Home » Comunicati Stampa » Corona Verde. Un progetto di integrazione delle aree naturali con il territorio metropolitano:

Corona Verde. Un progetto di integrazione delle aree naturali con il territorio metropolitano

aprile 30, 2010 Comunicati Stampa

stupinigi, Courtesy of rositour.it

Lunedì 3 maggio si svolgerà, nel Centro Incontri della Regione Piemonte a Torino, un seminario di supporto alla progettazione della cosiddetta Corona Verde torinese.

L’incontro ha lo scopo di coordinare e aiutare le progettazioni locali nelle tematiche di interesse del progetto e contribuire all’individuazione dei “Criteri per la progettazione” vincolanti, ai fini dell’assegnazione dei finanziamenti del “POR – FESR 2007 – 2013“.

Il Progetto Corona Verde nasce dall’idea di integrare tra loro i beni ambientali e gli spazi aperti presenti intorno all’area metropolitana torinese per la loro tutela – a fronte della continua espansione urbana -  sviluppando una visione di territorio già presente negli elaborati dei Piani regolatori dei territori comunali sin dagli anni 70, ma riproponendola in una nuova ottica.

Già agli albori di questa nuova esperienza il Parco regionale del Po torinese propose infatti, alla fine degli anni 90, che le aree protette costituissero l’asse fondamentale per una integrazione fra le aree libere intorno all’area metropolitana, individuando tale azione come una fondamentale attività per controllare gli impatti negativi sulle stesse aree protette, ma anche mirando ad una virtuosa attività di gestione dei territori esterni confinanti. In particolare i corsi d’acqua protetti rappresentano gli assi di qualità ambientale prioritari individuati per il contesto urbano e periurbano: a questi si affiancano territori  protetti di grande significato, che la Regione Piemonte ha voluto tutelare con l’istituzione dei parchi a partire dagli anni 70.

Questo approccio si colloca entro la visione delle aree protette come attori del territorio e li vede come soggetti non isolati, ma facenti parte di una rete di politiche per l’ambiente: quella visione che Valerio Giacomini indicò negli anni 80 nel suo celebre saggio “Uomini e Parchi”. L’area metropolitana torinese è uno dei contesti urbani antropizzati della pianura padana dove i problemi di peso insediativo e di suo equilibrio con le infrastrutture grigie presentano un significativo impatto. Il contesto torinese è però anche contraddistinto da una qualità ambientale e paesaggistica speciale. Le realtà ambientali presenti sono di assoluto interesse geografico, paesaggistico ed ecologico: oltre ai fiumi sono presenti rilievi di origine glaciale, come le morene della Val di Susa che si spingono sino a Torino, le colline di origine tettonica a oriente con ambienti di grande interesse fitogeografico, i boschi di pianura come la Mandria e Stupinigi e il sistema fluviale.

Il Progetto nasce dunque dalla proposta del 1997 del Parco del Po torinese e nel 2000 diviene programma regionale strategico riconosciuto nell’ambito della programmazione dei fondi europei 2000-2006.  In questa prima fase viene impostato il quadro di azioni che vede l’individuazione dell’infrastruttura verde, la mappatura delle reti insediative, di quelle rurali ed agricole, dell’importante maglia storica, dei percorsi e dei valori percettivi ed infine le criticità e le progettualità per ambiti.

Nella seconda fase, avviata nel 2009 e basata sull’utilizzo dei fondi struturali 2007-2013 per 10 milioni di euro, accanto a nuove progettualità ed opere, l’attività è indirizzata ad un significativo miglioramento delle modalità di gestione  della progettazione partecipata, oltre all’individuazione finalizzata dei corridoi di connessione nei quali concentrare gli sforzi delle attività progettuali, proponendo una più chiara definizione del carattere permanente del programma, rispetto a quanto comunicato e percepito nella precedente fase, eccessivamente legata al periodo dei fondi europei.

L’attività della prima fase si é composta sia di una azione diretta di trasformazione, con cantieri avviati per una spesa complessiva di 15 milioni di euro e  circa 30 progetti realizzati. Un elemento quantitativo importante, che tuttavia non viene seguito da una analoga omogeneità qualitativa. Troppi interventi infatti sono limitativi per la loro scarsa capacità di realizzare una significativa rete di riqualificazione, a partire dalla condivisione degli obiettivi su scala locale.

Ribaltando l’approccio tradizionale, si parte dagli spazi aperti, (la campagna periurbana, i contesti dei beni storico-culturali) per proporre nuove strategie di sviluppo sostenibile su scala territoriale, che comportino a cascata nuovi indirizzi urbanistici e infrastrutturali..

Emerge quindi un primo schema concettuale per la Corona Verde indirizzato a garantire:

  1. la continuità del sistema rurale e naturale verso il nucleo urbanizzato;
  2. il potenziamento di nodi e connessioni della rete ecologica nell’area metropolitana, appoggiata alle fasce fluviali, alle aree protette e ai parchi agricoli in previsione;
  3. il potenziamento delle connessioni paesistiche e fruitive tra i beni culturali, a partire dalla corona di delitie arricchita dal tessuto di beni storici diffusi;
  4. la qualificazione degli spazi aperti periurbani, come elemento identitario degli sviluppi insediativi dei centri metropolitani da mettere a sistema.

Il quadro generale che si viene così a definire è quello di costruire una maglia di interpretazione nuova del territorio metropolitano, nella quale assumano rilievo le fasce fluviali, le aree protette e i loro ampliamenti proposti , le fasce delle inner belt, le aree agricole per la rete ambientale, le connessioni da potenziare e le barriere da superare, le fasce di mitigazione delle infrastrutture, gli intervalli nel costruito da mantenere, e i bordi urbani da ridefinire oltre ad individuare un tessuto ambientale che, al contrario di altre aree urbane italiane, presenti un vasto sistema di territori aperti e di qualità.

Ippolito Ostellino

 

Corona verde

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende