Home » Eventi » Earth Day 2010: concerti e iniziative in difesa dell’ambiente:

Earth Day 2010: concerti e iniziative in difesa dell’ambiente

aprile 21, 2010 Eventi

earthday, Courtesy of WordPress.comÈ partito il conto alla rovescia per i festeggiamenti dell’Earth Day 2010. Da Pechino a San Paolo, passando per Calcutta, Roma e New York, 175 paesi sono pronti a salutare per la 40esima volta la Giornata della Terra con centinaia di “azioni verdi” che si snoderanno nella giornata di domani.

La manifestazione, celebrata a livello internazionale dal 22 aprile 1970, si pone come scopo quello di sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra. Nato come movimento universitario, nel tempo l’Earth Day è divenuto un avvenimento educativo ed informativo. Per i gruppi ecologisti è l’occasione per fare il punto sulle problematiche del pianeta: l’inquinamento di aria, acqua e suolo, la distruzione degli ecosistemi, le migliaia di piante e specie animali che scompaiono, e l’esaurimento delle risorse non rinnovabili.

Un calendario, quello coordinato dall’Earth Day Network , che mira dunque a sensibilizzare i cittadini coinvolgendoli in una serie di azioni ecosostenibili: qualcuno pianterà un albero, altri si impegneranno a risparmiare sui consumi o a pagare le bollette on line e avanti così. Il risultato è che il contatore nel sito della manifestazione registra già 31 milioni di promesse sottoscritte, e si prevede che questa cifra aumenti ancora nelle prossime 24 ore.

A proposito di promesse, è di ieri l’annuncio dell’Università di Phoenix, negli USA, di una partnership con l’Earth Day Network per “offrire un futuro più verde ai giovani americani”. Sono state individuate 10 scuole in tutto il Paese in cui saranno installati pannelli solari, che permetteranno di risparmiare  il 33 per cento di energia e 32 per cento di acqua, consentendo  l’assunzione di due insegnanti in più a tempo pieno. Un buon esempio che meriterebbe di essere preso in considerazione anche in Italia.

Domani sarà invece la musica ad accompagnare la manifestazione in ogni parte del mondo. A partire dal National Mall di Washington, il viale monumentale che nel 1963 vide Marthin Luther King pronunciare il famoso discorso “I have a dream”. Questa volta le parole saranno a favore della conservazione dell’ambiente e della sostenibilità delle politiche di sviluppo: a pronunciarle personaggi divenuti ultimamente simbolo della difesa delle risorse naturali come il regista James Cameron, trionfatore al botteghino con “Avatar” e il leader dei diritti civili Jesse Jackson, mentre sul palco si alterneranno musicisti come Sting, John Legend, The Roots, Jimmy Cliff, Passion Pit e Joss Stone.

Ma veniamo a casa nostra: dalle 19 alle 24 Roma si prepara ad accogliere sul palco, allestito per l’occasione a Circo Massimo, artisti come Pino Daniele e i Morcheeba. Per combattere le emissioni di CO2 prodotte dal concerto verranno ripiantati nuovi alberi nell’area verde del Parco dell’Aguzzano e tutelate foreste in Madagascar. L’Ama (l’azienda di raccolta dei rifiuti capitolina) allestirà intorno un villaggio dove i ragazzi potranno imparare a dividere i rifiuti e ricevere magliette in cambio di bicchieri e bottiglie utilizzate durante l’evento. Chiuderà i battenti il dj Claudio Coccoluto e una sessione di video art.

Musica sì, ma non solo: anche la stampa periodica si adegua e partecipa attivamente alla Giornata della Terra. Lo fa ad esempio il settimanale Topolino che da oggi è disponibile nelle edicole con un numero a impatto zero, grazie all’adesione al progetto di LifeGate. Si è calcolato infatti che la produzione di ogni copia del magazine Disney, dal lavoro in redazione, alla stampa, al trasporto genera emissioni pari a circa 52 mila kg di anidride carbonica. Green nella forma dunque, ma anche nei contenuti: a partire dalla copertina, che vede Eta Beta e Topolino sul palco del “Congresso Straordinario sull’Ambiente”, fino alla storia a fumetti in tre atti dal titolo “Topolino e il mondo di Tutor”, viaggio che avrà come protagonisti Mickey Mouse e il suo amico venuto dal futuro.

Viene invece dall’Australia, l’iniziativa del comune di Manly, vicino a Sidney, dove in alcuni caffé convenzionati gli abitanti che si porteranno la propria tazza da casa avranno un sconto. Il motivo? Ostacolare l’utilizzo di bicchieri usa e getta, 750 mila stimati in un anno nella sola cittadina, mentre in tutta l’Australia toccano quota mezzo miliardo, cioé 951 al minuto.

Valentina Massenti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende