Home » Comunicati Stampa »Normative » La Commissione UE propone regole più severe sulla demolizione navale:

La Commissione UE propone regole più severe sulla demolizione navale

marzo 28, 2012 Comunicati Stampa, Normative

La Commissione Europea ha proposto nuove regole per garantire il riciclo delle navi europee in impianti sicuri per i lavoratori e compatibili con l’ambiente. Ogni anno infatti oltre 1.000 grandi navi mercantili vecchie, come petroliere e portacontainer, sono avviate al riciclaggio per il recupero  dei rottami metallici; tuttavia, molte imbarcazioni finiscono su spiagge sabbiose dell’Asia meridionale, in luoghi di smaltimento non conformi agli standard, nella maggior parte dei casi senza misure di tutela ambientale e di sicurezza per la gestione dei materiali pericolosi come l’amianto, i policlorobifenili (PCB), lo stagno tributile e il morchie.

Janez Potočnik, Commissario per l’Ambiente, ha dichiarato: “Sebbene il settore del riciclaggio navale abbia migliorato le sue pratiche, molti impianti continuano a funzionare in condizioni di pericolo e potenziale danno. Scopo della proposta è garantire che le navi europee vecchie siano riciclate nel rispetto della salute dei lavoratori e dell’ambiente. Si tratta di un incitamento chiaro a investire con urgenza nel miglioramento degli impianti di riciclaggio.” Il regolamento è stato presentato insieme a Siim Kallas, vicepresidente e Commissario per i Trasporti.

La nuove proposte, che diventeranno un regolamento, suggeriscono che le grandi navi mercantili per la navigazione marittima battenti bandiera degli Stati membri dell’UE, adottino un sistema di controllo, certificazione e autorizzazione che monitorerà l’intero ciclo di vita, dalla costruzione all’esercizio, fino al riciclaggio.

Il sistema muove dalla “Convenzione di Hong Kong” per un riciclaggio delle navi sicuro e compatibile con l’ambiente - adottata nel 2009 – a cui la proposta odierna intende dare attuazione rapidamente, senza attenderne la ratifica e l’entrata in vigore (processo che richiederà vari anni). Per accelerare l’attuazione di quest’ultima, la Commissione ha presentato anche una proposta di decisione che impone agli Stati membri di ratificare la Convenzione.

Secondo il nuovo sistema le navi europee dovranno istituire un elenco di tutti i materiali pericolosi presenti a bordo e chiedere un certificato di inventario. Prima dell’ingresso delle imbarcazioni nell’impianto di riciclaggio, si dovranno ridurre i quantitativi di queste sostenze, anche nei residui di carico, oli combustibili, ecc.

Per poter essere inseriti nella lista degli impianti autorizzati a livello mondiale, gli impianti di riciclaggio dovranno soddisfare una serie di requisiti : il riciclaggio sarà permesso soltanto in quei luoghi.
La proposta impone inoltre a tutti gli armatori di notificare alle autorità nazionali l’intenzione di avviare una nave al riciclaggio: in questo modo sarà più facile individuare le operazioni illegali. Anche le sanzioni previste dal regolamento saranno più specifiche e stringenti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende