Home » Idee » Alfred Nobel, storia dell’ideatore del Premio e della dinamite:

Alfred Nobel, storia dell’ideatore del Premio e della dinamite

ottobre 11, 2011 Idee

Con la consegna del premio per l’Economia agli statunitensi Christopher Sims e Thomas J. Sargent si è conclusa ieri la cerimonia dei premi Nobel, iniziata lunedì 3 ottobre con i premi per la Medicina. Ma chi era Alfred Nobel? Veronica Ulivieri ha ripercorso, per Greenews.info, le tappe fondamentali  della sua vita e l’amicizia segreta con il torinese Ascanio Sobrero.

Per scavare nella roccia un tunnel ferroviario ne basta un cucchiaio, e qualche milligrammo fa bene anche per curare certe patologie cardiache. Il suo potenziale detonante l’ha resa però una presenza costante nelle guerre e i conflitti armati del Novecento. La nitroglicerina è il caso più eclatante di come un’invenzione realizzata per favorire il progresso civile sia poi stata usata per arrestarlo. A scoprirla fu, nel 1847, un medico e chimico torinese, Ascanio Sobrero, allievo dei migliori scienziati dell’epoca, animato dal sogno di inventare un esplosivo che potesse essere utilizzato per le grandi opere di una società in pieno fermento: ampliamenti delle vie di comunicazione, tunnel ferroviari, sviluppo dell’industria mineraria.

La sostanza, però, era molto instabile, ed esplodeva troppo facilmente. Solo venti anni più tardi, dopo esperimenti che gli costarono anche la morte di un fratello, la stabilizzò Alfred Nobel: gli bastò aggiungere alla nitroglicerina, un liquido oleoso di colore giallo, della farina fossile, creando così la dinamite. Nobel e Sobrero si conobbero e collaborarono: un sodalizio tenuto segreto, fatto di reciproca ammirazione, cui recentemente è stata dedicata un’avvincente puntata della trasmissione Destini incrociati su Radio24.

Sobrero studia a Parigi, allievo del futuro maestro di Alfred Nobel, Thèophile Jules Pelouze, e in Germania. Qui, nel laboratorio del grande chimico Justus von Liebig (l’inventore del dado di carne per brodo!) fa i primi esperimenti sugli esplosivi, partendo da materie prime vegetali. E’ infatti dallo zucchero di canna e dai tuberi della dalia che nel 1843 lo scienziato torinese isola la mannite, da cui crea la nitro-mannite,  un nuovo esplosivo detonante particolarmente stabile, semplice da preparare e da conservare. Nello stesso anno, Sobrero scopre anche analoghe proprietà nello zucchero di canna nitrico o saccarosio fulminante. Ma lo scienziato torinese sognava di spianare la strada al progresso e queste sostanze erano esplosivi troppo “blandi” per scavare un tunnel o una galleria in una miniera. Chiuso nel suo laboratorio, non pensava certo alle devastazioni ambientali che ne sarebbero potute derivare, né all’utilizzo bellico. Nel 1847 scopre il più potente di tutti gli esplosivi, la nitroglicerina, ottenendola attraverso la reazione del glicerolo con una miscela concentrata di acido nitrico e acido solforico. Un ritrovato perfetto per le grandi opere civili, e dotato anche di virtù mediche, essendo un vasodilatatore utile in varie patologie cardiache, come l’angina.

Il potente liquido oleoso è però altamente esplosivo e Sobrero rischia la vita durante un esperimento. Il pericolo lo convince ad abbandonare gli studi. Intanto, Alfred Nobel, non ancora diciottenne, è già diventato un chimico esperto e si sta perfezionando a Parigi, alla Scuola di Pelouze. Nonostante la sua giovane età, conosce bene la chimica ed è dotato di un grande spirito imprenditoriale: nel 1851 arriva così ad Avigliana, in provincia di Torino, in cerca di Sobrero.

Nobel è deciso a stabilizzare l’esplosivo e, dopo centinaia di esperimenti, ci riesce nel 1867. La sua invenzione ha un enorme  successo e in poco tempo il giovane scienziato svedese apre più di venti fabbriche in tutta Europa, tra cui il dinamitificio di Avigliana (oggi bonificato e sede di un golf club), avviato attraverso la collaborazione – mantenuta sempre segreta – con il chimico torinese. Grazie all’esplosivo, Nobel diventa uno degli uomini più ricchi del suo Paese, ma rimane un inguaribile ottimista: vede negli usi civili a cui aveva pensato Sobrero i capisaldi del suo business e pensa che non sarà mai utilizzato per scopi bellici. «La mia dinamite porterà alla pace più in fretta di migliaia di convenzioni», scrive all’amica pacifista Bertha Von Suttner. «Il giorno in cui due armate si potranno distruggere reciprocamente nell’arco di un secondo, tutte le nazioni civilizzate non potranno che arretrare inorridite e procedere a smantellare gli eserciti».

Purtroppo, come noto, le previsioni di Nobel si rivelarono completamente sbagliate e il chimico viene soprannominato “il mercante della morte”. Un peso troppo grande che il giovane Alfred non accetta di portare: non vuole essere ricordato in eterno solo come l’inventore di una polvere distruttiva, e forse  si pente di non aver pensato ai disastri che l’invenzione avrebbe potuto causare. Inizia a pensare a una soluzione. Ed è proprio la baronessa Von Suttner a venirgli in aiuto, consigliandogli di investire nella pace. Nel 1895, Nobel dà al mondo una notizia strabiliante: quando morirà, il suo immenso patrimonio andrà a costituire un fondo, i cui interessi saranno ogni anno ripartiti tra cinque personalità che nell’anno precedente avranno contribuito al benessere dell’umanità, in diversi ambiti (la fisica, la chimica, la medicina, la letteratura e la pace). Nel 1896, dopo complicazioni cardiache e un periodo di cure a base proprio di nitroglicerina, Nobel muore. I premi, oggi più famosi della dinamite, vengono assegnati per la prima volta nel 1901.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende