Home » Eventi »Idee » La sfida del design eco-democratico alla Biennale di Torino:

La sfida del design eco-democratico alla Biennale di Torino

aprile 20, 2011 Eventi, Idee

Anche il design si fa democratico. Si è concluso domenica a Torino, in occasione della Biennale della Democrazia, il primo concorso europeo che unisce i temi di architettura e uguaglianza dei diritti.

Una gara, indetta dall’Associazione Proto Design (con la collaborazione scientifica della Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Torino) che aveva lo scopo di lanciare una sfida ai designer italiani: è possibile realizzare oggetti utili ed esteticamente accattivanti, capaci anche di rivoluzionare lo spazio pubblico, il tutto a partire da materiale di riciclo?

La risposta è sì: costi bassissimi per prodotti di alta qualità, fattura artigianale e non industriale dalla forte impronta ecologica. “Design eco-democratico” è lo slogan dell’iniziativa. Una risposta commerciale alla voglia, sempre crescente nel mercato mondiale del XXI secolo, di soluzioni per un consumo responsabile.

Per partecipare occorreva soddisfare 4 requisiti: minimizzare l’impatto sull’ambiente legato a fabbricazione, uso e smaltimento degli oggetti di design proposti al pubblico; riscoprire materiali e processi produttivi locali, agevolando un accesso equo ai beni, ai servizi pubblici o alle fonti d’informazione; favorire l’interazione tra le persone; facilitare forme di comproprietà e condivisione.

Insomma, attivare una vera e propria democrazia partecipativa che spinga i cittadini a riflettere sulle merci che scambiano, sugli oggetti che usano, per capire cos’è da cambiare in un’ottica ambientale.

Sulla base di proposte giunte da tutt’Italia, sono stati selezionati 8 prodotti. Due giurie hanno poi eletto i vincitori. Il parere tecnico ha premiato il progetto di un gruppo di designer romani, promotori di un kit trasportabile in alluminio (materiale di scarto), particolarmente adatto al commercio da marciapiede sui cigli delle strade delle città del Terzo Mondo. Come ad esempio Hanoi, capitale del Vietnam. “Alimentati con pannelli fotovoltaici, i banchetti ideati da Massimo Alvisi, Kirimoto Junko, Arabella Rocca – spiegano Ezio Gaude ed Elvira Gennarelli di Proto Design –, possono trasformarsi in mini negozi di sartoria o parrucchiere, in bancarelle per la frutta oppure in piccoli ristoranti ambulanti. Attraverso l’utilizzo di materiali pratici e poco costosi come la latta, i moduli commerciali sono prodotti economicamente sostenibili anche per le economie in via di sviluppo. E possono essere realizzati in loco, incentivando il settore manifatturiero”.

La creatività non ha confini, soprattutto se è low cost. Tra gli oggetti in concorso, si è distinto con premio dal pubblico un originale frigorifero per ortaggi, che funziona senza elettricità. E’ l’idea di Caterina Falleni, un apparato refrigerante di frutta e verdura, a uso domestico, che utilizza energia pulita, cioè acqua. Si chiama “Freeijis” e nasce da una riflessione dell’autrice, dopo un viaggio in Africa. I consumi prodotti dagli elettrodomestici nei paesi industrializzati non sono etici? Rivoluzione intellettuale, torniamo alle vecchie leggi della fisica: un recipiente in ceramica assorbe il calore del sole; al suo interno c’è una camera d’aria contenente appunto acqua, che refrigera sfruttando la tecnica dell’evaporazione del liquido. Dall’interno, una parete in alluminio, cede invece energia sotto forma di calore, per ripristinare l’equilibrio del sistema, attivando così l’autoraffreddamento.

Non si sono aggiudicati il premio, ma meritano una menzione per originalità e promozione di valori sociali quali la diffusione della lettura e la solidarietà anche altri degli oggetti del concorso: in particolare, Push the Bottom, lo sgabello compattatore di rifiuti domestici e poi compostiere per le scuole, per seguire il ciclo di trasformazione dei rifiuti, Bin-Bag, la borsa della spesa che fa la raccolta differenziata e ancora scaffali per i libri da appendere in bus, per trascorrere con il piacere della lettura il lungo tempo del viaggio.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende