Home » Idee » Biocatene ai nastri di partenza:

Biocatene ai nastri di partenza

settembre 13, 2010 Idee

Su gentile concessione degli autori ripubblichiamo oggi su Greenews.info i tre servizi giornalistici vincitori del Premio Comunicare Bio, assegnato da  Federbio sabato 11 settembre, in occasione del Sana, il Salone Internazionale del Naturale di Bologna. In questo articolo Claudio Bonomi di Bargiornale (Sole 24 Ore Business Media), secondo classificato, racconta l’opportunità del biologico in franchising.

Biocatene, Courtesy of protonutrizione.it

Il biologico regge ai colpi della crisi. E sebbene resti un mercato di nicchia offre anche aibar opportunità di espansione. Un terreno quasi vergine dove il franchising può giocare il ruolo di locomotiva.

Colonia, in Renania, il biologico è riuscito addirittura a far sposare distribuzione moderna e somministrazione tradizionale, due mondi che almeno in Italia sono sempre di più in aperta concorrenza. All’interno del nuovissimo punto vendita cittadino denominatoTemma (Gruppo Rewe) convivono su un’area di 800 mq circa 5mila prodotti bio a libero servizio insieme a bar caffetteria e pasticceria con servizio al tavolo. Tutto ovviamente all’insegna dell’alimentazione naturale e certificata. Siamo in Germania, dove i consumi di prodotti bio per alcune tipologie di prodotti sfiorano il 20% della spesa alimentare delle famiglie. In Italia, nonostante il primato europeo in termini di superficie coltivabile, numero di aziende agricole specializzate, produzioni (siamo, ad esempio, i primi produttori, anche a livello mondiale, di ortaggi, cereali, agrumi ecc.), i consumi si collocano intorno al 3% della spesa alimentare nazionale. Un mercato stimato tra i 2,8 e i 3 miliardi di euro (in Germania, il valore è quasi doppio) che, nonostante la crisi, regge.

Mercato di nicchia, ma in crescita. Ad esempio, sul fronte del grocery nei primi sei mesi del 2009 gli acquisti di prodotti bio confezionati hanno fatto registrare un incremento del 7,4% in valore e dell’8,5% in quantità (Ismea/Nielsen). D’altronde che il biologico non fosse un fenomeno effimero Bargiornale l’ha scritto più volte. Certo è che, a differenza di quello che è successo in Germania e in nord Europa, non c’è stato quel boom di consumi che alcuni analisti avevano previsto. Resta, poi, da considerare che la diffusione di questa “filosofia” è stata molto più lenta nel settore dei pubblici esercizi rispetto al libero servizio o alla vendita al dettaglio. Una crescita tuttavia costante. Se prendiamo, ad esempio, gli ultimi numeri sfornati dall’edizione 2010 di “Tutto Bio – Annuario del Biologico” sono 224 gli operatori della ristorazione (macro categoria che comprende non solo ristoranti, ma anche bar, caffetterie, gelaterie, pizzerie, self service ecc.). Un piccolo ma vivace settore che è cresciuto del 31% rispetto al 2007. La ristorazione insieme ai gruppi d’acquisto solidali (i cosiddetti “gas”) e alla vendita diretta è, tra l’altro, il canale che per numero di operatori è aumentato di più nel biennio 2007-2009. «E continuerà a crescere anche in futuro – spiega Maria Rosa Bertino, giornalista e curatrice insieme ad Achille Mingozzi dell’annuario -. Certo, non si tratta di uno sviluppo esponenziale ma di un trend di crescita perfettamente in linea con lo sviluppo di una domanda che ha imparato ormai a distinguere le peculiarità della proposta biologica e che è amante della cosiddetta cucina del benessere caratterizzata da leggerezza e alta digeribilità. È chiaro comunque ormai a tutti cheil biologico non è un business semplice, ma un settore dove occorre un tasso “culturale” più elevato rispetto a un’attività di matrice tradizionalequi l’improvvisazione è veramente bandita. Semmai, in uno scenario quale l’attuale, possono giocare un ruolo di orientamento e, allo stesso tempo, di formazione di nuovi operatori le catene in franchising». L’affiliazione sta in effetti facendo i primi timidi passi nel settore. Non solo nella ristorazione in senso stretto, ma anche nel canale bar/caffetteria.

Biologico e prodotti per intolleranti. Un modello interessante è la formula biologicafè. «L’idea di aprire un bio cafè – spiega Barbara Deandrea che insieme a Gabriele Pacini è titolare del marchio Biologicafè – è nata dalla nostra esperienza familiare, di mio figlio prima e di tutta la famiglia in seguito. Scoprire di avere una intolleranza alimentare ci è sembrato inizialmente un problema, ma poi abbiamo capito che era un’opportunità per migliorare la qualità del nostro stile di vita a partire dal cibo». Inizia così, da questo sforzo di rovesciare un problema trasformandolo in opportunità, l’avventura di questo “caffè alternativo” che saggiamente incrocia il biologico con prodotti gluten free o anti-intolleranze come croissant senza frumento, latte di riso ecc. (biologicafè fa parte del network “colazione al bar” sostenuto e controllato dell’Associazione Italiana Celiachia). Nel 2004 dunque è partito il progetto imprenditoriale, nato fin da subito con l’ambizione del franchising e con un format che si è perfezionato nel tempo: oggi biologicafè, che ha ottenuto la certificazione di “locale biologico”controllato da Icea, comprende caffetteria, tavola calda, pasticceria, gelateria, wine bar, sala da tè, ma anche servizio catering, take away e organizzazione di eventi. Entro l’anno a Milano dovrebbe sorgere il primo pdv in franchising e un’altra decina sono in scaletta. L’investimento richiesto è variabile: si può partire, ad esempio, da 800 euro (per la sola fornitura di caffè bio e di materiali di servizio) o da 30mila euro per un locale di 20mq. Non sono previste fee o royalties. La formazione iniziale comprende una parte medica relativa alle intolleranze alimentari e a principi di dietetica e una parte pratica svolta presso il punto pilota di Alessandria.

Formule, location e specializzazioni. Un altro modello che si sta affacciando al franchising è il Bio’s Cafè di Rimini «Siamo nati nel 2002 – spiega Renzo Agostini, creatore della formula – e, sulla scorta di un’esperienza quasi decennale, possiamo tranquillamente dire che il nostro modello funziona tanto che abbiamo messo a punto una proposta di franchising. Abbiamo previsto 3 diverse tipologie di format a seconda della localizzazione del bar o della proposta: area direzionale, area centrale o piccolo snack bar concentrato sulle prime colazioni. Mediamente l’investimento si aggira intorno ai 150mila euro». Nessuna royalties, ma è prevista una fee d’ingresso di 15.000 euro per le attività di supporto all’affiliato che vanno dalla progettazione all’avviamento del locale, compresa la formazione dello staff. L’approvigionamento ai franchisee è assicurato da un laboratorio di 1.000 mq localizzato a Cervia. Quest’anno, dovrebbero aprire almeno 5 punti in franchising Bio’s Cafè. Infine, una leva competitiva non trascurabile offerta dal bio è rappresentata dalla possibilità di differenziare la propria offerta. «In termini di mercato – spiega Gianluca Mondardini, artefice della formula Dolce Bio – la biospecializzazione paga. Però occorre essere credibili e autentici, evitando al massimo ogni “contaminazione” con l’offerta tradizionale». In sintesi, le biocatene possono rappresentare la porta d’ingresso ideale per un neoimprenditore. Ma, attenzione, il bio è tutto meno che un settore rifugio.

Claudio Bonomi

L’articolo è stato pubblicato il 2 aprile 2010 su Bargiornale, il mensile di Sole 24 Ore Business Media dedicato ai bar e al canale Ho.re.ca.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

marzo 20, 2017

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

La Commissione Agricoltura della Camera ha approvato, il 16 marzo, il testo unico sull’agricoltura biologica, da anni atteso dall’intero comparto. Il testo, che sarà trasmesso alle commissioni competenti in sede consultiva per l’espressione del parere di competenza, ha l’obiettivo di mettere ordine e dare valore a un settore in costante crescita e sempre più in [...]

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

marzo 20, 2017

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

“Salva la goccia” 2017 inaugura un nuovo sport: le Olimpiadi della Sostenibilità. Per la Giornata Mondiale dell’Acqua, che si celebra il 22 marzo, la quinta edizione della campagna per il risparmio idrico realizzata da Green Cross Italia chiede a bambini e studenti, insegnanti e cittadini di aderire alla gara anti-spreco. Obiettivo: ridurre i litri che [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende