Home » Comunicati Stampa » Ecolabel, alla BIT lezioni di sostenibilità:

Ecolabel, alla BIT lezioni di sostenibilità

febbraio 18, 2011 Comunicati Stampa

EcolabelAnche Bit 2011, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, punta quest’anno su sostenibilità e turismo a impatto zero, parole chiave del convegno “Ecolabel per le strutture ricettive”, organizzato dal Comune di Milano e dall’Associazione Ideaazione.

Il 18 febbraio (alle 10.15) all’interno del Padiglione 3 (stand D 46-C 37) della Fiera di Rho, docenti e addetti ai lavori discuteranno sull’Ecolabel, elemento di migliore competizione o bluff? Nella giornata di venerdì verrà presentato anche un corso su come accedere al marchio.

Risparmio idrico, riduzione dell’inquinamento acustico, lampade a basso consumo: recenti indagini ci informano che il 70% degli italiani gradirebbe servizi turistici eco-compatibili. Ma come si trasforma il proprio hotel in un hotel rispettoso dell’ambiente e del territorio? L’Assessore Alessandro Morelli (Turismo, Marketing Territoriale e Identità del Comune di Milano), l’architetto Olivia Carone (Fondazione AEM), Andrea Martignano (Presidente dell’Associazione Ideaazione), Manuela Danio (Università degli Studi di Pavia), Maurizio Faroldi (General Manager dell’Hotel Milano Scala) e  Carlo Ciolfi (responsabile Grandi Clienti e New Business Development di Osram) cercheranno di dare delle risposte.

Opportunità o flop? Le strutture turistiche che si fregiano del marchio ecologico europeo si distinguono per l’impegno verso la salvaguardia dell’ambiente e della salute umana. L’adozione di misure di carattere ambientale richiede tempi e sforzi, ma contribuisce a mettere a nudo quelli che sono, sotto il profilo ecologico ed economico, veri e propri punti di debolezza di una struttura turistica. Ma esistono vantaggi di costo legati all’eco-efficienza. Infatti la riduzione del consumo di risorse naturali quali combustibili fossili, energia ed acqua consente, a fronte di un investimento iniziale, una riduzione considerevole dei costi nel medio-lungo periodo

La visibilità dell’etichetta ecologica europea rappresenta inoltre, per le strutture che riescono ad ottenerla, una forma ulteriore di pubblicità e un fattore di scelta discriminante, soprattutto da parte dei turisti più sensibili al rispetto ed alla salvaguardia dell’ambiente. Si intravede sempre di più un’Italia sensibile ai  servizi offerti, anche a seguito dell’adozione di misure per la tutela del territorio. Secondo i dati raccolti dall’Ispra nel 2000 erano 6 le licenze Ecolabel rilasciate in Italia, nel settembre 2008 sono diventate 218 e 3503 i prodotti certificati. Per quanto riguarda la ripartizione delle aree geografiche, le licenze concesse si concentrano soprattutto al Nord con il 74% di marchi certificati, 19% al Centro, mentre il Sud è ancora fermo al 6%. Ma in futuro si prevede una crescita più veloce delle certificazioni ecologiche.

Fondamentale alla spinta sarà anche il Sesto Programma Comunitario di Azione per l’Ambiente, che fissa le priorità e gli obiettivi della politica ambientale della UE fino al 2012. Il programma si concentra sul cambiamento climatico, biodiversità, ambiente e salute, gestione sostenibile delle risorse e dei rifiuti, quattro punti sui quali intervenire attraverso cinque assi di azione strategica: migliorare l’applicazione della legislazione vigente, imtegrare le tematiche ambientali nelle altre politiche, collaborare con il mercato, tener conto dell’ambiente nelle decisioni in materia di assetto e gestione territoriale, coinvolgere i cittadini aiutandoli a modificare il loro comportamento.

Obiettivo, quindi, del programma è l’educazione dei consumatori che, attraverso una accessibile e corretta informazione in materia di ambiente, potranno scegliere i prodotti più ecologici, orientando così il mercato e migliorando la qualità della vita. Il Programma Europeo indica come strumenti idonei per attuarlo anche l’Ecolabel.

Per questo l’Associazione Ideaazione, promotrice del convegno, è  impegnata in attività di networking, di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, degli amministratori locali e delle imprese, di lobbying e di formazione, per mettere a disposizione dei professionisti e delle imprese del settore turistico-ricettivo l’esperienza e il know-how per conseguire la certificazione.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende