Home » Comunicati Stampa » #SOSBrazil, un tweet per bloccare la riforma della legge forestale:

#SOSBrazil, un tweet per bloccare la riforma della legge forestale

marzo 7, 2012 Comunicati Stampa

Il mondo “twitta” per le foreste del Brasile. Con l’hashtag  # SOSBrazil il WWF Brasile, insieme a Greenpeace e altre associazioni brasiliane, ha lanciato ieri sul social network un appello al presidente brasiliano Dilma Rousseff per bloccare la riforma della legge forestale, che rischia di “perdonare” l’equivalente di 5 miliardi di dollari in eco-crimini e mettere a serio rischio la tutela delle foreste brasiliane.

Il Brasile, in realtà, ha costruito una ben meritata reputazione nella gestione della foresta e la tutela dell’ambiente. Tuttavia, nonostante l’opposizione della popolazione brasiliana e contro le prove scientifiche e la consulenza legale, il  7 marzo il Congresso Nazionale brasiliano vuole approvare le modifiche alla legge forestale, con il rischio – denunciano le associazioni – che questo si traduca in un grave danno ambientale, politico ed economico.

A pochi mesi dal vertice di Rio+20, in programma il 20 giugno 2012, il governo brasiliano rischia dunque una costosa perdita di reputazione internazionale nel campo della biodiversità e della protezione del clima, visto che  si è impegnato a ridurre dell’80% la deforestazione in Amazzonia, del 40% nel  Cerrado, per limitare la crescita delle emissioni di gas serra fino al 39% entro il 2020. Entrambi gli impegni sono collegati e, secondo i promotori della campagna di sensibilizzazione, sarà impossibile soddisfarli  se la proposta diventerà legge. Salvare le foreste, si legge nel comunicato, ”deve essere un impegno di tutti, contrastando norme come questa e promuovendo giorno dopo giorno acquisti responsabili, dai libri ai quaderni, dai mobili al parquet che usi legno e suoi derivati certificati, come quelli FSC”.

 

 

“E’ necessario invitare il Governo Monti a recuperare il tempo perduto e a fare si che l’Italia, uno dei più importanti mercati al mondo di legname tropicale e non solo, nomini finalmente la sua Autorità FLEGT Forest Law Enforcement, Governance and Trade e crei quel sistema di gestione e monitoraggio delle norme in materia di commercio di legname che sono richieste dalla UE  nel nuovo Regolamento per contrastare il commercio illegale del legname, a cui finora il nostro paese non ha dato ancora seguito, ultimo in Europa.” – ha commentato Massimiliano Rocco, Responsabile Foreste WWF Italia.

 

Secondo i ricercatori del Panda la nuova proposta di legge brasiliana rischia invece di: legalizzare  milioni di ettari illegalmente liquidati attraverso “l’amnistia”; aumentare le emissioni di gas serra, minando gli sforzi della comunità globale per mantenere il riscaldamento globale sotto i 2 ° C; ridurre drasticamente la protezione di molti ecosistemi sensibili, come sorgenti, zone umide e le mangrovie; aumentare il rischio di inondazioni e frane e causare problemi di approvvigionamento idrico; ridurre gli obblighi di ripristino delle foreste in habitat vulnerabili che sono importanti per la salvaguardia delle persone, dei servizi ambientali e della biodiversità. Tutto ciò, in sintesi, renderà quasi impossibile far rispettare le leggi di tutela e stimolerà ulteriormente la deforestazione.

 

Per questo WWF Brasile, Greenpeace Brasile, SOS Florestas e Comite Brasil si sono uniti in un appello al Presidente brasiliano Dilma Rousseff: “Raccomandiamo caldamente al presidente Dilma Rousseff di intervenire nel processo di revisione della legge forestale, per una corretta valutazione scientifica dei suoi potenziali impatti e una discussione più approfondita con il popolo brasiliano. Se la revisione verrà fatta in tutta fretta dal Congresso esortiamo il Presidente Dilma Rousseff  a opporsi a qualsiasi testo che sarebbe in contrasto con la promessa per evitare ogni variazione normativa che consenta la deforestazione illegale o dare l’amnistia ai criminali ambientali che hanno violato la legge prima del 2008. Si prega inoltre di porre il veto su qualsiasi testo che consentirebbe alle proprietà rurali fino a 440 ettari di avere gli stessi benefici legali riservati ai piccoli produttori familiari, e qualsiasi testo che permetterà agli Stati e ai comuni di creare eccezioni al quadro normativo federale”.

Le associazioni non si solo tuttavia limitate alla denuncia, ma hanno anche proposto alcune alternative ritenute praticabili: la pianificazione dell’utilizzo del territorio per un massimo di 61 milioni di ettari di pascoli improduttivi, che sono prontamente disponibili per la coltivazione, senza ulteriore deforestazione; aumentare l’efficienza del settore zootecnico; introdurre una strategia per la produzione sostenibile nel settore agricolo e del bestiame; dare attuazione ai meccanismi nazionali e internazionali per il risarcimento dei servizi ambientali. La partita ora si gioca al Congresso, dove in giornata si avrà l’esito della votazione.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende