Home » Comunicati Stampa » La promozione delle vie navigabili all’Interporto di Rovigo:

La promozione delle vie navigabili all’Interporto di Rovigo

novembre 17, 2011 Comunicati Stampa

L’Europa ci crede. E l’Italia, soprattutto il nord, la Lombardia, il Veneto ci credono? Teoricamente forse si, in pratica è tutto da vedere. Il Reno è il fiume europeo più attrezzato per il commercio; il più grande porto fluviale d’Europa si trova a Duisburg in Germania; il Paese con il commercio fluviale più sviluppato è l’Olanda con i grandi porti di Amsterdam e Rotterdam.

Laddove si dispone di una rete moderna e diffusa, l’importanza delle idrovie risulta evidente perché consente prestazioni efficaci e riduzione dei costi; questo vale, ad esempio, per i prodotti combustibili solidi e liquidi, per i materiali di costruzione, i minerali ferrosi, i prodotti agroalimentari (cereali e mangimi), i prodotti chimici (fertilizzanti ed altre materie pericolose) ai quali la navigazione apporta valore aggiunto.

L’unione Europea ha identificato il ruolo strategico delle rotte marittime fin dal 1992 con il trattato di Maastricht, prefigurando una rete Transeuropea di trasporti integrata e intermodale  per migliorare e potenziare i collegamenti.

All’interno di questa Rete l’idrovia Padana rappresenta un obiettivo prioritario: oggi il canale navigabile Cremona – Mantova – mare, con un percorso di circa  280 chilometri, attraversa quattro province: un territorio che dispone di una dotazione infrastrutturale ancora da sviluppare e implementare, ma che ha tutte le potenzialità  per inserirsi a pieno titolo  nel modello reticolare a livello europeo.

Il trasporto fluviale è già disponibile per servire il mercato della pianura padana, con un totale di merci trasportate dal 2003 al 2008 di 2.000.000 tonn. a cui corrispondono oltre 70.000 TIR  tolti dalle arterie stradali. Una modalità che può e deve essere adeguatamente sfruttata, così come viene fatto in Europa.

Le esperienze europee dimostrano che anche il trasporto dei veicoli diviene vantaggioso con speciali imbarcazioni a doppio ponte e importanti case automobilistiche utilizzano in modo massiccio il trasporto fluviale; la possibilità di navigare con continuità offre una reale garanzia agli imprenditori sulla regolarità degli orari e sulla affidabilità del servizio, un vantaggio altamente apprezzato, spesso più importante della durata intrinseca del trasporto.

Ciò che incide, positivamente, è la puntualità, la sicurezza e, cosa non trascurabile, i costi vantaggiosi. Il trasporto può quindi diventare risorsa competitiva se utilizzata secondo l’ottica della logistica integrata e dell’utilizzo del trasporto merci via acqua; questa modalità consente infatti un abbattimento dei costi che va a vantaggio del sistema produttivo, della gestione delle aziende, della loro competitività, dell’apertura di nuovi mercati.

Questo significa che il sistema di navigazione interna padano veneto potrebbe diventare perno straordinario di sviluppo.

Ma non solo: c’è la possibilità di trasformare l’alto adriatico in una base logistica di rilievo europeo, spostando qui il traffico merci che ora fa riferimento al Nord Africa, dove si trovano porti sempre più competitivi per le tariffe vantaggiose e per la posizione geografica strategica. In Italia il 90% delle merci viaggia su gomma. E accettabile in un Paese bagnato dal mare, dotato di porti importanti, con un enorme traffico di merci in entrata e in uscita?

L’asse trasversale Est-Ovest della pianura padana interconnesso alle aree metropolitane di Torino, Milano e del Veneto è fra i più congestionati in Europa e presenta la maggior criticità per carenza di strutture logistiche, per i bassi livelli di affidabilità ferroviaria, stradale e autostradale, per l’elevata curva di incidenti stradali e per l’impatto sull’ambiente e sui consumi energetici.

In tale scenario sarebbe un errore non ricorrere al trasporto idroviario e non valorizzare  pienamente  il fiume Po; sotto il profilo della tipologia di merci, tanto la Lombardia come l’Emilia e il Veneto esprimono una elevata domanda di trasporto containers la cui movimentazione si adatta particolarmente al trasporto fluvio-marittimo.
E non manca l’esperienza concreta sul campo: oggi il canale navigabile Cremona -  Mantova – Rovigo – mare, ha un percorso di circa 280 chilometri parallelo al Po ed attraversa il territorio delle province di Cremona, Mantova, Verona e Rovigo dove è collocato un porto intermodale in grado di accogliere le navi fluvio-marittime.

Il sistema attuale, canale navigabile e fiume Po, collegato con i porti di Venezia, Chioggia, Porto Levante e Porto Garibaldi, funziona e in questi anni ha trasportato milioni di tonnellate di merci.

I progetti in corso di sistemazione del Canale, le proposte dell’AIPO sul Po, i finanziamenti europei ottenuti per l’intero sistema, fanno ben sperare che le tre Regioni servite da questa rete idroviaria e che da sole producono oltre il 50% del PIL italiano, troveranno – nelle aree industriali già progettate e costruite e in quelle in fase di realizzazione – una proposta per un loro ulteriore sviluppo, più compatibile.

La capacità del sistema a pieno regime è valutabile in circa 1.500.000 tonn/anno, che ridurrebbe il peso del traffico stradale in misura di 57.000-58.000 camion completi; una capacità è stata stimata realisticamente e prudenzialmente, basandosi su studi di traffico attualmente in essere.

La logistica integrata e l’intermodalità rappresentano una soluzione realmente efficace e vantaggiosa per la mobilità delle merci. Oltre alla riduzione dell’impatto ambientale e il controllo delle spese di trasporto, il fiume – navigazione marittima presenta un altro importante vantaggio: la possibilità di trasportare le merci senza variazioni di carico, il che comporta ulteriori risparmi sul tutto il processo di trasferimento delle merci.

Schema sui  

Vettori

di trasporto

a confronto

Caratteristiche Acqua Ferrovia Strada
Carico da 2.000 t 1 nave 50 carri a 4 assi 70 autoarticolati
Potenza impegnata 1Kw x 3.000Kg 1 Kw x 370 Kg 1 Kw x 150
Emissione gassose(proporzione fra 

le diverse modalità)

11 43 100
Consumi Energetici(grammi 

equivalenti di petrolio per tonnellata)

6,19 15,3 57,6

 

Se si calcola che per alcuni prodotti  il costo  maggiore da  sopportare è quello dello stoccaggio e del  trasporto, diventa immaginabile il beneficio in termini di economicità ottenibile, ad esempio, per quelli  agricoli e i derivati. Pensiamo ai mangimi o alle gramaglie  – la cui competitività oggi si gioca quasi solo ed esclusivamente sui costi di trasferimento.

Spostare il trasporto di merci per vie d’acqua riduce enormemente  la quantità di risorse necessarie per gli investimenti nelle infrastrutture di trasporto – le vie d’acqua esistono già – l’agricoltura non ne risente, anzi ne viene favorita: meno asfalto, meno inquinamento, più terreni agricoli. Oltretutto le vie navigabili interne hanno anche costi relativamente bassi di manutenzione.

Con l’idrovia, l’interporto, le  aree industriali per la logistica lungo l’asta navigabile, interconnesse con altre aree produttive del Veneto, il Polesine si candida a svolgere un ruolo di primo piano nel progetto di sviluppo dell’idrovia padana. Sicuramente non ha alcuna intenzione di tirarsi indietro, di rimane ai margini, anzi, vuole giocare fino in fondo questa partita, nella convinzione di poter essere protagonista.

Ci stiamo impegnando con forza – spiega il Presidente del Consorzio per lo Sviluppo del Polesine Angelo Zanellato – per far sì che venga posta maggiore attenzione al tema del trasporto fluviale, perché crediamo fermamente che sia una risposta alla crisi, uno strumento prioritario di competitività per le nostre imprese. Una base logistica nell’Alto Adriatico con il Polesine come punto di riferimento e con il necessario rispetto del territorio: questo il nostro obiettivo, ciò per cui stiamo lavorando duramente. Ma abbiamo bisogno della sinergia concreta con le istituzioni e con le imprese, perché si arrivi in tempi brevi ad un sistema efficiente, a vantaggio dell’economia, dell’ambiente e dell’occupazione. Il Polesine ha in più occasioni dimostrato di volerci essere e non verrà meno a questo impegno”.

Sarà possibile seguire un convegno sul tema il prossimo venerdì 18 novembre  presso l’Interporto di Rovigo (Sala Convegni in Viale delle Industrie 53 – ore 14.30).

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende