Home » Eventi » Una città malata di inurbamento:

Una città malata di inurbamento

ottobre 6, 2010 Eventi

Il piano per l'Expo di Milano 2015, Courtesy of Naba.Far21.comMilano è malata, ma fa gola a tutti. E’questo, in estrema sintesi, il messaggio emerso dal IV Convegno Nazionale di Rinenergy, dal titolo “Prospettive sostenibili del territorio metropolitano”, ospitato ieri nel palazzo della Regione Lombardia.

Ad ammalarsi, a causa dell’aria malsana della città, sono però anche 73 persone ogni giorno, che vengono ricoverate negli ospedali locali per problemi di natura respiratoria. Un dato che l’unico relatore straniero in sala, Hans Jorg Schwander, direttore della Innovation Academy di Friburgo, non esita a definire “criminale”. Schwander, che si occupa da anni di sviluppo sostenibile, è ospite del convegno per parlare di come la città tedesca, sede della sua associazione, sia divenuta uno dei principali casi di studio in Europa per l’esito di una pianificazione urbana virtuosa e meticolosa, orientata alle energie rinnovabili e alla mobilità sostenibile -  un’esperienza che sembra lontana anni luce dalla realtà italiana. Centinaia di chilometri di tram e mezzi pubblici in perfetto orario, quartieri modello a misura d’uomo e una continua volontà di migliorare e primeggiare in Germania, che spinge le istituzioni locali ad una sana competizione.    

Ad ascoltare Schwander, tra l’imbarazzo e l’ammirazione, c’erano le autorità politiche comunali, provinciali e regionali della città che dovrà ospitare (forse) l’Expo Universale 2015, dal pretenzioso titolo Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita: Manfredi Palmeri, Presidente del Consiglio Comunale, Bruno Dapei, Presidente del Consiglio Provinciale, Alessandro Sancino, della Commissione provinciale Mobilità e Trasporti, Giosuè Frosio, Presidente della Commissione Ambiente della Regione Lombardia ed Enrico Marcora, consigliere regionale e membro della Commissione Territorio. Triste dirlo, ma dai loro interventi emerge, insopprimibile, la sensazione del “già sentito, ma mai realizzato”, che è diventata la principale ragione di sfiducia e disaffezione dei cittadini nei confronti della politica.

Palmeri è l’unico a convincere, se non altro, per la passione e onestà intellettuale del suo discorso. Parlando del progetto della Darsena e dell’Expo, sostiene infatti – in controtendenza con il pensiero dominante – come “Expo 2015 non debba pensare unicamente all’insediamento di nuove strutture futuribili. Basterebbe che Milano guardasse dentro la sua storia. Ad esempio, piuttosto che andare a costruire delle nuove vie d’acqua inutili, recuperiamo quelle esistenti, come i Navigli. L’Expo non deve pensare solamente a creare nuove costruzioni, ma a calarsi dentro la città esistente.”

Una posizione paradossalmente in sintonia con quella di Ettore Soffientini, architetto del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che si occupa appunto di progettazione territoriale e recupero delle aree dismesse, e di Paola Santeramo, Presidente Istvap, l’Istituto per la Tutela e la Valorizzazione dell’Agricoltura Periurbana, che condivide la battaglia per un’edificazione limitata nelle aree già urbanizzate, a tutela del – sempre più raro e prezioso – suolo agricolo milanese.     

In realtà il problema non è solo politico, ma soprattutto di applicazione delle leggi che – ricorda Edoardo Croci, Direttore di Ricerca allo IEFE Bocconi – esistono (e anche buone) in Italia – e in Lombardia in particolare – ma vengono puntualmente disattese, spesso per ignoranza degli amministratori. Croci, ex Assessore all’Ambiente del Comune, è promotore, proprio in questi giorni, di cinque quesiti referendari per la qualità dell’ambiente e la mobilità sostenibile a Milano, con l’obiettivo di sensibilizzare, su questi temi, maggioranza e opposizione del capoluogo lombardo, ma soprattutto i cittadini, chiamati ad esprimersi su questioni ben precise e concrete, nei giorni tra il 15 e il 17 ottobre.

La mattinata si chiude con un ideale ritorno all’esempio tedesco di partenza. Marco Migliavacca, esperto di carburanti alternativi, dopo aver ricordato la pionieristica - ma sostanzialmente fallimentare – esperienza milanese sull’idrogeno (ancora in timida fase di sperimentazione), consegna ai presenti una domanda retorica su cui val la pena riflettere: “se avrete occasione di attraversare, anche solo da turisti, la Germania”, spiega Migliavacca, “avrete la netta sensazione che ci siano un piano e una programmazione condivisa a livello nazionale. Il piano tedesco, vista l’importanza del paese, è quello che ha portato l’Europa a formulare gli obiettivi del cosiddetto 20-20-20, che rimane in piedi perché la Germania lo vuole. Lì lo stanno applicando seriamente e si vede, nonostante il loro Conto Energia non sia mai stato conveniente quanto quello italiano. Ci sarà un motivo?”.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende