Home » Eventi » Una città malata di inurbamento:

Una città malata di inurbamento

ottobre 6, 2010 Eventi

Il piano per l'Expo di Milano 2015, Courtesy of Naba.Far21.comMilano è malata, ma fa gola a tutti. E’questo, in estrema sintesi, il messaggio emerso dal IV Convegno Nazionale di Rinenergy, dal titolo “Prospettive sostenibili del territorio metropolitano”, ospitato ieri nel palazzo della Regione Lombardia.

Ad ammalarsi, a causa dell’aria malsana della città, sono però anche 73 persone ogni giorno, che vengono ricoverate negli ospedali locali per problemi di natura respiratoria. Un dato che l’unico relatore straniero in sala, Hans Jorg Schwander, direttore della Innovation Academy di Friburgo, non esita a definire “criminale”. Schwander, che si occupa da anni di sviluppo sostenibile, è ospite del convegno per parlare di come la città tedesca, sede della sua associazione, sia divenuta uno dei principali casi di studio in Europa per l’esito di una pianificazione urbana virtuosa e meticolosa, orientata alle energie rinnovabili e alla mobilità sostenibile -  un’esperienza che sembra lontana anni luce dalla realtà italiana. Centinaia di chilometri di tram e mezzi pubblici in perfetto orario, quartieri modello a misura d’uomo e una continua volontà di migliorare e primeggiare in Germania, che spinge le istituzioni locali ad una sana competizione.    

Ad ascoltare Schwander, tra l’imbarazzo e l’ammirazione, c’erano le autorità politiche comunali, provinciali e regionali della città che dovrà ospitare (forse) l’Expo Universale 2015, dal pretenzioso titolo Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita: Manfredi Palmeri, Presidente del Consiglio Comunale, Bruno Dapei, Presidente del Consiglio Provinciale, Alessandro Sancino, della Commissione provinciale Mobilità e Trasporti, Giosuè Frosio, Presidente della Commissione Ambiente della Regione Lombardia ed Enrico Marcora, consigliere regionale e membro della Commissione Territorio. Triste dirlo, ma dai loro interventi emerge, insopprimibile, la sensazione del “già sentito, ma mai realizzato”, che è diventata la principale ragione di sfiducia e disaffezione dei cittadini nei confronti della politica.

Palmeri è l’unico a convincere, se non altro, per la passione e onestà intellettuale del suo discorso. Parlando del progetto della Darsena e dell’Expo, sostiene infatti – in controtendenza con il pensiero dominante – come “Expo 2015 non debba pensare unicamente all’insediamento di nuove strutture futuribili. Basterebbe che Milano guardasse dentro la sua storia. Ad esempio, piuttosto che andare a costruire delle nuove vie d’acqua inutili, recuperiamo quelle esistenti, come i Navigli. L’Expo non deve pensare solamente a creare nuove costruzioni, ma a calarsi dentro la città esistente.”

Una posizione paradossalmente in sintonia con quella di Ettore Soffientini, architetto del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che si occupa appunto di progettazione territoriale e recupero delle aree dismesse, e di Paola Santeramo, Presidente Istvap, l’Istituto per la Tutela e la Valorizzazione dell’Agricoltura Periurbana, che condivide la battaglia per un’edificazione limitata nelle aree già urbanizzate, a tutela del – sempre più raro e prezioso – suolo agricolo milanese.     

In realtà il problema non è solo politico, ma soprattutto di applicazione delle leggi che – ricorda Edoardo Croci, Direttore di Ricerca allo IEFE Bocconi – esistono (e anche buone) in Italia – e in Lombardia in particolare – ma vengono puntualmente disattese, spesso per ignoranza degli amministratori. Croci, ex Assessore all’Ambiente del Comune, è promotore, proprio in questi giorni, di cinque quesiti referendari per la qualità dell’ambiente e la mobilità sostenibile a Milano, con l’obiettivo di sensibilizzare, su questi temi, maggioranza e opposizione del capoluogo lombardo, ma soprattutto i cittadini, chiamati ad esprimersi su questioni ben precise e concrete, nei giorni tra il 15 e il 17 ottobre.

La mattinata si chiude con un ideale ritorno all’esempio tedesco di partenza. Marco Migliavacca, esperto di carburanti alternativi, dopo aver ricordato la pionieristica - ma sostanzialmente fallimentare – esperienza milanese sull’idrogeno (ancora in timida fase di sperimentazione), consegna ai presenti una domanda retorica su cui val la pena riflettere: “se avrete occasione di attraversare, anche solo da turisti, la Germania”, spiega Migliavacca, “avrete la netta sensazione che ci siano un piano e una programmazione condivisa a livello nazionale. Il piano tedesco, vista l’importanza del paese, è quello che ha portato l’Europa a formulare gli obiettivi del cosiddetto 20-20-20, che rimane in piedi perché la Germania lo vuole. Lì lo stanno applicando seriamente e si vede, nonostante il loro Conto Energia non sia mai stato conveniente quanto quello italiano. Ci sarà un motivo?”.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende