Home » Eventi »Idee » Festival dell’Economia 2012: tra green economy, paesaggio e conflitti generazionali:

Festival dell’Economia 2012: tra green economy, paesaggio e conflitti generazionali

giugno 1, 2012 Eventi, Idee

Si parlerà di “giovani anziani”, persone tra i 60 e i 70 anni in buona salute che non svolgono alcuna attività. Di “giovani NEET” (Not in Education, Employment, and Training), che non lavorano e non studiano al tempo stesso. Si parlerà di quel ritiro precoce che crea problemi ai giovani e agli adulti quando raggiungono l’età in cui non sono più in condizione di guadagnarsi da vivere. “Cicli di vita e rapporti tra generazioni” è il tema del Festival dell’Economia di Trento Rovereto, edizione 2012. Da venerdì 1 giugno fino a domenica 3 si alterneranno nomi come Christopher Pissarides, Johan Galtung, Carlo De Benedetti, Remo Bodei, Susanna Camusso, Orazio Attanasio, Federico Rampini, Alessandro Profumo e Lucrezia Reichlin, Diane Coyle, Chiara Valentini, i ministri Clini, Fornero e Passera, George Soros, Ilvo Diamanti, Pierluigi Stefanini e Serge Latouche.

Scontro tra padri e figli, certo, ma al centro della kermesse anche la green economy. Simone D’Antonio, Scot Horst, Alberto Pacher e Mario Zoccatelli parleranno di “Green generation: la sostenibilità ambientale per un patto intergenerazionale”. H.B.J. (Rik) Leemans discuterà di “Cambiamenti climatici e sfide future per un’economia sostenibile”, una riflessione sulla relazione tra i cambiamenti climatici e l’attuale fase di crisi del modello economico vigente. “Coltiviamo un’altra economia. La terra non è un dono dei nostri genitori, ma un prestito dei nostri figli” è l’appuntamento organizzato da Leonardo Becchetti e Antonio Tricarico. Sabato Diane Coyle presenterà invece il suo libro “Economia dell’abbondanza”. “2030. La tempesta perfetta” vedrà poi protagonisti Innocenzo Cipolletta e il ministro Corrado Clini. E di paesaggio discuterà Ugo Morelli, Presidente del Comitato Scientifico della Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio che organizza un ciclo di incontri e che abbiamo voluto intervistare.

D) Prof. Morelli, come si educa al paesaggio?

R) L’educazione al paesaggio degli adulti è sempre e comunque un’educazione a partire dall’esperienza. Ciò vale in una certa misura anche per i bambini e gli adolescenti. Ognuno di noi ha un’esperienza di luoghi di vita e della loro trasformazione simbolica in paesaggi. Condizione per l’educazione al paesaggio è quindi la valorizzazione dell’esperienza che rappresenta il sapere ingenuo da cui far scaturire le discontinuità necessarie per apprendere il paesaggio come spazio e forma di vita.

D) Che posto ha il paesaggio nella nostra epoca?

R) Da sfondo formale e decorativo il paesaggio si configura oggi come sede di elaborazione della vivibilità tra uomo e ambiente e assume le caratteristiche di un progetto e di un’invenzione di nuove condizioni per giungere a sentirsi parte del sistema vivente come via per il futuro da parte del genere umano.

D) Paesaggio e tecnologia, c’è un legame?

R) La tecnologia è condizione sistematica di interdipendenza tra artefatti e pensiero e, da questo punto di vista, tutte le azioni che gli esseri umani compiono nell’ambiente di cui sono parte sono azioni tecnologiche in quanto, in ragione della competenza simbolica, la specie umana si evolve agendo tecnologicamente nella natura di cui è parte. La questione cruciale diviene quindi la responsabilità delle scelte tecnologiche con cui interagiamo e interveniamo negli spazi di vita dando loro forma.

D) Come si conciliano paesaggio e modernità?

R) Se la modernità è considerata come il luogo e il tempo del progetto prometeico di manipolazione senza limiti della natura, tra paesaggio e modernità si istituisce una immediata contraddizione che oggi è quanto mai necessario elaborare per vie inedite. Se invece per modernità si intende, come pare verosimile intendere, il tempo attuale, l’ “adesso”, allora il paesaggio diviene la condizione decisiva per vivere il presente all’altezza del nostro tempo.

D) Lei spesso parla di brutalizzazione della bellezza, perché è oggi importante, anche dal punto di vista ambientale, ripristinare il concetto di bellezza?

R) La bellezza non può essere riducibile all’aspetto esteriore delle cose ma riguarda la connessione tra mondo interno e mondo esterno mediante la quale un animale simbolico come l’uomo giunge a una estensione o a una mortificazione del modello neurofenomenologico di se stesso. La bellezza è perciò opportunità e vincolo per divenire se stessi da parte degli esseri umani. In tal senso, più che ripristinarne una visione e concezione canonica, abbiamo bisogno di istituirne una teoria e una prassi elaborando l’angoscia che l’accesso alla bellezza comporta.

D) Lei pensa che la sostenibilità ambientale possa realmente essere il fondamento su cui basare le future prospettive di crescita?

R) Il concetto di sostenibilità è quanto mai vago, in quanto ogni forma di presenza e ogni forma di sviluppo si configura come una relativa alterazione degli equilibri esistenti. La questione cruciale con cui ci confrontiamo oggi, ribadisco, più che la sostenibilità è la responsabilità di riconoscere le soglie e i limiti delle forme di sviluppo a partire dalla difficile svolta cognitiva e affettiva che, sola, ci può portare a sentirci parte di tutto il sistema vivente da cui la nostra stessa vita dipende.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende