Home » Eventi »Internazionali »Politiche » Sicurezza alimentare e sostenibilità. La nuova PAC secondo Barilla:

Sicurezza alimentare e sostenibilità. La nuova PAC secondo Barilla

novembre 4, 2011 Eventi, Internazionali, Politiche

Come è ormai noto ai nostri lettori, la PAC, la Politica Agricola Comune dell’Unione Europea, sarà in fase di revisione fino al termine del 2013, per entrare poi in vigore - il 1 gennaio 2014- nella nuova formula che uscirà dalle negoziazioni dei prossimi mesi. Le sfide che dovrà affrontare l’Europa su uno dei propri “pilastri” sono numerose e il contesto non appare certo dei migliori: crisi economica, incertezza del mercato globale, scarsità delle risorse, mancanza di cibo, cambiamento climatico.

Quali caratteristiche dovrà dunque avere la nuova PAC per essere all’altezza? Dopo la presentazione ufficiale del 12 ottobre scorso, se ne è discusso al Parlamento Europeo di Bruxelles in occasione del workshop organizzato dal Barilla Centre for Food and Nutrition (BCFN), dal titolo “Il futuro del settore agricolo”. In occasione del workshop è stato presentato il paper del think tank italiano, che affronta il problema dei modelli di agricoltura sostenibile.

Secondo il BCFN la nuova PAC dovrebbe perseguire tre obiettivi fondamentali. In primo luogo, assicurare la produzione di cibo in Europa, per raggiungere una sicurezza alimentare europea di lungo periodo. Il secondo obiettivo dovrebbe essere quello di supportare le comunità di agricoltori, affinché possano fornire ai cittadini europei un’ampia varietà di alimenti di qualità prodotti secondo metodi sostenibili, e in accordo con gli obiettivi che l’UE ha adottato in materia di ambiente, salute, protezione degli animali e delle piante, e di risorse idriche. Infine, una notevole importanza dovrebbe essere posta nei confronti delle comunità rurali e del mantenimento della loro vitalità. Da questo punto di vista il settore agricolo deve essere considerato come un’attività economica importante che può creare posti di lavoro, nonché benefici socio-economici, ambientali e territoriali.

Tre obiettivi, quelli proposti dal BCFN, che corrispondono dunque alla rispettive sfide che la nuova PAC dovrà affrontare: la sicurezza alimentare, la tutela dell’ambiente e il contenimento dei cambiamenti climatici, e l’equilibrio territoriale. Ma la strada per il raggiungimento di un’agricoltura sostenibile pare molto difficile da percorrere “politicamente”. Lo stesso Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo, e speaker nel corso del workshop, ha sottolineato più volte che “non può esistere un’agricoltura sostenibile senza sostenibilità economica. Il Parlamento Europeo – continua De Castro - seppur appoggiando l’idea di una nuova PAC sostenibile anche sul piano ambientale, si rende conto delle difficoltà di una sua attuazione concreta”. Molti infatti sarebbero – secondo gli europarlamentari italiani – gli ostacoli che gli agricoltori dovrebbero affrontare, a partire da quelli di ordine burocratico.

Il BCFN solleva anche la questione della competizione nell’utilizzo dei terreni agricoli europei tra due destinazioni d’uso diverse: quella per la produzione di cibo, da un lato, e quella per i target energetici, dall’altro. E’ necessario infatti che si trovi un bilanciamento nel sistema di incentivi/disincentivi a livello Comunitario, per l’utilizzo dei terreni agricoli destinati alla produzione di biocombustibili. La scarsità, quantitativa e qualitativa, delle terre europee coltivabili potrebbe costituire un problema. Nel corso del XX secolo, il settore agricolo ed alimentare sono stati, del resto, i primi responsabili di una serie di fenomeni, primo fra tutti, quello del deterioramento dei terreni agricoli arabili. Il risultato è che, oggi, il 40% delle terre sono degradate e povere. A questo fenomeno va aggiunta la graduale riduzione dell’estensione delle grandi foreste. Basti pensare che il 45% delle foreste temperate sono state convertite in terre per la coltivazione di cereali. Entrambi questi fenomeni, a loro volta, sono responsabili di circa il 30% delle emissioni globali di gas serra. Negli ultimi cinquanta anni, infatti, il settore agricolo è stato completamente dipendente dai combustibili fossili, sia per la produzione di fertilizzanti, che per l’irrigazione e la meccanizzazione, contribuendo all’aumento del cambiamento climatico e del prezzo del petrolio – e andando dunque ad incidere, in un circolo vizioso, sul prezzo dei prodotti alimentari.

Tutte queste “cattive pratiche” sono diventate consuetudini tra gran parte degli agricoltori e, in quanto tali, difficili da sradicare. Cosa propone il BCFN? Secondo il think tank un buon inizio sarebbe l’attivazione di un processo di reale trasferimento e condivisione delle conoscenze e delle migliori capacità, già presenti nel mondo agricolo ed alimentare, partendo dalle specificità territoriali.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende