Home » Comunicati Stampa » Nuova Guinea, nel cuore della biodiversità:

Nuova Guinea, nel cuore della biodiversità

giugno 28, 2011 Comunicati Stampa

Tutti i ‘colori’ della biodiversità: lucertole turchese, chiocciole rosso fuoco, delfini rosa, rane verde smeraldo, gamberi arancioni o blu cobalto. E’ uno dei paradisi di biodiversità quello descritto dal nuovo rapporto del WWF “L’ultima frontiera: nuove specie scoperte in Nuova Guinea lanciato ieri al livello internazionale e accompagnato da una gallery fotografica.

Il team di ricercatori promosso dal WWF ha esplorato e catalogato la biodiversità delle foreste della Nuova Guinea tra il 1998 ed il 2008 arrivando in soli dieci anni a scoprire 1.060 specie nuove alla scienza, 218 piante tra le quali 100 orchidee, 43 rettili, 12 mammiferi tra i quali una specie unica di delfino e ancora 580 invertebrati, 134 anfibi  2 specie di uccelli e 71 pesci con un raro squalo che vive lungo le rive di alcuni dei più impenetrabili fiumi di questa che è la più grande isola tropicale e il cui territorio è suddiviso in due Stati ad ovest l’Indonesia e ad est la Papua Nuova Guinea e che ancora oggi mantiene la terza più grande foresta tropicale dopo quelle dell’Amazzonia e del Bacino del Congo.

Dal rapporto, che analizza la varietà di specie svelate dal 1998 al 2088, emerge una straordinaria ricchezza delle foreste della Nuova Guinea e sottolinea ancora una volta quanta e quale sia la straordinaria varietà che le foreste tropicali , e non sono quelle, riescono ancora a custodire. Per il WWF questa ricchezza ci “lancia” anche un messaggio per riflettere sulla necessità di osservare e studiare le foreste del pianeta prima di cancellarle per sempre e cercare di salvaguardarle considerando la pressione a cui sono sottoposte per la produzione di beni come legna, polpa per carta, coltivazione di terreni per piantagioni di Olio di Palma e altri prodotti agricoli e allevamenti zootecnici.

Dal primo capitolo del nuovo rapporto del WWF, il Living Forests Report, emerge che nel 2050 saranno scomparsi per sempre più di 230 milioni di ettari di foresta, se non si agisce subito. Il rapporto propone che i responsabili istituzionali e il settore privato siano concordi sull’obiettivo ZNDD “zero deforestazione e degradazione) entro il 2020 come obiettivo mondiale per evitare per pericolosi cambiamenti climatici e perdite di biodiversità.

L’isola della Nuova Guinea rappresenta meno dello 0,5 per cento dell’intera superficie terrestre ma mantiene tra il 6 e l’8 % delle specie finora scoperte a livello mondiale , con due terzi di queste che sono uniche, presenti solo qui.

“Con questo rapporto lanciato nell’anno delle foreste il WWF mostra ancora una volta al mondo intero quale crimine stiamo commettendo ” dichiara Massimiliano Rocco responsabile del programma Specie, TRAFFIC & Timber Trade del WWF Italia ” Sono ancora in corso processi di deforestazione portati avanti senza scrupoli nelle foreste amazzoniche come in quelle asiatiche o africane, per soddisfare  interessi privati sottraendo così’ alle economie locali e a popoli che abitano quelle foreste la possibilità di un futuro e negando lo sviluppo di processi di gestione sostenibile che possano garantire risorse primarie nel tempo. Così facendo alle foreste viene ‘impedito’ anche di contenere i fenomeni di emissione di gas nell’atmosfera: un altro aspetto critico della deforestazione, infatti,  è il suo impatto sui mutamenti climatici, responsabile per ben un 18 % dei gas emessi nell’atmosfera”.

Le Foreste di questo angolo di paradiso sono oggi sotto incredibile attacco. Foreste vergini, bacini idrografici , coste e barriere coralline sono oggetto di grandi interessi speculativi e compagnie interessate allo sviluppo di concessioni forestali, miniere, piantagioni di olio di palma e polpa per la carta, terreni agricoli stanno barattando per i loro interessi la vita di questa ricca biodiversità. Già nel 24 % delle foreste della Papua Nuova Guinea sono evidenti i segni di processi forestali e di conversione in terreni agricoli portati avanti dal 1972 al 2002, e gli occhi di interessi privati sono puntati su quello che rimane intatto di questo patrimonio lussureggiante. Gli stessi studi evidenziano che il tasso di autorizzazione che rendono le foreste accessibili al taglio industriale è arrivato al 3,4 % all’anno, tasso nettamente superiore a quelli precedentemente riportati.

“Nonostante la remota posizione, gli habitat naturali della Nuova Guinea stanno scomparendo ad una velocità allarmante. Le foreste dell’isola sono esposte a serie minacce, il taglio, lo sfruttamento delle miniere, il commercio delle specie selvatiche e la conversione in aree agricole, specialmente per l’olio di palma” sostiene Eric Verheij, Conservation Director, del WWF Western Melanesia.

La Cina acquista quasi l’82% del legname esportato ogni anno dalla PNG, un volume totale di più di 2 milioni di metri cubi. studi dimostrano che il 70% di questi tagli è illegale. La domanda di olio di palma sta anche distruggendo molte delle preziose foreste tropicali della PNG. Grandi distese forestali sull’isola (e sull’intera regione) sono soggette a taglio per le monocolture ad olio di palma, distruggendo habitat critici per molte specie in pericolo di estinzione.

In Italia, per accrescere le conoscenze e l’interesse di imprese e stakeholder su temi quali il mercato del legname, la gestione delle foreste e le normative e certificazioni di riferimento nell’Anno delle Foreste il WWF Italia ha lanciato recentemente una nuova piattaforma web “Imprese per le Foreste”, dedicata al tema della gestione forestale sostenibile - . E’ uno strumento che permette alle aziende di coniugare sviluppo e conservazione, promuovendo sia i principali progetti WWF di tutela delle foreste sia i programmi di orientamento di policy e pratiche ambientali in un’ottica di sostenibilità.


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende