Home » Eventi » Una città malata di inurbamento:

Una città malata di inurbamento

ottobre 6, 2010 Eventi

Il piano per l'Expo di Milano 2015, Courtesy of Naba.Far21.comMilano è malata, ma fa gola a tutti. E’questo, in estrema sintesi, il messaggio emerso dal IV Convegno Nazionale di Rinenergy, dal titolo “Prospettive sostenibili del territorio metropolitano”, ospitato ieri nel palazzo della Regione Lombardia.

Ad ammalarsi, a causa dell’aria malsana della città, sono però anche 73 persone ogni giorno, che vengono ricoverate negli ospedali locali per problemi di natura respiratoria. Un dato che l’unico relatore straniero in sala, Hans Jorg Schwander, direttore della Innovation Academy di Friburgo, non esita a definire “criminale”. Schwander, che si occupa da anni di sviluppo sostenibile, è ospite del convegno per parlare di come la città tedesca, sede della sua associazione, sia divenuta uno dei principali casi di studio in Europa per l’esito di una pianificazione urbana virtuosa e meticolosa, orientata alle energie rinnovabili e alla mobilità sostenibile -  un’esperienza che sembra lontana anni luce dalla realtà italiana. Centinaia di chilometri di tram e mezzi pubblici in perfetto orario, quartieri modello a misura d’uomo e una continua volontà di migliorare e primeggiare in Germania, che spinge le istituzioni locali ad una sana competizione.    

Ad ascoltare Schwander, tra l’imbarazzo e l’ammirazione, c’erano le autorità politiche comunali, provinciali e regionali della città che dovrà ospitare (forse) l’Expo Universale 2015, dal pretenzioso titolo Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita: Manfredi Palmeri, Presidente del Consiglio Comunale, Bruno Dapei, Presidente del Consiglio Provinciale, Alessandro Sancino, della Commissione provinciale Mobilità e Trasporti, Giosuè Frosio, Presidente della Commissione Ambiente della Regione Lombardia ed Enrico Marcora, consigliere regionale e membro della Commissione Territorio. Triste dirlo, ma dai loro interventi emerge, insopprimibile, la sensazione del “già sentito, ma mai realizzato”, che è diventata la principale ragione di sfiducia e disaffezione dei cittadini nei confronti della politica.

Palmeri è l’unico a convincere, se non altro, per la passione e onestà intellettuale del suo discorso. Parlando del progetto della Darsena e dell’Expo, sostiene infatti – in controtendenza con il pensiero dominante – come “Expo 2015 non debba pensare unicamente all’insediamento di nuove strutture futuribili. Basterebbe che Milano guardasse dentro la sua storia. Ad esempio, piuttosto che andare a costruire delle nuove vie d’acqua inutili, recuperiamo quelle esistenti, come i Navigli. L’Expo non deve pensare solamente a creare nuove costruzioni, ma a calarsi dentro la città esistente.”

Una posizione paradossalmente in sintonia con quella di Ettore Soffientini, architetto del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che si occupa appunto di progettazione territoriale e recupero delle aree dismesse, e di Paola Santeramo, Presidente Istvap, l’Istituto per la Tutela e la Valorizzazione dell’Agricoltura Periurbana, che condivide la battaglia per un’edificazione limitata nelle aree già urbanizzate, a tutela del – sempre più raro e prezioso – suolo agricolo milanese.     

In realtà il problema non è solo politico, ma soprattutto di applicazione delle leggi che – ricorda Edoardo Croci, Direttore di Ricerca allo IEFE Bocconi – esistono (e anche buone) in Italia – e in Lombardia in particolare – ma vengono puntualmente disattese, spesso per ignoranza degli amministratori. Croci, ex Assessore all’Ambiente del Comune, è promotore, proprio in questi giorni, di cinque quesiti referendari per la qualità dell’ambiente e la mobilità sostenibile a Milano, con l’obiettivo di sensibilizzare, su questi temi, maggioranza e opposizione del capoluogo lombardo, ma soprattutto i cittadini, chiamati ad esprimersi su questioni ben precise e concrete, nei giorni tra il 15 e il 17 ottobre.

La mattinata si chiude con un ideale ritorno all’esempio tedesco di partenza. Marco Migliavacca, esperto di carburanti alternativi, dopo aver ricordato la pionieristica - ma sostanzialmente fallimentare – esperienza milanese sull’idrogeno (ancora in timida fase di sperimentazione), consegna ai presenti una domanda retorica su cui val la pena riflettere: “se avrete occasione di attraversare, anche solo da turisti, la Germania”, spiega Migliavacca, “avrete la netta sensazione che ci siano un piano e una programmazione condivisa a livello nazionale. Il piano tedesco, vista l’importanza del paese, è quello che ha portato l’Europa a formulare gli obiettivi del cosiddetto 20-20-20, che rimane in piedi perché la Germania lo vuole. Lì lo stanno applicando seriamente e si vede, nonostante il loro Conto Energia non sia mai stato conveniente quanto quello italiano. Ci sarà un motivo?”.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende