Home » Eventi »Idee » La sfida del design eco-democratico alla Biennale di Torino:

La sfida del design eco-democratico alla Biennale di Torino

aprile 20, 2011 Eventi, Idee

Anche il design si fa democratico. Si è concluso domenica a Torino, in occasione della Biennale della Democrazia, il primo concorso europeo che unisce i temi di architettura e uguaglianza dei diritti.

Una gara, indetta dall’Associazione Proto Design (con la collaborazione scientifica della Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Torino) che aveva lo scopo di lanciare una sfida ai designer italiani: è possibile realizzare oggetti utili ed esteticamente accattivanti, capaci anche di rivoluzionare lo spazio pubblico, il tutto a partire da materiale di riciclo?

La risposta è sì: costi bassissimi per prodotti di alta qualità, fattura artigianale e non industriale dalla forte impronta ecologica. “Design eco-democratico” è lo slogan dell’iniziativa. Una risposta commerciale alla voglia, sempre crescente nel mercato mondiale del XXI secolo, di soluzioni per un consumo responsabile.

Per partecipare occorreva soddisfare 4 requisiti: minimizzare l’impatto sull’ambiente legato a fabbricazione, uso e smaltimento degli oggetti di design proposti al pubblico; riscoprire materiali e processi produttivi locali, agevolando un accesso equo ai beni, ai servizi pubblici o alle fonti d’informazione; favorire l’interazione tra le persone; facilitare forme di comproprietà e condivisione.

Insomma, attivare una vera e propria democrazia partecipativa che spinga i cittadini a riflettere sulle merci che scambiano, sugli oggetti che usano, per capire cos’è da cambiare in un’ottica ambientale.

Sulla base di proposte giunte da tutt’Italia, sono stati selezionati 8 prodotti. Due giurie hanno poi eletto i vincitori. Il parere tecnico ha premiato il progetto di un gruppo di designer romani, promotori di un kit trasportabile in alluminio (materiale di scarto), particolarmente adatto al commercio da marciapiede sui cigli delle strade delle città del Terzo Mondo. Come ad esempio Hanoi, capitale del Vietnam. “Alimentati con pannelli fotovoltaici, i banchetti ideati da Massimo Alvisi, Kirimoto Junko, Arabella Rocca – spiegano Ezio Gaude ed Elvira Gennarelli di Proto Design –, possono trasformarsi in mini negozi di sartoria o parrucchiere, in bancarelle per la frutta oppure in piccoli ristoranti ambulanti. Attraverso l’utilizzo di materiali pratici e poco costosi come la latta, i moduli commerciali sono prodotti economicamente sostenibili anche per le economie in via di sviluppo. E possono essere realizzati in loco, incentivando il settore manifatturiero”.

La creatività non ha confini, soprattutto se è low cost. Tra gli oggetti in concorso, si è distinto con premio dal pubblico un originale frigorifero per ortaggi, che funziona senza elettricità. E’ l’idea di Caterina Falleni, un apparato refrigerante di frutta e verdura, a uso domestico, che utilizza energia pulita, cioè acqua. Si chiama “Freeijis” e nasce da una riflessione dell’autrice, dopo un viaggio in Africa. I consumi prodotti dagli elettrodomestici nei paesi industrializzati non sono etici? Rivoluzione intellettuale, torniamo alle vecchie leggi della fisica: un recipiente in ceramica assorbe il calore del sole; al suo interno c’è una camera d’aria contenente appunto acqua, che refrigera sfruttando la tecnica dell’evaporazione del liquido. Dall’interno, una parete in alluminio, cede invece energia sotto forma di calore, per ripristinare l’equilibrio del sistema, attivando così l’autoraffreddamento.

Non si sono aggiudicati il premio, ma meritano una menzione per originalità e promozione di valori sociali quali la diffusione della lettura e la solidarietà anche altri degli oggetti del concorso: in particolare, Push the Bottom, lo sgabello compattatore di rifiuti domestici e poi compostiere per le scuole, per seguire il ciclo di trasformazione dei rifiuti, Bin-Bag, la borsa della spesa che fa la raccolta differenziata e ancora scaffali per i libri da appendere in bus, per trascorrere con il piacere della lettura il lungo tempo del viaggio.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende