Home » Comunicati Stampa »Normative » La Commissione UE propone regole più severe sulla demolizione navale:

La Commissione UE propone regole più severe sulla demolizione navale

marzo 28, 2012 Comunicati Stampa, Normative

La Commissione Europea ha proposto nuove regole per garantire il riciclo delle navi europee in impianti sicuri per i lavoratori e compatibili con l’ambiente. Ogni anno infatti oltre 1.000 grandi navi mercantili vecchie, come petroliere e portacontainer, sono avviate al riciclaggio per il recupero  dei rottami metallici; tuttavia, molte imbarcazioni finiscono su spiagge sabbiose dell’Asia meridionale, in luoghi di smaltimento non conformi agli standard, nella maggior parte dei casi senza misure di tutela ambientale e di sicurezza per la gestione dei materiali pericolosi come l’amianto, i policlorobifenili (PCB), lo stagno tributile e il morchie.

Janez Potočnik, Commissario per l’Ambiente, ha dichiarato: “Sebbene il settore del riciclaggio navale abbia migliorato le sue pratiche, molti impianti continuano a funzionare in condizioni di pericolo e potenziale danno. Scopo della proposta è garantire che le navi europee vecchie siano riciclate nel rispetto della salute dei lavoratori e dell’ambiente. Si tratta di un incitamento chiaro a investire con urgenza nel miglioramento degli impianti di riciclaggio.” Il regolamento è stato presentato insieme a Siim Kallas, vicepresidente e Commissario per i Trasporti.

La nuove proposte, che diventeranno un regolamento, suggeriscono che le grandi navi mercantili per la navigazione marittima battenti bandiera degli Stati membri dell’UE, adottino un sistema di controllo, certificazione e autorizzazione che monitorerà l’intero ciclo di vita, dalla costruzione all’esercizio, fino al riciclaggio.

Il sistema muove dalla “Convenzione di Hong Kong” per un riciclaggio delle navi sicuro e compatibile con l’ambiente - adottata nel 2009 – a cui la proposta odierna intende dare attuazione rapidamente, senza attenderne la ratifica e l’entrata in vigore (processo che richiederà vari anni). Per accelerare l’attuazione di quest’ultima, la Commissione ha presentato anche una proposta di decisione che impone agli Stati membri di ratificare la Convenzione.

Secondo il nuovo sistema le navi europee dovranno istituire un elenco di tutti i materiali pericolosi presenti a bordo e chiedere un certificato di inventario. Prima dell’ingresso delle imbarcazioni nell’impianto di riciclaggio, si dovranno ridurre i quantitativi di queste sostenze, anche nei residui di carico, oli combustibili, ecc.

Per poter essere inseriti nella lista degli impianti autorizzati a livello mondiale, gli impianti di riciclaggio dovranno soddisfare una serie di requisiti : il riciclaggio sarà permesso soltanto in quei luoghi.
La proposta impone inoltre a tutti gli armatori di notificare alle autorità nazionali l’intenzione di avviare una nave al riciclaggio: in questo modo sarà più facile individuare le operazioni illegali. Anche le sanzioni previste dal regolamento saranno più specifiche e stringenti.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende