Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » Diteci intanto chi ha ragione. Intervista a Enrico Remmert:

Diteci intanto chi ha ragione. Intervista a Enrico Remmert

maggio 28, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Enrico Remmert, Courtesy of incipitcorsi.comIl pianeta si sta surriscaldando o siamo vicini a una nuova glaciazione? Il florilegio di teorie e controteorie sul clima è l’ossessione che turba le rosse notti di Enrico Remmert, scrittore e sceneggiatore torinese, autore, nel 1997, del fortunato romanzo d’esordio “Rossenotti“, pluripremiato in Italia, tradotto in diverse lingue europee e diventato, negli Stati Uniti, un film per la regia di Stéphane Dumonceau.

D) Enrico, qual è, secondo te, il più urgente problema ambientale?

R) Capire chi dice la verità! Mi ricordo quando ero ragazzino, negli anni ’80, che ci parlavano di una nuova glaciazione in arrivo, poi di riscaldamento globale, adesso ho di nuovo letto, negli ultimi giorni, che 200 scienziati sostengono che avverrà una nuova glaciazione. Mi piacerebbe allora, prima di tutto, che questi illustri scienziati ci dicessero qual è la verità e non 80 teorie diverse! Altrimenti non capisci più chi ha ragione. L’ultimo inverno a Torino è stato sicuramente il più freddo che io mi ricordi. Meno 9 gradi alle 10 del mattino sul termometro della mia auto non ricordo di averli mai visti in città. E dato che il tema mi interessa mi sono documentato un po’. La Groenlandia, come suggerisce la radice stessa del termine, pare fosse una “Terra Verde“, addirittura piantata a grano, a quanto dicono i carotaggi, ma oggi è tutt’altro che tale. Anche le temperature a Londra nell’Ottocento pare che fossero molto diverse da quelle attuali. Dunque?

D) Qualcuno sostiene che chiamarla “Terra Verde” sia stata un’idea di marketing dei sovrani vichinghi, per renderla più appetibile agli emigranti… Altri che le gelate del Tamigi siano cessate nel 1835, semplicemente quando le campate del Ponte di Londra sono state allargate permettendo all’acqua di scorrere più agevolmente – senza connessioni con i cambiamenti climatici…

R) Sono teorie interessanti, approfondirò.    

D) Tu ti consideri una persona attenta all’ambiente?

R) Assolutamente sì. Da quando ho lavorato ad una campagna per il Conai, sono estremamente attento al riutilizzo e allo smaltimento dei materiali trattati dai 6 consorzi aderenti: carta, legno, vetro, alluminio, acciaio e plastica. Vado in bici ogni giorno e la mattina, se c’è bel tempo, porto le bambine a scuola a piedi. Loro storcono il naso e fanno la faccia triste, ma quando spiego che una passeggiata di venti minuti fa bene se ne fanno una ragione. Non avessi figli girerei sempre in bici, o in Vespa, o con i mezzi pubblici.  

D) Tu vivi a Torino. Come consideri l’attenzione che la città riserva alle questioni ambientali?

R) Media…Io ho la fortuna di abitare in centro, molto vicino al Parco del Valentino, che è il principale polmone verde. I parchi sono in fondo i veri “templi” delle città e Torino fortunatamente ne ha molti: la Colletta, le Vallere, la Pellerina, tutti i parchi della Collina, il Leopardi, la Maddalena… A Torino forse c’è un problema di traffico inferiore rispetto ad altre città, però quando poi si vedono i valori risulta sempre una delle 3/4 città più inquinate d’Italia! Forse è una città che “maschera bene”, o forse siamo noi piemontesi che, così precisini, facciamo sembrare il traffico meno caotico che da altre parti

D) C’è qualche iniziativa in città che ti è rimasta particolarmente impressa per la sua utilità?

R) Sicuramente la metropolitana. Almeno per la parte della città che ne è toccata oggi. Percorrendo Corso Francia verso Collegno non si vedono quasi più veicoli in superficie. Credo siano 60/70.000 persone che vengono trasportate con mezzi diversi dall’auto. La metro è quindi la soluzione che meglio può cambiare il volto della città e il problema dell’inquinamento. Certo non siamo ancora come il Nord Europa. Qualche settimana fa ho visto un servizio di Report su alcuni casi in Germania e Svezia: quando vedi quelle città senza traffico, con i mezzi pubblici che funzionano, la gente in bici o a piedi – come i bambini raccolti dal “piedibus”, un serpentone per camminare tutti insieme verso la scuola - beh, sono cose fantastiche… E’ovvio però che si possono fare su dimensioni ristrette e non, purtroppo, nelle grandi città metropolitane che si estendono verso la provincia.

D) I protagonisti dei tuoi romanzi sono spesso personaggi “picareschi” che conducono uno stile di vita non particolarmente salubre. Hai mai inserito riferimenti all’ambiente nei tuoi libri o tratto ispirazione da eventi o elementi naturali?

R) Nella Ballata (La Ballata delle Canaglie, NdR) c’è una sorta di elogio della campagna. Mentre il nuovo libro al quale sto lavorando, Strade Bianche, in uscita a settembre, è un viaggio in auto attraverso il paesaggio italiano, da Torino a Bari, percorrendo unicamente strade statali e secondarie. Qui la natura ha un’importanza grandissima.

D) Avere figli ha accresciuto la tua sensibilità ecologica?

R) Di sicuro. Saremo noi a lasciargli questo mondo. E siamo tutti a riempirci la bocca, ma poi…Fino ad ora non è che gli stiamo lasciando un granché!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende