Home » Eventi » Pisa vuole essere capofila delle smart cities:

Pisa vuole essere capofila delle smart cities

luglio 6, 2010 Eventi

corteo elettrico, Courtesy of Green City EnergyQuel che è certo è che il prossimo anno ci sarà una seconda edizione di Green City Energy.

La prima edizione della tre giorni pisana, infatti, si è conclusa sabato e ha visto la partecipazione di oltre cento relatori, nazionali ed internazionali, compresi rappresentanti delle istituzioni europee. Ma, soprattutto, ha visto la partecipazione di oltre mille iscritti.

Il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, ha espresso la sua soddisfazione intervenendo al convegno conclusivo, sabato mattina, dedicato alla Green Economy e alle sue possibili applicazioni nelle città italiane. “Se prima eravamo convinti che le città fossero il punto ideale di partenza ed il punto di arrivo delle politiche amministrative ambientalmente virtuose, adesso, dopo gli ottimi risultati di Green City Energy, lo siamo ancora di più e siamo pronti a fare da capofila – con le nostre iniziative e i nostri centri di ricerca - ad iniziative analoghe e ad una cordata di città verdi che vogliano investire con decisione nelle rinnovabili, un volano ideale per superare anche la crisi economica”.

Le città sono il cantiere decisivo della Green Economy – ha sottolineato Filippeschi – e devono essere dei veri e propri induttori di domanda in questo settore, perché consumano molta dell’energia prodotta (2/3) e generano cambiamenti tecnologici e di abitudini di vita. Mobilità elettrica, produzione da rinnovabili, distribuzione intelligente, risparmio energetico in abitazioni e aziende, eolico, geotermia, idrogeno: tutto quello che a Pisa si sperimenta o si realizza é già il cuore di una nuova economia e di una visione differente delle città”. “Formazione, ricerca, aziende hi-tech“, ha concluso il sindaco, ”formano l’habitat ideale di un cambiamento che deve diventare concreto ed esemplare”.

Se, infatti, in precedenza gli ambientalisti erano visti come un ostacolo allo sviluppo economico, “adesso si registra un’inversione di tendenza”- ha constatato Titina Maccioni, presidente del consiglio comunale pisano. “L’ambiente e le energie rinnovabili sono l’unico settore in grado di dare un impulso all’economia in fase di stallo”. Ma bisogna partire dalle città e dal concreto, almeno secondo Graziano Turini, assessore alle attività produttive della Provincia di Pisa, specie in realtà di medio-piccole dimensioni, in cui il tessuto produttivo è fatto soprattutto da piccole e medie industrie del comparto tradizionale, che non possono fare massa critica per investire in ricerca e sono piuttosto diffidenti ad investire se non percepiscono un ritorno economico in tempi brevi.

Nella Zona del Cuoio” – ha detto Turini-“abbiamo lanciato un’iniziativa concertata con dieci imprenditori, offrendo loro un servizio di monitoraggio sui consumi energetici e indicando loro come investire per risparmiare e rendere più competitivi i loro cicli produttivi. Ebbene, prima ancora che i risultati della nostra iniziativa fossero resi pubblici, gli imprenditori avevano fatto investimenti per il risparmio energetico, concepito come la chiave per essere più efficienti e competitivi sul mercato”.

Ma non solo economia. Nelle città investire nella green economy è anche un modo per creare coesione sociale. Lorenzo Bani, presidente di A.p.e.s. scpa di Pisa, ente che gestisce il patrimonio di edilizia residenziale pubblica dei 39 comuni della Provincia, sostiene infatti che “il green deve essere un paradigma, una nuova dimensione socio economica. Ma bisogna intervenire in maniera strutturale, come si è fatto nel quartiere pisano di Sant’ Ermete, in cui 256 appartamenti sono stati completamente ricostruiti secondo i criteri di edilizia sostenibile. Oltre il 70% degli immobili che gestiamo, infatti, sono stati costruiti negli anni ’60 e la manutenzione ordinaria diventa insostenibile. I nostri assegnatari spendono di più per l’energia e il gas che per l’affitto. Un paradosso a cui metteremo fine. In Italia il 38% degli immobili sono pubblici ed in affitto. Pensate, quindi, alla capacità di traino dell’economia che potrebbero avere gli investimenti pubblici nel rimodernamento, in senso ecocompatibile, degli immobili”.

La chiosa finale sul dibattito è lasciata ad Ermete Realacci, responsabile nazionale green economy del PD, eletto nel collegio di Pisa e presidente onorario di Legambiente. “Al momento attuale – ha detto Realacci – dobbiamo guardare a come difenderci dalla crisi evitando che la società di strappi. Dobbiamo rivolgere l’attenzione a chi ha perso o rischia di perdere il  posto di lavoro, sostenere la piccola e media impresa, aiutare le famiglie a basso reddito”. “Ma dobbiamo anche imparare – ha continuato – come uscire dalla crisi. La green economy che punta su ricerca, innovazione e qualità,  nei suoi vari settori  rappresenta un milione di posti di lavoro in più per il nostro Paese. Pisa è un concentrato d’Italia, in questo senso, con i suoi centri di ricerca e le sue tre università. Da esperienze come queste bisogna partire con decisione e trovare la via italiana, fatta dal connubio di new economy e green economy”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende