Home » Eventi » Una città malata di inurbamento:

Una città malata di inurbamento

ottobre 6, 2010 Eventi

Il piano per l'Expo di Milano 2015, Courtesy of Naba.Far21.comMilano è malata, ma fa gola a tutti. E’questo, in estrema sintesi, il messaggio emerso dal IV Convegno Nazionale di Rinenergy, dal titolo “Prospettive sostenibili del territorio metropolitano”, ospitato ieri nel palazzo della Regione Lombardia.

Ad ammalarsi, a causa dell’aria malsana della città, sono però anche 73 persone ogni giorno, che vengono ricoverate negli ospedali locali per problemi di natura respiratoria. Un dato che l’unico relatore straniero in sala, Hans Jorg Schwander, direttore della Innovation Academy di Friburgo, non esita a definire “criminale”. Schwander, che si occupa da anni di sviluppo sostenibile, è ospite del convegno per parlare di come la città tedesca, sede della sua associazione, sia divenuta uno dei principali casi di studio in Europa per l’esito di una pianificazione urbana virtuosa e meticolosa, orientata alle energie rinnovabili e alla mobilità sostenibile -  un’esperienza che sembra lontana anni luce dalla realtà italiana. Centinaia di chilometri di tram e mezzi pubblici in perfetto orario, quartieri modello a misura d’uomo e una continua volontà di migliorare e primeggiare in Germania, che spinge le istituzioni locali ad una sana competizione.    

Ad ascoltare Schwander, tra l’imbarazzo e l’ammirazione, c’erano le autorità politiche comunali, provinciali e regionali della città che dovrà ospitare (forse) l’Expo Universale 2015, dal pretenzioso titolo Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita: Manfredi Palmeri, Presidente del Consiglio Comunale, Bruno Dapei, Presidente del Consiglio Provinciale, Alessandro Sancino, della Commissione provinciale Mobilità e Trasporti, Giosuè Frosio, Presidente della Commissione Ambiente della Regione Lombardia ed Enrico Marcora, consigliere regionale e membro della Commissione Territorio. Triste dirlo, ma dai loro interventi emerge, insopprimibile, la sensazione del “già sentito, ma mai realizzato”, che è diventata la principale ragione di sfiducia e disaffezione dei cittadini nei confronti della politica.

Palmeri è l’unico a convincere, se non altro, per la passione e onestà intellettuale del suo discorso. Parlando del progetto della Darsena e dell’Expo, sostiene infatti – in controtendenza con il pensiero dominante – come “Expo 2015 non debba pensare unicamente all’insediamento di nuove strutture futuribili. Basterebbe che Milano guardasse dentro la sua storia. Ad esempio, piuttosto che andare a costruire delle nuove vie d’acqua inutili, recuperiamo quelle esistenti, come i Navigli. L’Expo non deve pensare solamente a creare nuove costruzioni, ma a calarsi dentro la città esistente.”

Una posizione paradossalmente in sintonia con quella di Ettore Soffientini, architetto del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che si occupa appunto di progettazione territoriale e recupero delle aree dismesse, e di Paola Santeramo, Presidente Istvap, l’Istituto per la Tutela e la Valorizzazione dell’Agricoltura Periurbana, che condivide la battaglia per un’edificazione limitata nelle aree già urbanizzate, a tutela del – sempre più raro e prezioso – suolo agricolo milanese.     

In realtà il problema non è solo politico, ma soprattutto di applicazione delle leggi che – ricorda Edoardo Croci, Direttore di Ricerca allo IEFE Bocconi – esistono (e anche buone) in Italia – e in Lombardia in particolare – ma vengono puntualmente disattese, spesso per ignoranza degli amministratori. Croci, ex Assessore all’Ambiente del Comune, è promotore, proprio in questi giorni, di cinque quesiti referendari per la qualità dell’ambiente e la mobilità sostenibile a Milano, con l’obiettivo di sensibilizzare, su questi temi, maggioranza e opposizione del capoluogo lombardo, ma soprattutto i cittadini, chiamati ad esprimersi su questioni ben precise e concrete, nei giorni tra il 15 e il 17 ottobre.

La mattinata si chiude con un ideale ritorno all’esempio tedesco di partenza. Marco Migliavacca, esperto di carburanti alternativi, dopo aver ricordato la pionieristica - ma sostanzialmente fallimentare – esperienza milanese sull’idrogeno (ancora in timida fase di sperimentazione), consegna ai presenti una domanda retorica su cui val la pena riflettere: “se avrete occasione di attraversare, anche solo da turisti, la Germania”, spiega Migliavacca, “avrete la netta sensazione che ci siano un piano e una programmazione condivisa a livello nazionale. Il piano tedesco, vista l’importanza del paese, è quello che ha portato l’Europa a formulare gli obiettivi del cosiddetto 20-20-20, che rimane in piedi perché la Germania lo vuole. Lì lo stanno applicando seriamente e si vede, nonostante il loro Conto Energia non sia mai stato conveniente quanto quello italiano. Ci sarà un motivo?”.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende