Home » Eventi »Idee » Festival dell’Economia 2012: tra green economy, paesaggio e conflitti generazionali:

Festival dell’Economia 2012: tra green economy, paesaggio e conflitti generazionali

giugno 1, 2012 Eventi, Idee

Si parlerà di “giovani anziani”, persone tra i 60 e i 70 anni in buona salute che non svolgono alcuna attività. Di “giovani NEET” (Not in Education, Employment, and Training), che non lavorano e non studiano al tempo stesso. Si parlerà di quel ritiro precoce che crea problemi ai giovani e agli adulti quando raggiungono l’età in cui non sono più in condizione di guadagnarsi da vivere. “Cicli di vita e rapporti tra generazioni” è il tema del Festival dell’Economia di Trento Rovereto, edizione 2012. Da venerdì 1 giugno fino a domenica 3 si alterneranno nomi come Christopher Pissarides, Johan Galtung, Carlo De Benedetti, Remo Bodei, Susanna Camusso, Orazio Attanasio, Federico Rampini, Alessandro Profumo e Lucrezia Reichlin, Diane Coyle, Chiara Valentini, i ministri Clini, Fornero e Passera, George Soros, Ilvo Diamanti, Pierluigi Stefanini e Serge Latouche.

Scontro tra padri e figli, certo, ma al centro della kermesse anche la green economy. Simone D’Antonio, Scot Horst, Alberto Pacher e Mario Zoccatelli parleranno di “Green generation: la sostenibilità ambientale per un patto intergenerazionale”. H.B.J. (Rik) Leemans discuterà di “Cambiamenti climatici e sfide future per un’economia sostenibile”, una riflessione sulla relazione tra i cambiamenti climatici e l’attuale fase di crisi del modello economico vigente. “Coltiviamo un’altra economia. La terra non è un dono dei nostri genitori, ma un prestito dei nostri figli” è l’appuntamento organizzato da Leonardo Becchetti e Antonio Tricarico. Sabato Diane Coyle presenterà invece il suo libro “Economia dell’abbondanza”. “2030. La tempesta perfetta” vedrà poi protagonisti Innocenzo Cipolletta e il ministro Corrado Clini. E di paesaggio discuterà Ugo Morelli, Presidente del Comitato Scientifico della Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio che organizza un ciclo di incontri e che abbiamo voluto intervistare.

D) Prof. Morelli, come si educa al paesaggio?

R) L’educazione al paesaggio degli adulti è sempre e comunque un’educazione a partire dall’esperienza. Ciò vale in una certa misura anche per i bambini e gli adolescenti. Ognuno di noi ha un’esperienza di luoghi di vita e della loro trasformazione simbolica in paesaggi. Condizione per l’educazione al paesaggio è quindi la valorizzazione dell’esperienza che rappresenta il sapere ingenuo da cui far scaturire le discontinuità necessarie per apprendere il paesaggio come spazio e forma di vita.

D) Che posto ha il paesaggio nella nostra epoca?

R) Da sfondo formale e decorativo il paesaggio si configura oggi come sede di elaborazione della vivibilità tra uomo e ambiente e assume le caratteristiche di un progetto e di un’invenzione di nuove condizioni per giungere a sentirsi parte del sistema vivente come via per il futuro da parte del genere umano.

D) Paesaggio e tecnologia, c’è un legame?

R) La tecnologia è condizione sistematica di interdipendenza tra artefatti e pensiero e, da questo punto di vista, tutte le azioni che gli esseri umani compiono nell’ambiente di cui sono parte sono azioni tecnologiche in quanto, in ragione della competenza simbolica, la specie umana si evolve agendo tecnologicamente nella natura di cui è parte. La questione cruciale diviene quindi la responsabilità delle scelte tecnologiche con cui interagiamo e interveniamo negli spazi di vita dando loro forma.

D) Come si conciliano paesaggio e modernità?

R) Se la modernità è considerata come il luogo e il tempo del progetto prometeico di manipolazione senza limiti della natura, tra paesaggio e modernità si istituisce una immediata contraddizione che oggi è quanto mai necessario elaborare per vie inedite. Se invece per modernità si intende, come pare verosimile intendere, il tempo attuale, l’ “adesso”, allora il paesaggio diviene la condizione decisiva per vivere il presente all’altezza del nostro tempo.

D) Lei spesso parla di brutalizzazione della bellezza, perché è oggi importante, anche dal punto di vista ambientale, ripristinare il concetto di bellezza?

R) La bellezza non può essere riducibile all’aspetto esteriore delle cose ma riguarda la connessione tra mondo interno e mondo esterno mediante la quale un animale simbolico come l’uomo giunge a una estensione o a una mortificazione del modello neurofenomenologico di se stesso. La bellezza è perciò opportunità e vincolo per divenire se stessi da parte degli esseri umani. In tal senso, più che ripristinarne una visione e concezione canonica, abbiamo bisogno di istituirne una teoria e una prassi elaborando l’angoscia che l’accesso alla bellezza comporta.

D) Lei pensa che la sostenibilità ambientale possa realmente essere il fondamento su cui basare le future prospettive di crescita?

R) Il concetto di sostenibilità è quanto mai vago, in quanto ogni forma di presenza e ogni forma di sviluppo si configura come una relativa alterazione degli equilibri esistenti. La questione cruciale con cui ci confrontiamo oggi, ribadisco, più che la sostenibilità è la responsabilità di riconoscere le soglie e i limiti delle forme di sviluppo a partire dalla difficile svolta cognitiva e affettiva che, sola, ci può portare a sentirci parte di tutto il sistema vivente da cui la nostra stessa vita dipende.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende