Home » Comunicati Stampa » Ecolabel, alla BIT lezioni di sostenibilità:

Ecolabel, alla BIT lezioni di sostenibilità

febbraio 18, 2011 Comunicati Stampa

EcolabelAnche Bit 2011, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, punta quest’anno su sostenibilità e turismo a impatto zero, parole chiave del convegno “Ecolabel per le strutture ricettive”, organizzato dal Comune di Milano e dall’Associazione Ideaazione.

Il 18 febbraio (alle 10.15) all’interno del Padiglione 3 (stand D 46-C 37) della Fiera di Rho, docenti e addetti ai lavori discuteranno sull’Ecolabel, elemento di migliore competizione o bluff? Nella giornata di venerdì verrà presentato anche un corso su come accedere al marchio.

Risparmio idrico, riduzione dell’inquinamento acustico, lampade a basso consumo: recenti indagini ci informano che il 70% degli italiani gradirebbe servizi turistici eco-compatibili. Ma come si trasforma il proprio hotel in un hotel rispettoso dell’ambiente e del territorio? L’Assessore Alessandro Morelli (Turismo, Marketing Territoriale e Identità del Comune di Milano), l’architetto Olivia Carone (Fondazione AEM), Andrea Martignano (Presidente dell’Associazione Ideaazione), Manuela Danio (Università degli Studi di Pavia), Maurizio Faroldi (General Manager dell’Hotel Milano Scala) e  Carlo Ciolfi (responsabile Grandi Clienti e New Business Development di Osram) cercheranno di dare delle risposte.

Opportunità o flop? Le strutture turistiche che si fregiano del marchio ecologico europeo si distinguono per l’impegno verso la salvaguardia dell’ambiente e della salute umana. L’adozione di misure di carattere ambientale richiede tempi e sforzi, ma contribuisce a mettere a nudo quelli che sono, sotto il profilo ecologico ed economico, veri e propri punti di debolezza di una struttura turistica. Ma esistono vantaggi di costo legati all’eco-efficienza. Infatti la riduzione del consumo di risorse naturali quali combustibili fossili, energia ed acqua consente, a fronte di un investimento iniziale, una riduzione considerevole dei costi nel medio-lungo periodo

La visibilità dell’etichetta ecologica europea rappresenta inoltre, per le strutture che riescono ad ottenerla, una forma ulteriore di pubblicità e un fattore di scelta discriminante, soprattutto da parte dei turisti più sensibili al rispetto ed alla salvaguardia dell’ambiente. Si intravede sempre di più un’Italia sensibile ai  servizi offerti, anche a seguito dell’adozione di misure per la tutela del territorio. Secondo i dati raccolti dall’Ispra nel 2000 erano 6 le licenze Ecolabel rilasciate in Italia, nel settembre 2008 sono diventate 218 e 3503 i prodotti certificati. Per quanto riguarda la ripartizione delle aree geografiche, le licenze concesse si concentrano soprattutto al Nord con il 74% di marchi certificati, 19% al Centro, mentre il Sud è ancora fermo al 6%. Ma in futuro si prevede una crescita più veloce delle certificazioni ecologiche.

Fondamentale alla spinta sarà anche il Sesto Programma Comunitario di Azione per l’Ambiente, che fissa le priorità e gli obiettivi della politica ambientale della UE fino al 2012. Il programma si concentra sul cambiamento climatico, biodiversità, ambiente e salute, gestione sostenibile delle risorse e dei rifiuti, quattro punti sui quali intervenire attraverso cinque assi di azione strategica: migliorare l’applicazione della legislazione vigente, imtegrare le tematiche ambientali nelle altre politiche, collaborare con il mercato, tener conto dell’ambiente nelle decisioni in materia di assetto e gestione territoriale, coinvolgere i cittadini aiutandoli a modificare il loro comportamento.

Obiettivo, quindi, del programma è l’educazione dei consumatori che, attraverso una accessibile e corretta informazione in materia di ambiente, potranno scegliere i prodotti più ecologici, orientando così il mercato e migliorando la qualità della vita. Il Programma Europeo indica come strumenti idonei per attuarlo anche l’Ecolabel.

Per questo l’Associazione Ideaazione, promotrice del convegno, è  impegnata in attività di networking, di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, degli amministratori locali e delle imprese, di lobbying e di formazione, per mettere a disposizione dei professionisti e delle imprese del settore turistico-ricettivo l’esperienza e il know-how per conseguire la certificazione.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende