Home » Comunicati Stampa » A Genova il convegno “Amministrare una città sostenibile”:

A Genova il convegno “Amministrare una città sostenibile”

marzo 8, 2010 Comunicati Stampa

Courtesy of www.energethica.comSi è tenuto venerdì 5 febbraio, presso la Fiera di Genova, il convegno “Amministrare una città sostenibile”, a cura di Energethica. L’evento, conclusosi sabato 06 marzo, ha affiancato affianca all’esposizione un’autorevole sessione convegnistica per fornire un’adeguata diffusione culturale, oltre che commerciale.

La città come principale infrastruttura per la vita e l’economia sostenibile del futuro: questo il tema su cui si sono confrontati i relatori del convegno “Amministrare una città sostenibile”, proseguendo la riflessione che iniziò già a Siviglia nel 2007, in occasione del convegno delle città sostenibili. Come ha fatto notare la moderatrice dell’incontro Pinuccia Montanari, del Comune di Genova, gli amministratori hanno il compito delicato e difficile di tradurre ciò che viene deciso dall’alto e in questa sfida vanno aiutati, fornendo loro riferimenti pratici, perché possano aumentare gli esempi di amministratori virtuosi che già esistono. “O la sostenibilità passerà attraverso le città o si perderà la sfida”, sottolinea Franco Zunino, Assessore all’Ambiente della Regione Liguria. E’ cruciale in quest’ottica, secondo Zunino, saper e poter intrecciare il globale con il locale, procedere agli acquisti verdi, imparare a considerare alcune criticità come un’opportunità piuttosto che come un problema (i rifiuti per esempio), stipulare piani energetici ambientali regionali, ecc. Franco Zunino ha ricordato una legge regionale della Liguria, la 22 del 2006, con cui veniva introdotta la certificazione energetica degli edifici, strumento essenziale che purtroppo una successiva legge statale ha inficiato parzialmente, abolendo le sanzioni previste. Nel proprio intervento Pietro Novelli, della Regione Toscana, ha raccontato tutti gli strumenti messi a punto dalla propria amministrazione sul cammino della sostenibilità: dai già citati acquisti verdi dell’amministrazione, ovvero i Green Public Procurement (GPP), al Premio Ecoefficienza 2009-2010, alla predisposizione di alcuni indicatori di sostenibilità per finire con la Rete delle Agende 21, nata dalla volontà degli Enti Locali toscani di collaborare per rendere più efficace e rapido il processo di applicazione dei principi di sviluppo sostenibile. E’ intervenuto anche Daniel Morchain, della ICLEI, acronimo di International Council for Local Environmental Initiatives – che è un’associazione internazionale costituita da amministrazioni locali che si occupa di prevenire e risolvere problemi ambientali locali, nazionali e globali attraverso la realizzazione di azioni a livello locale. A proposito dell’attività della ICLEI, Morchain cita l’interessante e pionieristico esempio della casa solare di Rosignano: realizzata in provincia di Livorno si tratta di un prototipo di casa ideale a basso consumo energetico che prevede un involucro ad alto isolamento termico e l’installazione al suo interno di impianti a fonti rinnovabili e ad alta efficienza energetica. Morchain ricorda il concetto del Gross National Happiness, in antitesi al PIL, indice che tiene conto anche dell’oramai riconosciuto concetto di felicità, al quale contribuisce dunque anche la presenza di aree verdi, di maggior tempo a disposizione, di aria pulita, ecc

La questione calda è ancora una volta la possibile alleanza tra beneficio economico e impatto ambientale e a questo proposito l’esperienza dell’Environmental Park di Torino, raccontata da Stefano Dotta, rappresenta una delle best practices in assoluto.

L’Environment Park è uno dei due parchi tecnologici torinesi nati da operazioni di trasformazione urbana. Esso sorge sulle aree ex-Teksid (circa 25.000 metri quadri) ed è stato realizzato tra il 1997 e il 2000 grazie al finanziamento dell’Unione Europea e su iniziativa di Regione Piemonte, Città di Torino e Unione Europea. Si tratta del primo Parco Scientifico Tecnologico dedicato alle tecnologie ambientali, con l’ambizione di promuovere lo sviluppo della ricerca applicata favorendo l’integrazione dei criteri ambientali nella produzione e nel processo di consumo mediante il supporto all’innovazione tecnologica. Dotta ha illustrato come la zona di Spina 3, precedentemente destinata all’industria pesante, è stata riqualificata, offrendo uno spazio a una sessantina di aziende che lavorano sulle tematiche ambientali, producendo energia termica da fonti rinnovabili, realizzando due laboratori di eccellenza nel settore delle nano tecnologie e dell’utilizzo dell’idrogeno. Stefano Dotta spiega anche come è stato realizzato il progetto della centralina idroelettrica, che rende autosufficiente tutto il complesso dell’Environment Park torinese e costituisce il primo esempio di centrale idroelettrica urbana, sfruttando le acque del fiume Dora Riparia e un vecchio canale recuperato. Una realtà che racconta meglio di tante parole, con il suo risparmio annuale di 1.900 tonnellate di emissioni di gas serra in atmosfera, come la logica del profitto possa andare a braccetto con l’ambiente.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende