Home » Comunicati Stampa » Ecolabel, alla BIT lezioni di sostenibilità:

Ecolabel, alla BIT lezioni di sostenibilità

febbraio 18, 2011 Comunicati Stampa

EcolabelAnche Bit 2011, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, punta quest’anno su sostenibilità e turismo a impatto zero, parole chiave del convegno “Ecolabel per le strutture ricettive”, organizzato dal Comune di Milano e dall’Associazione Ideaazione.

Il 18 febbraio (alle 10.15) all’interno del Padiglione 3 (stand D 46-C 37) della Fiera di Rho, docenti e addetti ai lavori discuteranno sull’Ecolabel, elemento di migliore competizione o bluff? Nella giornata di venerdì verrà presentato anche un corso su come accedere al marchio.

Risparmio idrico, riduzione dell’inquinamento acustico, lampade a basso consumo: recenti indagini ci informano che il 70% degli italiani gradirebbe servizi turistici eco-compatibili. Ma come si trasforma il proprio hotel in un hotel rispettoso dell’ambiente e del territorio? L’Assessore Alessandro Morelli (Turismo, Marketing Territoriale e Identità del Comune di Milano), l’architetto Olivia Carone (Fondazione AEM), Andrea Martignano (Presidente dell’Associazione Ideaazione), Manuela Danio (Università degli Studi di Pavia), Maurizio Faroldi (General Manager dell’Hotel Milano Scala) e  Carlo Ciolfi (responsabile Grandi Clienti e New Business Development di Osram) cercheranno di dare delle risposte.

Opportunità o flop? Le strutture turistiche che si fregiano del marchio ecologico europeo si distinguono per l’impegno verso la salvaguardia dell’ambiente e della salute umana. L’adozione di misure di carattere ambientale richiede tempi e sforzi, ma contribuisce a mettere a nudo quelli che sono, sotto il profilo ecologico ed economico, veri e propri punti di debolezza di una struttura turistica. Ma esistono vantaggi di costo legati all’eco-efficienza. Infatti la riduzione del consumo di risorse naturali quali combustibili fossili, energia ed acqua consente, a fronte di un investimento iniziale, una riduzione considerevole dei costi nel medio-lungo periodo

La visibilità dell’etichetta ecologica europea rappresenta inoltre, per le strutture che riescono ad ottenerla, una forma ulteriore di pubblicità e un fattore di scelta discriminante, soprattutto da parte dei turisti più sensibili al rispetto ed alla salvaguardia dell’ambiente. Si intravede sempre di più un’Italia sensibile ai  servizi offerti, anche a seguito dell’adozione di misure per la tutela del territorio. Secondo i dati raccolti dall’Ispra nel 2000 erano 6 le licenze Ecolabel rilasciate in Italia, nel settembre 2008 sono diventate 218 e 3503 i prodotti certificati. Per quanto riguarda la ripartizione delle aree geografiche, le licenze concesse si concentrano soprattutto al Nord con il 74% di marchi certificati, 19% al Centro, mentre il Sud è ancora fermo al 6%. Ma in futuro si prevede una crescita più veloce delle certificazioni ecologiche.

Fondamentale alla spinta sarà anche il Sesto Programma Comunitario di Azione per l’Ambiente, che fissa le priorità e gli obiettivi della politica ambientale della UE fino al 2012. Il programma si concentra sul cambiamento climatico, biodiversità, ambiente e salute, gestione sostenibile delle risorse e dei rifiuti, quattro punti sui quali intervenire attraverso cinque assi di azione strategica: migliorare l’applicazione della legislazione vigente, imtegrare le tematiche ambientali nelle altre politiche, collaborare con il mercato, tener conto dell’ambiente nelle decisioni in materia di assetto e gestione territoriale, coinvolgere i cittadini aiutandoli a modificare il loro comportamento.

Obiettivo, quindi, del programma è l’educazione dei consumatori che, attraverso una accessibile e corretta informazione in materia di ambiente, potranno scegliere i prodotti più ecologici, orientando così il mercato e migliorando la qualità della vita. Il Programma Europeo indica come strumenti idonei per attuarlo anche l’Ecolabel.

Per questo l’Associazione Ideaazione, promotrice del convegno, è  impegnata in attività di networking, di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, degli amministratori locali e delle imprese, di lobbying e di formazione, per mettere a disposizione dei professionisti e delle imprese del settore turistico-ricettivo l’esperienza e il know-how per conseguire la certificazione.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende