Home » Eventi »Idee »Recensioni »Smart City » City 2.0: la città del futuro non vuole restare un’utopia:

City 2.0: la città del futuro non vuole restare un’utopia

giugno 5, 2012 Eventi, Idee, Recensioni, Smart City

Oggi molte città, in tutta Europa, si candidano a diventare città intelligenti: il termine smart (talvolta abusato) rappresenta un’evoluzione del concetto di città del futuro, secondo cui la tecnologia deve essere al servizio dei cittadini e di una migliore qualità di vita nonché di un contesto ambientale più sostenibile – e non il contrario. Di questo e altro si è parlato, sabato 2 giugno, a Torino, in occasione della presentazione del libro City 2.0, inserita nel contesto del Festival Architettura in Città.

Emilia Blanchetti, coordinatrice scientifica del Festival dell’Energia, Fabio Casiroli, docente del Politecnico di Milano e Piergiorgio Turi, della Fondazione OAT, hanno illustrato il testo, che si rivolge ad architetti, ingegneri, sociologi e comprende anche i contributi di Marc Augé, noto antropologo francese, di Carlo Ratti, Direttore del SenseAble City Lab al MIT di Boston, e di altri contributors di fama internazionale, interpellati sulla definizione di un futuro più sostenibile e intelligente per le città del mondo.

L’Unione Europea si sta infatti impegnando a raggiungere target ambiziosi per ridurre le emissioni di anidride carbonica e promuovere fortemente fonti rinnovabili ed efficienza energetica entro il 2020: considerato che nelle città si consuma il 70% dell’energia emessa, è in questo contesto che si deve ovviamente intervenire. La Commissione Europea ha dunque lanciato, lo scorso giugno, l’azione Smart Cities & Communities Initiative, con l’obiettivo di sviluppare strategie modello per settori fondamentali quali, appunto, energia, trasporti e ICT. “Perché una città possa fregiarsi dell’etichetta di Smart, però, deve godere di pianificazione territoriale e di trasporti integrati e sapienti: oggi, purtroppo – sostiene Casiroli – assistiamo spesso ad una tendenza che corre in direzione opposta: il progressivo e veloce inurbamento nelle città presenta i caratteri del caos e della spontaneità più totali. Un punto importante di trasformazione sarebbe certamente quello di modificare radicalmente la mobilità urbana delle città esistenti, riorganizzando la micro mobilità in modo consapevole”.

Ripensare la qualità degli spazi urbani e, nel complesso, le realtà in cui viviamo quotidianamente, rientra alla perfezione nel concetto di una smart city: lo spazio pubblico difatti, fruibile per definizione da tutti, diventa veicolo di un messaggio ambientale che, attraverso la tecnologia, raggiunge un vastissimo pubblico, soprattutto tra i giovani. Nella città intelligente si cerca di ridare un’identità a quello che viene individuato come spazio dell’anonimato, quello che l’antropologo Marc Augé ha definito come il non luogo. In questa direzione si muove anche il progetto pilota Smart is Trees, presente dal 30 maggio al 5 giugno in Piazza Vittorio Veneto a Torino. Si tratta di un sistema di Landscape Urbanism costituito da una rete di piattaforme interattive alberate che comunicano con la città attraverso QRcode. Un’occasione in cui i cittadini, tra l’altro, potranno fruire gratuitamente della connessione wifi al sito smartistrees.com. “Noi rendiamo un luogo protagonista ed interattivo, non solo un posto di passaggio: è uno spazio che ti fa essere nella vita sociale, e non nel social network” affermano gli architetti Gueli e Linguerri, ideatori del progetto.

Il recupero e la riqualificazione di spazi pubblici sarà uno dei primi step per un futuro più sostenibile: “le Nazioni Unite in occasione dell’imminente Rio +20 hanno tradotto il termine smart come sostenibile e non più letteralmente intelligente, perché di fatto una città sostenibile è anche intelligente” sostiene l’architetto Linguerri. “Qualcosa si muove davvero quindi – conclude Emilia Blanchettila città intelligente ha tutte le carte per trasformarsi da non luogo utopico a spazio reale per i cittadini di domani”.

Valentina Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende