Home » Eventi » Cosmoprof 2011: la crescita della cosmesi naturale:

Cosmoprof 2011: la crescita della cosmesi naturale

marzo 21, 2011 Eventi

Gli ingredienti ci sono tutti, e pare proprio che l’incantesimo del Cosmoprof, la fiera della cosmesi in corso a Bologna dal 18 al 21 marzo, sappia esorcizzare anche la crisi economica.

Tante le novità dei circa 2.300 espositori dell’edizione 2011, una partecipazione cresciuta del due per cento rispetto allo scorso anno e con presenze da ogni angolo del globo. Guardando solo al Bel paese, per Unipro, l’associazione italiana delle imprese cosmetiche, nell’ultimo anno il consumo di prodotti di bellezza ha registrato un timido incremento (+1 per cento, pari a oltre 9 milioni di euro). In decisa ripresa i fatturati delle imprese con un +4,7 per cento, grazie soprattutto alle esportazioni, cresciute del 15% (oltre 2 milioni trecentomila euro in cifra assoluta).

E non è un caso se un intero padiglione del Cosmoprof è stato dedicato alla bio-cosmesi: il salone registra infatti un incremento della domanda di prodotti naturali e dalla filiera certificata. Secondo una ricerca di Organic monitor, istituto di ricerca londinese specializzato in prodotti biologici, il 45% della clientela consuma cosmetici naturali, per un giro d’affari che in Europa supera i due miliardi di euro.

La tendenza in atto nel mercato della cosmetica è una ricerca di bellezza coniugata a etica nei comportamenti. E la scelta cade quindi su prodotti naturali, ovvero di origine vegetale – preferibili per la maggiore tollerabilità per la pelle – e biologici, derivanti da piante coltivate biologicamente, senza pesticidi sintetici o fertilizzanti. Molti di questi prodotti vantano inoltre di non essere testati su animali, e sono eco-friendly sia per il processo produttivo che per il confezionamento. Il tutto garantito da appositi enti certificatori.

Ecco allora che imparare a leggere le etichette diventa fondamentale per una scelta consapevole: “E’ importante saper scegliere il cosmetico più giusto per sé – spiega Antonio Zani, dell’ufficio comunicazione dell’Azienda usl di Bologna. – Perchè esattamente come accade per il cibo o per i farmaci, a fronte di prodotti che vanno bene per tutti, un individuo potrebbe avere allergie particolari a una certa sostanza”. Al fine si sensibilizzare i cittadini è stata decisa la presenza in fiera dello stand della campagna Cosmesicura dell’Ausl, nata su input del Ministero della Salute.

Chi si occupa invece della salute del pianeta sono i produttori di packaging ecocompatibile, come la tedesca Procos che da anni produce ogni tipo di carta con certificazione Fsc (Forest stewardship council) di derivazione da alberi di foreste controllate. Le confezioni hanno inoltre una plastificazione biodegradabile e sono stampate con inchiostro di soya. La novità esposta a Bologna è la “carta mela”, una busta di carta rigida ricavata dagli scarti delle mele spremute per i succhi di frutta.

Diversi i marchi di certificazione che spuntano sui cosmetici: per citarne alcuni, l’ Istituto per la certificazione etica e ambientale che vanta 1.400 aziende aderenti e oltre 24 mila prodotti testati, e l’italiana BioAgriCert che tra alimentare e cosmesi arriva alle diecimila aziende clienti, certificate con vari standard internazionali.

Ma quanto costa produrre in modalità ecocompatibile? “Andiamo dal 10 al 20% in più rispetto al packaging normale” dichiarano da Procos. E il costo finale per il consumatore quanto lievita? Difficile qui avere una stima univoca, troppe le differenze, legate non solo alle caratteristiche del prodotto ma anche al canale distributivo. E molte aziende sfruttano il canale che ritengono più conveniente, affidando ciascun tipo di prodotto a circuiti diversi tra farmacie, erboristerie, centri estetici, ipermercati, e-commerce o al “porta a porta”.

Di biologia cosmetica, farmacologia e tossicologia, fino al marketing cosmetico, si occupano intanto anche le università, dalla Cattolica di Roma, a quelle di Genova e Salerno, con corsi di laurea, dottorati e master.

La nuova frontiera della vanità in chiave green è già una realtà forte: riuscirà a creare nuove figure professionali dando impulso a un’economia più virtuosa e rispettosa dell’ambiente? La risposta al prossimo Cosmoprof.

C. G.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende