Home » Eventi »Idee »Recensioni »Smart City » City 2.0: la città del futuro non vuole restare un’utopia:

City 2.0: la città del futuro non vuole restare un’utopia

giugno 5, 2012 Eventi, Idee, Recensioni, Smart City

Oggi molte città, in tutta Europa, si candidano a diventare città intelligenti: il termine smart (talvolta abusato) rappresenta un’evoluzione del concetto di città del futuro, secondo cui la tecnologia deve essere al servizio dei cittadini e di una migliore qualità di vita nonché di un contesto ambientale più sostenibile – e non il contrario. Di questo e altro si è parlato, sabato 2 giugno, a Torino, in occasione della presentazione del libro City 2.0, inserita nel contesto del Festival Architettura in Città.

Emilia Blanchetti, coordinatrice scientifica del Festival dell’Energia, Fabio Casiroli, docente del Politecnico di Milano e Piergiorgio Turi, della Fondazione OAT, hanno illustrato il testo, che si rivolge ad architetti, ingegneri, sociologi e comprende anche i contributi di Marc Augé, noto antropologo francese, di Carlo Ratti, Direttore del SenseAble City Lab al MIT di Boston, e di altri contributors di fama internazionale, interpellati sulla definizione di un futuro più sostenibile e intelligente per le città del mondo.

L’Unione Europea si sta infatti impegnando a raggiungere target ambiziosi per ridurre le emissioni di anidride carbonica e promuovere fortemente fonti rinnovabili ed efficienza energetica entro il 2020: considerato che nelle città si consuma il 70% dell’energia emessa, è in questo contesto che si deve ovviamente intervenire. La Commissione Europea ha dunque lanciato, lo scorso giugno, l’azione Smart Cities & Communities Initiative, con l’obiettivo di sviluppare strategie modello per settori fondamentali quali, appunto, energia, trasporti e ICT. “Perché una città possa fregiarsi dell’etichetta di Smart, però, deve godere di pianificazione territoriale e di trasporti integrati e sapienti: oggi, purtroppo – sostiene Casiroli – assistiamo spesso ad una tendenza che corre in direzione opposta: il progressivo e veloce inurbamento nelle città presenta i caratteri del caos e della spontaneità più totali. Un punto importante di trasformazione sarebbe certamente quello di modificare radicalmente la mobilità urbana delle città esistenti, riorganizzando la micro mobilità in modo consapevole”.

Ripensare la qualità degli spazi urbani e, nel complesso, le realtà in cui viviamo quotidianamente, rientra alla perfezione nel concetto di una smart city: lo spazio pubblico difatti, fruibile per definizione da tutti, diventa veicolo di un messaggio ambientale che, attraverso la tecnologia, raggiunge un vastissimo pubblico, soprattutto tra i giovani. Nella città intelligente si cerca di ridare un’identità a quello che viene individuato come spazio dell’anonimato, quello che l’antropologo Marc Augé ha definito come il non luogo. In questa direzione si muove anche il progetto pilota Smart is Trees, presente dal 30 maggio al 5 giugno in Piazza Vittorio Veneto a Torino. Si tratta di un sistema di Landscape Urbanism costituito da una rete di piattaforme interattive alberate che comunicano con la città attraverso QRcode. Un’occasione in cui i cittadini, tra l’altro, potranno fruire gratuitamente della connessione wifi al sito smartistrees.com. “Noi rendiamo un luogo protagonista ed interattivo, non solo un posto di passaggio: è uno spazio che ti fa essere nella vita sociale, e non nel social network” affermano gli architetti Gueli e Linguerri, ideatori del progetto.

Il recupero e la riqualificazione di spazi pubblici sarà uno dei primi step per un futuro più sostenibile: “le Nazioni Unite in occasione dell’imminente Rio +20 hanno tradotto il termine smart come sostenibile e non più letteralmente intelligente, perché di fatto una città sostenibile è anche intelligente” sostiene l’architetto Linguerri. “Qualcosa si muove davvero quindi – conclude Emilia Blanchettila città intelligente ha tutte le carte per trasformarsi da non luogo utopico a spazio reale per i cittadini di domani”.

Valentina Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende