Home » Comunicati Stampa » Climate Savers: con il programma del WWF risparmiate 100 mln di tnl di CO2:

Climate Savers: con il programma del WWF risparmiate 100 mln di tnl di CO2

maggio 10, 2012 Comunicati Stampa

Ben 100 milioni di tonnellate di emissioni di CO2, pari al doppio di quelle prodotte ogni anno dalla Svizzera: è la quantità di emissioni di anidride carbonica risparmiata in 12 anni, dal 1999 al 2011, dalle aziende che hanno aderito al programma Climate Savers del WWF e che entro il 2020 potrebbe trasformarsi in una riduzione complessiva – calcolata a partire dal 1999 – di oltre 350 milioni di tonnellate, una quantità equivalente alle emissioni annue prodotte dalla Spagna. Lo rivela lo studio The Carbon Impact of WWF’s Climate Savers Programme (G. Linthorst, V. Hoen, M. Cuijpers. Ecofys, Utrecht, Paesi Bassi) condotto dagli esperti dell’istituto di ricerca internazionale sull’energia Ecofys, pubblicato ieri e consultabile.

I dati sono stati diffusi dal WWF in occasione dell’evento ‘NEXT – Leading business into a low-carbon future’, che si svolge il 9 maggio a Rotterdam, in Olanda, per incoraggiare le attuali aziende Climate Savers e altre imprese a incrementare ulteriormente gli sforzi dell’industria contro il riscaldamento globale e cogliere le opportunità legate a un’economia a basse emissioni.

L’analisi Ecofys evidenzia un enorme potenziale di riduzione delle emissioni: se altre grandi aziende decidessero di seguire l’esempio delle aziende attualmente aderenti a Climate Savers, anche solo nei 16 settori industriali in cui il programma è attivo, potrebbero essere evitate tra i 500 e i 1000 milioni di tonnellate di emissioni ogni anno fino al 2020, una cifra paragonabile all’attuale livello di emissioni annuali di un Paese come la Germania .

Secondo Ecofys queste riduzioni possono contribuire fino al 9% alla soluzione di quello che l’UNEP chiama l’“emissions gap”, ovvero la differenza tra le emissioni di gas a effetto serra in aumento e ciò che è necessario ridurre per mettere il mondo su un percorso che limiti l’aumento medio della temperatura globale al di sotto dei 2 gradi Celsius rispetto all’epoca preindustriale ed eviti i cambiamenti climatici catastrofici.

 

“Le aziende Climate Savers hanno assunto con i propri impegni, concreti e misurabili, una leadership sulle tematiche del clima e dell’energia – afferma Irma Biseo, Direttore Partenariati con le imprese WWF Italia – dimostrando che è possibile ridurre gli impatti ambientali investendo in strategie e tecnologie innovative e, allo stesso tempo, crescere in termini di produzione e competitività. Impegnarsi nella de-carbonizzazione oggi rappresenta nel breve e medio periodo un vantaggio competitivo, oltre che di immagine, e attrezza le aziende per il futuro prossimo che sarà imperniato sulla nuova economia verde”.

In Italia la prima ‘azienda Climate Savers’ è il Gruppo Sofidel, noto con il marchio ‘Regina’ e secondo produttore in Europa di carta per uso igienico e domestico, che ha aderito al programma internazionale WWF nel 2008 impegnandosi a ridurre le emissioni di CO2 del 26% entro il 2020 (rispetto ai livelli del 2007).

“L’impegno del Gruppo Sofidel a fianco del WWF si colloca in un ampio progetto di responsabilità sociale che vede l’azienda impegnata a favore di uno sviluppo industriale maggiormente sostenibile. – dichiara Luigi Lazzareschi, Amministratore Delegato Sofidel – “Da tempo l’attenzione all’ambiente e’ parte della nostra cultura aziendale e riconosciamo l’importanza di politiche di buona gestione come fattore di innovazione e crescita competitiva”.

Per raggiungere l’obiettivo fissato con il WWF, Sofidel ha investito ad oggi più di 18 milioni di euro. Gli interventi sono andati dall’incremento dell’utilizzo delle fonti rinnovabili, al miglioramento dell’efficienza di impianti e attrezzature, all’investimento in impianti di cogenerazione.

Attualmente sono 27 le aziende che aderiscono al Programma WWF Climate Savers, tra cui: HP, IBM, Johnson & Johnson, KPN, National Geographic, Alpro, Arjowiggins Graphic. E ancora: Nokia Siemens Networks, Novo Nordisk, Sofidel (unica azienda italiana), Sony. Nell’analisi sono inclusi anche gli impegni di ex membri del programma: Nokia, Polaroid, Spitsbergen.

“L’efficienza delle risorse e l’obiettivo di un’economia a basse emissioni di carbonio devono diventare parte del DNA aziendale, anche in considerazione di fattori come gli alti prezzi del carburante e delle materie prime” spiega Alexander Quarles van Ufford, Senior Manager Partnerships del WWF Internazionale, “Maggiori impegni volontari da parte dell’industria sono possibili e necessari. Ma la portata del compito fa capire che non può essere realizzato solo mediante un’azione volontaria delle imprese. I governi devono rafforzare il quadro internazionale della politica per imporre una più incisiva riduzione delle emissioni.”

Kornelis Blok, Direttore Scientifico di Ecofys, che ha seguito direttamente l’analisi afferma: “Abbiamo studiato l’impegno di molte aziende nella riduzione delle emissioni e l’analisi mostra che non ci sono solo buone intenzioni ma che si sta ottenendo un impatto concreto”.

 

Ecofys ha raccolto i dati sulle emissioni provenienti da aziende Climate Savers e sulle emissioni previste per il periodo successivo al 2011, sulla base dell’impegno di ciascuna società. È stato sviluppato uno scenario “business as usual” mostrando quale sarebbe stato il livello di emissioni se le aziende non avessero assunto obiettivi di riduzione. I risparmi annuali di emissioni sono stati tratti dalla differenza tra lo scenario business-as-usual e le emissioni reali e previste. I calcoli delle emissioni includono le emissioni derivanti dalle attività dell’azienda (il cosiddetto  ‘scopo 1′), le emissioni indirette (scopo 2) derivanti dall’acquisto di energia elettrica, utilizzo di calore o vapore e altre emissioni indirette (scopo 3) derivanti dalla catena di fornitura non direttamente sotto il controllo della società.


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende