Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Durban: impossibile… finchè succede?:

Durban: impossibile… finchè succede?

dicembre 5, 2011 Eventi, Internazionali, Politiche

A metà dei negoziati sul clima della Conferenza delle Parti (COP 17) di Durban ancora non si è arrivati a un testo negoziale da sottoporre ai ministri, in arrivo questa settimana. Le priorità e gli argomenti su cui cercare una convergenza sono state riassunte nella giornata di apertura dal presidente della COP 16, che si è tenuta a Cancun l’anno passato: implementare gli Accordi di Cancun e il Green Climate Fund e decidere sulle sorti del Protocollo di Kyoto.

Il Protocollo di Kyoto, il trattato vincolante che impegna alcuni Stati industrializzati a tagliare le proprie emissioni di gas serra, è infatti in scadenza nel 2012; urge trovare un sostituto o dare inizio a una nuova fase del trattato, ma da alcuni anni ormai i negoziati sul clima sono fermi su alcune questioni determinanti ai fini della sigla di un nuovo trattato. Da una parte, c’è il principio della “responsabilità comune ma differenziata”, che è alla base di tutto il processo negoziale. Questo principio era inizialmente stato introdotto per sottolineare la differenza in termini di responsabilità e peso economico di alcuni Stati: storicamente, ad esempio, la Cina ha appena iniziato a emettere gas serra, mentre il riscaldamento globale attuale è dovuto principalmente alla CO2 e altri gas emessi principalmente dai Paesi occidentali. Oggi la Cina è il primo emettitore globale di gas serra; ma ancora un cinese inquina un terzo di un europeo e un quarto di un americano. Chi deve dunque cominciare a diminuire per primo le proprie emissioni?

La seconda questione è quella del regime legale del nuovo trattato: a opporsi all’ipotesi di un accordo legalmente vincolante sono soprattutto i Paesi emergenti, che vedono un possibile ostacolo al loro sviluppo. Anche gli Stati Uniti hanno difficoltà ad accettare un impegno vincolante: non solo per l’opposizione interna dei repubblicani, ma anche a causa della difficoltà a far accettare dal Senato la ratifica di un trattato internazionale; per questo il Protocollo di Kyoto, inizialmente firmato da Bill Clinton, non è riuscito ad avere la ratifica del suo stesso Senato.

Queste due questioni si stanno ripresentando sostanzialmente “intatte” sin dalle negoziazioni di Copenhagen del 2009, anche se nel frattempo ci sono stati dei progressi su alcune questioni collaterali: come i finanziamenti, con l’istituzione di un fondo, il Green Climate Fund, che dovrebbe portare 100 miliardi di dollari alle azioni di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici; e la discussione sulle foreste, con il meccanismo REDD (Reducing Emissions from Deforestation and Degradation).

L’Europa è arrivata a Durban con una posizione simile a quella degli anni passati, anche se un po’ più pessimista: chiede di non avere periodi di gap tra i trattati, di stabilire innanzitutto un sistema di rendicontazione dei gas serra su scala globale, soprattutto per i Paesi emergenti e di iniziare un percorso che porti a un accordo vincolante al 2015. Il periodo tra il 2012 e il 2015 potrebbe quindi essere colmato con una seconda fase del Protocollo di Kyoto, mentre si dovrebbe parlare adesso di come stabilire una tempistica certa e chiara su come raggiungere un nuovo trattato al 2015. Durante i negoziati, sono arrivate voci, riportate dai media, che il Canada stia pensando a uscire dal Protocollo di Kyoto. Per questo ha vinto meritatamente il premio Fossil of the Day, riconosciuto allo Stato che più si è distinto nel bloccare gli accordi. Sembra che anche gli Stati Uniti siano fermi sul non discutere una loro possibile partecipazione a un Protocollo simile a Kyoto. La Cina invece sarebbe a favore di una seconda fase del Protocollo di Kyoto, come pure all’implementazione degli Accordi di Cancun.

Nell’apertura, il segretario generale dell’UNFCCC, la United Nation Framework Convention on Climate Change, Christiana Figueres, citando Nelson Mandela, aveva detto: “sembra sempre impossibile, finché succede”. Ecco, diciamo che al momento sembra impossibile che si riesca a trovare un accordo multilaterale abbastanza ambizioso da vincere la sfida dei cambiamenti climatici. Ma la speranza che succeda è l’ultima a morire.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende