Home » Eventi » Cosmoprof 2011: la crescita della cosmesi naturale:

Cosmoprof 2011: la crescita della cosmesi naturale

marzo 21, 2011 Eventi

Gli ingredienti ci sono tutti, e pare proprio che l’incantesimo del Cosmoprof, la fiera della cosmesi in corso a Bologna dal 18 al 21 marzo, sappia esorcizzare anche la crisi economica.

Tante le novità dei circa 2.300 espositori dell’edizione 2011, una partecipazione cresciuta del due per cento rispetto allo scorso anno e con presenze da ogni angolo del globo. Guardando solo al Bel paese, per Unipro, l’associazione italiana delle imprese cosmetiche, nell’ultimo anno il consumo di prodotti di bellezza ha registrato un timido incremento (+1 per cento, pari a oltre 9 milioni di euro). In decisa ripresa i fatturati delle imprese con un +4,7 per cento, grazie soprattutto alle esportazioni, cresciute del 15% (oltre 2 milioni trecentomila euro in cifra assoluta).

E non è un caso se un intero padiglione del Cosmoprof è stato dedicato alla bio-cosmesi: il salone registra infatti un incremento della domanda di prodotti naturali e dalla filiera certificata. Secondo una ricerca di Organic monitor, istituto di ricerca londinese specializzato in prodotti biologici, il 45% della clientela consuma cosmetici naturali, per un giro d’affari che in Europa supera i due miliardi di euro.

La tendenza in atto nel mercato della cosmetica è una ricerca di bellezza coniugata a etica nei comportamenti. E la scelta cade quindi su prodotti naturali, ovvero di origine vegetale – preferibili per la maggiore tollerabilità per la pelle – e biologici, derivanti da piante coltivate biologicamente, senza pesticidi sintetici o fertilizzanti. Molti di questi prodotti vantano inoltre di non essere testati su animali, e sono eco-friendly sia per il processo produttivo che per il confezionamento. Il tutto garantito da appositi enti certificatori.

Ecco allora che imparare a leggere le etichette diventa fondamentale per una scelta consapevole: “E’ importante saper scegliere il cosmetico più giusto per sé – spiega Antonio Zani, dell’ufficio comunicazione dell’Azienda usl di Bologna. – Perchè esattamente come accade per il cibo o per i farmaci, a fronte di prodotti che vanno bene per tutti, un individuo potrebbe avere allergie particolari a una certa sostanza”. Al fine si sensibilizzare i cittadini è stata decisa la presenza in fiera dello stand della campagna Cosmesicura dell’Ausl, nata su input del Ministero della Salute.

Chi si occupa invece della salute del pianeta sono i produttori di packaging ecocompatibile, come la tedesca Procos che da anni produce ogni tipo di carta con certificazione Fsc (Forest stewardship council) di derivazione da alberi di foreste controllate. Le confezioni hanno inoltre una plastificazione biodegradabile e sono stampate con inchiostro di soya. La novità esposta a Bologna è la “carta mela”, una busta di carta rigida ricavata dagli scarti delle mele spremute per i succhi di frutta.

Diversi i marchi di certificazione che spuntano sui cosmetici: per citarne alcuni, l’ Istituto per la certificazione etica e ambientale che vanta 1.400 aziende aderenti e oltre 24 mila prodotti testati, e l’italiana BioAgriCert che tra alimentare e cosmesi arriva alle diecimila aziende clienti, certificate con vari standard internazionali.

Ma quanto costa produrre in modalità ecocompatibile? “Andiamo dal 10 al 20% in più rispetto al packaging normale” dichiarano da Procos. E il costo finale per il consumatore quanto lievita? Difficile qui avere una stima univoca, troppe le differenze, legate non solo alle caratteristiche del prodotto ma anche al canale distributivo. E molte aziende sfruttano il canale che ritengono più conveniente, affidando ciascun tipo di prodotto a circuiti diversi tra farmacie, erboristerie, centri estetici, ipermercati, e-commerce o al “porta a porta”.

Di biologia cosmetica, farmacologia e tossicologia, fino al marketing cosmetico, si occupano intanto anche le università, dalla Cattolica di Roma, a quelle di Genova e Salerno, con corsi di laurea, dottorati e master.

La nuova frontiera della vanità in chiave green è già una realtà forte: riuscirà a creare nuove figure professionali dando impulso a un’economia più virtuosa e rispettosa dell’ambiente? La risposta al prossimo Cosmoprof.

C. G.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende