Home » Eventi »Nazionali »Politiche » Bentornata efficienza energetica:

Bentornata efficienza energetica

dicembre 23, 2010 Eventi, Nazionali, Politiche

Courtesy of oguiaverde.comDalla sede dell’ Università Bocconi di Milano lo scorso 13 dicembre è stata lanciata una proposta  per favorire la maggiore efficienza energetica degli edifici, in linea con gli obiettivi della nuova Direttiva Europea EPBD2 (Energy Performance Building Directive 2), che prevede “ quasi zero emissioni ” per gli edifici pubblici entro il 31/12/2018 e, per i privati, entro il 31/12/2020, con esclusione dei soli edifici storici e privati inferiori ai 50 mq, nonché l’esclusione della soglia massima di 1.000 metri quadri per gli edifici esistenti. Requisiti assai stringenti, inoltre, anche in caso di ristrutturazioni e certificazioni energetiche obbligatorie.

L’efficienza energetica degli edifici, infatti, non porta vantaggi solo ai proprietari degli immobili, con la riduzione delle bollette, ma è un bene anche per l’ambiente e per l’economia: si fa meno ricorso alle fonti fossili, con conseguente riduzione delle emissioni climalteranti (come la C02) e si generano nuovi posti di lavoro.

L’Italia, è bene ricordarlo, in virtù degli accordi stipulati in sede europea,  è coinvolta nella riduzione delle emissioni e dovrà produrre con fonti rinnovabili, entro il 2020, il 17% dell’energia necessaria al proprio fabbisogno. Sullo sfondo dell’accordo politico-ambientale, dunque, ci sono anche rilevanti aspetti economici con positive ricadute, specie in tempi di crisi, per la nostra green economy. Se, ad esempio, tra i vari settori dell’economia “verde”, il meccanismo del Conto Energia per l’incentivazione della produzione di energia elettrica da solare fotovoltaico ha prodotto ricadute positive per cittadini ed imprese, è innegabile che l’efficienza energetica abbia creato uno degli indotti più vasti, coinvolgendo una filiera di diversi soggetti: le imprese strettamente edili, gli impiantisti, i progettisti, etc. La dimostrazione è data dalle polemiche che hanno seguito la paventata, ma poi non attuata, abrogazione del meccanismo delle detrazioni fiscali del 55%, volte a premiare chi esegue interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Ma, ancora, l’efficienza energetica può essere un elemento trainante per i decisori politici e gli urbanisti impegnati nella riqualificazione delle nostre città (dal convegno è emerso che il 70% delle emissioni proviene dalle aree urbane) per trasformarle in vere e proprie “smart cities”, città efficienti e sostenibili sia ambientalmente che socialmente, con un ruolo importante per l’edilizia sociale, il cosiddetto “social housing”. Basti pensare, infatti,  a tutto il patrimonio di edilizia residenziale pubblica, in gran parte da rimodernare con criteri edilizi più efficienti, e alla riduzione delle bollette per gli occupanti, spesso in condizioni di indigenza.

Questi i temi nel corso del convegno “Bentornata efficienza energetica“, promosso dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, dallo IEFE, Istituto di Economia e Politica dell’Energia e dell’ Ambiente dell’ Università Bocconi, e da Federcasa, in collaborazione con CNA e Edizioni Ambiente.

Prendendo spunto dal documento di ConfindustriaProposte per il Piano Straordinario di Efficienza 2010”, il convegno è stato l’occasione per approfondire l’effetto energetico, quello occupazionale, nonché il costo, per lo Stato, delle politiche di incentivazione, in diversi settori: trasporti, impiantistica, elettrodomestici ecc. fino all’edilizia.

Particolare attenzione è stata dedicata agli interventi che i vari “portatori di interesse” (pubblici e privati),  in mancanza di un Piano governativo di efficienza energetica al 2020,  possono attuare, con prevalente attenzione all’edilizia, settore in cui (dati ANCE) la crisi ha fatto perdere 250 mila posti di lavoro rispetto al 2008. Da qui, dunque, la proposta operativa, per la ripresa quantitativa e qualitativa del settore, in linea con la Direttiva EPBD2, per privilegiare gli interventi complessivi, su tutto l’edificio e sul suo involucro edilizio.

E’ stato approfondito anche l’aspetto dell’incentivazione e della finanziabilità dei progetti e degli investimenti, con la creazione di un apposito “Gruppo di promozione per l’efficientamento energetico a pieno edificio” rivolto principalmente agli Enti Locali e regionali.

L’obiettivo complessivo del piano di Confindustria, infatti, è  ridurre i consumi energetici di 9,8 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio, per un programma di investimenti pari a 130 miliardi di euro fino al 2020,  238 miliardi di nuova produzione industriale e, si stima, 1.635.000 nuovi posti di lavoro.

I costi legati alla politica di incentivazione dovrebbero, di conseguenza, essere bilanciati da maggiori entrate fiscali, per un “saldo energetico” attivo, con 25,6 miliardi risparmiati sui consumi nazionali. Senza contare che, secondo la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, è ancora possibile raddoppiare gli interventi sull’involucro edilizio (da 250,000 a 500,000 all’anno), con l’obiettivo di ottenere un risparmio di 2.000.000 tonnellate equivalenti di petrolio all’anno.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende