Home » Eventi »Impressioni di viaggio »Rubriche »Smart City » Collina Po Day: se la città non va al Parco il Parco va alla città:

Collina Po Day: se la città non va al Parco il Parco va alla città

Dario Perucca, rappresentante di Giovani Impresa Coldiretti per il Piemonte, durante il Workshop Image di venerdì scorso ricordava: “non ho nulla contro i centri commerciali, ma mi sembra che un po’troppo spesso la gente li frequenti in massa, durante i weekend, quando si potrebbero organizzare delle belle gite, all’aria aperta, anche per andare a vedere cosa fanno gli agricoltori, magari sporcandosi le mani e i piedi, ma respirando aria buona e mangiando del cibo sano”. Un messaggio che, consapevolmente, l’ente di gestione delle Aree Protette della Collina e del Po Torinese ha fatto suo e ha voluto portare direttamente in città, domenica 27 maggio, in occasione del 1°Collina Po Day.

Basta infatti fare qualche chilometro e uscire dalla città, immergersi nel verde facendo quel sentiero – di cui non si conosceva l’esistenza – a piedi o in bicicletta, o staccare la spina passando una giornata in una fattoria didattica o sportiva a pochi chilometri da casa. Le proposte presentate dagli organizzatori del CollinaPo Day, nella grande cornice cittadina di Piazza Vittorio Veneto, per promuovere le ricchezze del Po e della Collina Torinese, sono tantissime, e spaziano dal tiro con l’arco all’equitazione, dai centri estivi ai documentari con aperitivo, fino a sagre, visite guidate,  musei nascosti e circoli sportivi che propongono attività all’aria aperta. “Questo periodo di crisi e di recessione, in cui per molti diventa difficile andare in vacanza, può diventare l’opportunità di conoscere il territorio che ci circonda e scoprire la sua grande ricchezza. Piste ciclabili, sentieri, cultura, gastronomia”, racconta Giuseppe Bava, neopresidente del Parco.

E le proposte sono per tutti i gusti, sempre con un’attenzione particolare alla sostenibilità ambientale. A partire dalle fattorie didattiche del Po, unite nella rete “Po Confluenze Nord Ovest”, che offrono domeniche in cascina, corsi e giornate di formazione per le scuole, laboratori. La Fattoria Propolis, nella pre-collina torinese, per esempio, si focalizza sul mondo dell’apicoltura, con “possibilità di osservare in sicurezza un apiario didattico e un laboratorio di smielatura”. La Tenuta Cerello, situata invece nella campagna intorno a Chivasso, in provincia di Torino, offre percorsi formativi diversificati per scuole elementari, medie e superiori: i più piccoli possono imparare a riconoscere semi ed erbe e a capire l’importanza degli alimenti di stagione; mentre gli studenti più grandi hanno la possibilità di seguire corsi di una giornata sulle regole per una sana alimentazione o sulle conseguenze dell’inquinamento dell’acqua. Tema su cui è molto attiva anche la Cascina Bricco di Carmagnola che, attraverso l’associazione culturale Acque Terre a Nord Ovest, organizza percorsi di visita alla stazione regionale di monitoraggio del Po che si trova sui Murazzi. E ci sono anche realtà, come il Centro Ippico del Meisino, che uniscono la formazione all’attenzione per il sociale, con attività di equitazione per bambini, famiglie, persone con disabilità. E dopo la fine dell’anno scolastico, il Parco organizza anche i centri estivi per i bambini, con attività nel bosco e in cascina.

Per chi è interessato alla storia e alle tradizioni dei paesi del territorio, il posto giusto sono gli Ecomusei, spazi museali che si estendono anche all’aperto e illustrano le connessioni tra le vicende passate e l’ambiente. Si va dall’Ecomuseo dell’argilla di Cambiano, realizzato in una vecchia fornace, a quello del Freidano, che si estende sulla sponda sinistra del Po, interessando i comuni di San Mauro Torinese, Settimo, Brandizzo, Chivasso e alcune propaggini marginali dei territori di Castiglione Torinese, Gassino e San Raffaele Cimena. O, ancora, l’Ecomuseo delle Rocche del Roero, che riunisce in un unico museo a cielo aperto gli otto comuni sorti dopo l’anno mille sulla faglia delle Rocche, fenomeno geologico di erosione che caratterizza la porzione centrale del Roero. Un territorio unico, con paesini arroccati in cima a burroni che sprofondano per centinaia di metri, una flora particolarissima composta da microclimi secchi che convivono accanto ad altri estremamente umidi, testimonianze di vita contadina che ancora resistono nonostante gli stimoli della modernità.

Con l’avvicinarsi dell’estate poi, sono tantissime le possibilità anche per chi ama pedalare o camminare in mezzo alla natura. Per scoprire il Pianalto e Parco del Po e della Collina Torinese, ci sono tredici “Strade di colori e sapori”, per un totale di 230 chilometri di percorsi cicloescursionistici. Così come sono decine i percorsi di trekking che dal Po si snodano e salgono verso la Collina. Ma gli sport che si possono praticare nel territorio del parco sono tantissimi, dal nordic walking alla canoa, dal tiro con l’arco alla pesca.

Non mancano le iniziative dedicate alle specialità gastronomiche, dalla Festa delle Ciliegie di Pecetto (2-3 giugno) alla Sagra del pomodoro “Costoluto” di Cambiano (1-2 settembre). E ancora, la rassegna “Assaggi doc. Agricoltura contemporanea tra documentari e degustazioni” (14-23 giugno): una serie di cortometraggi su temi ambientali accompagnati da aperitivi, ospitati in aziende agricole e luoghi del buon cibo. Per divertirsi e vivere bene, anche in tempi di crisi, non serve dunque andare molto lontano da casa.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende