vicino o più adatto, verrà pubblicata anche una guida delle “Fattorie sportive” sul territorio nazionale. La Cia stima che in Italia le strutture che oggi posseggono i requisiti per ospitare “di corsa” gli appassionati di sport sono oltre 500.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende