Home » Idee »Rubriche »Very Important Planet » Diteci intanto chi ha ragione. Intervista a Enrico Remmert:

Diteci intanto chi ha ragione. Intervista a Enrico Remmert

maggio 28, 2010 Idee, Rubriche, Very Important Planet

Enrico Remmert, Courtesy of incipitcorsi.comIl pianeta si sta surriscaldando o siamo vicini a una nuova glaciazione? Il florilegio di teorie e controteorie sul clima è l’ossessione che turba le rosse notti di Enrico Remmert, scrittore e sceneggiatore torinese, autore, nel 1997, del fortunato romanzo d’esordio “Rossenotti“, pluripremiato in Italia, tradotto in diverse lingue europee e diventato, negli Stati Uniti, un film per la regia di Stéphane Dumonceau.

D) Enrico, qual è, secondo te, il più urgente problema ambientale?

R) Capire chi dice la verità! Mi ricordo quando ero ragazzino, negli anni ’80, che ci parlavano di una nuova glaciazione in arrivo, poi di riscaldamento globale, adesso ho di nuovo letto, negli ultimi giorni, che 200 scienziati sostengono che avverrà una nuova glaciazione. Mi piacerebbe allora, prima di tutto, che questi illustri scienziati ci dicessero qual è la verità e non 80 teorie diverse! Altrimenti non capisci più chi ha ragione. L’ultimo inverno a Torino è stato sicuramente il più freddo che io mi ricordi. Meno 9 gradi alle 10 del mattino sul termometro della mia auto non ricordo di averli mai visti in città. E dato che il tema mi interessa mi sono documentato un po’. La Groenlandia, come suggerisce la radice stessa del termine, pare fosse una “Terra Verde“, addirittura piantata a grano, a quanto dicono i carotaggi, ma oggi è tutt’altro che tale. Anche le temperature a Londra nell’Ottocento pare che fossero molto diverse da quelle attuali. Dunque?

D) Qualcuno sostiene che chiamarla “Terra Verde” sia stata un’idea di marketing dei sovrani vichinghi, per renderla più appetibile agli emigranti… Altri che le gelate del Tamigi siano cessate nel 1835, semplicemente quando le campate del Ponte di Londra sono state allargate permettendo all’acqua di scorrere più agevolmente – senza connessioni con i cambiamenti climatici…

R) Sono teorie interessanti, approfondirò.    

D) Tu ti consideri una persona attenta all’ambiente?

R) Assolutamente sì. Da quando ho lavorato ad una campagna per il Conai, sono estremamente attento al riutilizzo e allo smaltimento dei materiali trattati dai 6 consorzi aderenti: carta, legno, vetro, alluminio, acciaio e plastica. Vado in bici ogni giorno e la mattina, se c’è bel tempo, porto le bambine a scuola a piedi. Loro storcono il naso e fanno la faccia triste, ma quando spiego che una passeggiata di venti minuti fa bene se ne fanno una ragione. Non avessi figli girerei sempre in bici, o in Vespa, o con i mezzi pubblici.  

D) Tu vivi a Torino. Come consideri l’attenzione che la città riserva alle questioni ambientali?

R) Media…Io ho la fortuna di abitare in centro, molto vicino al Parco del Valentino, che è il principale polmone verde. I parchi sono in fondo i veri “templi” delle città e Torino fortunatamente ne ha molti: la Colletta, le Vallere, la Pellerina, tutti i parchi della Collina, il Leopardi, la Maddalena… A Torino forse c’è un problema di traffico inferiore rispetto ad altre città, però quando poi si vedono i valori risulta sempre una delle 3/4 città più inquinate d’Italia! Forse è una città che “maschera bene”, o forse siamo noi piemontesi che, così precisini, facciamo sembrare il traffico meno caotico che da altre parti

D) C’è qualche iniziativa in città che ti è rimasta particolarmente impressa per la sua utilità?

R) Sicuramente la metropolitana. Almeno per la parte della città che ne è toccata oggi. Percorrendo Corso Francia verso Collegno non si vedono quasi più veicoli in superficie. Credo siano 60/70.000 persone che vengono trasportate con mezzi diversi dall’auto. La metro è quindi la soluzione che meglio può cambiare il volto della città e il problema dell’inquinamento. Certo non siamo ancora come il Nord Europa. Qualche settimana fa ho visto un servizio di Report su alcuni casi in Germania e Svezia: quando vedi quelle città senza traffico, con i mezzi pubblici che funzionano, la gente in bici o a piedi – come i bambini raccolti dal “piedibus”, un serpentone per camminare tutti insieme verso la scuola - beh, sono cose fantastiche… E’ovvio però che si possono fare su dimensioni ristrette e non, purtroppo, nelle grandi città metropolitane che si estendono verso la provincia.

D) I protagonisti dei tuoi romanzi sono spesso personaggi “picareschi” che conducono uno stile di vita non particolarmente salubre. Hai mai inserito riferimenti all’ambiente nei tuoi libri o tratto ispirazione da eventi o elementi naturali?

R) Nella Ballata (La Ballata delle Canaglie, NdR) c’è una sorta di elogio della campagna. Mentre il nuovo libro al quale sto lavorando, Strade Bianche, in uscita a settembre, è un viaggio in auto attraverso il paesaggio italiano, da Torino a Bari, percorrendo unicamente strade statali e secondarie. Qui la natura ha un’importanza grandissima.

D) Avere figli ha accresciuto la tua sensibilità ecologica?

R) Di sicuro. Saremo noi a lasciargli questo mondo. E siamo tutti a riempirci la bocca, ma poi…Fino ad ora non è che gli stiamo lasciando un granché!

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende