Home » Eventi » Pisa vuole essere capofila delle smart cities:

Pisa vuole essere capofila delle smart cities

luglio 6, 2010 Eventi

corteo elettrico, Courtesy of Green City EnergyQuel che è certo è che il prossimo anno ci sarà una seconda edizione di Green City Energy.

La prima edizione della tre giorni pisana, infatti, si è conclusa sabato e ha visto la partecipazione di oltre cento relatori, nazionali ed internazionali, compresi rappresentanti delle istituzioni europee. Ma, soprattutto, ha visto la partecipazione di oltre mille iscritti.

Il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, ha espresso la sua soddisfazione intervenendo al convegno conclusivo, sabato mattina, dedicato alla Green Economy e alle sue possibili applicazioni nelle città italiane. “Se prima eravamo convinti che le città fossero il punto ideale di partenza ed il punto di arrivo delle politiche amministrative ambientalmente virtuose, adesso, dopo gli ottimi risultati di Green City Energy, lo siamo ancora di più e siamo pronti a fare da capofila – con le nostre iniziative e i nostri centri di ricerca - ad iniziative analoghe e ad una cordata di città verdi che vogliano investire con decisione nelle rinnovabili, un volano ideale per superare anche la crisi economica”.

Le città sono il cantiere decisivo della Green Economy – ha sottolineato Filippeschi – e devono essere dei veri e propri induttori di domanda in questo settore, perché consumano molta dell’energia prodotta (2/3) e generano cambiamenti tecnologici e di abitudini di vita. Mobilità elettrica, produzione da rinnovabili, distribuzione intelligente, risparmio energetico in abitazioni e aziende, eolico, geotermia, idrogeno: tutto quello che a Pisa si sperimenta o si realizza é già il cuore di una nuova economia e di una visione differente delle città”. “Formazione, ricerca, aziende hi-tech“, ha concluso il sindaco, ”formano l’habitat ideale di un cambiamento che deve diventare concreto ed esemplare”.

Se, infatti, in precedenza gli ambientalisti erano visti come un ostacolo allo sviluppo economico, “adesso si registra un’inversione di tendenza”- ha constatato Titina Maccioni, presidente del consiglio comunale pisano. “L’ambiente e le energie rinnovabili sono l’unico settore in grado di dare un impulso all’economia in fase di stallo”. Ma bisogna partire dalle città e dal concreto, almeno secondo Graziano Turini, assessore alle attività produttive della Provincia di Pisa, specie in realtà di medio-piccole dimensioni, in cui il tessuto produttivo è fatto soprattutto da piccole e medie industrie del comparto tradizionale, che non possono fare massa critica per investire in ricerca e sono piuttosto diffidenti ad investire se non percepiscono un ritorno economico in tempi brevi.

Nella Zona del Cuoio” – ha detto Turini-“abbiamo lanciato un’iniziativa concertata con dieci imprenditori, offrendo loro un servizio di monitoraggio sui consumi energetici e indicando loro come investire per risparmiare e rendere più competitivi i loro cicli produttivi. Ebbene, prima ancora che i risultati della nostra iniziativa fossero resi pubblici, gli imprenditori avevano fatto investimenti per il risparmio energetico, concepito come la chiave per essere più efficienti e competitivi sul mercato”.

Ma non solo economia. Nelle città investire nella green economy è anche un modo per creare coesione sociale. Lorenzo Bani, presidente di A.p.e.s. scpa di Pisa, ente che gestisce il patrimonio di edilizia residenziale pubblica dei 39 comuni della Provincia, sostiene infatti che “il green deve essere un paradigma, una nuova dimensione socio economica. Ma bisogna intervenire in maniera strutturale, come si è fatto nel quartiere pisano di Sant’ Ermete, in cui 256 appartamenti sono stati completamente ricostruiti secondo i criteri di edilizia sostenibile. Oltre il 70% degli immobili che gestiamo, infatti, sono stati costruiti negli anni ’60 e la manutenzione ordinaria diventa insostenibile. I nostri assegnatari spendono di più per l’energia e il gas che per l’affitto. Un paradosso a cui metteremo fine. In Italia il 38% degli immobili sono pubblici ed in affitto. Pensate, quindi, alla capacità di traino dell’economia che potrebbero avere gli investimenti pubblici nel rimodernamento, in senso ecocompatibile, degli immobili”.

La chiosa finale sul dibattito è lasciata ad Ermete Realacci, responsabile nazionale green economy del PD, eletto nel collegio di Pisa e presidente onorario di Legambiente. “Al momento attuale – ha detto Realacci – dobbiamo guardare a come difenderci dalla crisi evitando che la società di strappi. Dobbiamo rivolgere l’attenzione a chi ha perso o rischia di perdere il  posto di lavoro, sostenere la piccola e media impresa, aiutare le famiglie a basso reddito”. “Ma dobbiamo anche imparare – ha continuato – come uscire dalla crisi. La green economy che punta su ricerca, innovazione e qualità,  nei suoi vari settori  rappresenta un milione di posti di lavoro in più per il nostro Paese. Pisa è un concentrato d’Italia, in questo senso, con i suoi centri di ricerca e le sue tre università. Da esperienze come queste bisogna partire con decisione e trovare la via italiana, fatta dal connubio di new economy e green economy”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende