Home » Idee » Le opportunità della green economy. Intervista a Stefano Pogutz:

Le opportunità della green economy. Intervista a Stefano Pogutz

marzo 24, 2010 Idee

Stefano Pogutz, Courtesy of MEMAE BocconiSarà inaugurata ufficialmente domani, presso la Graduate School dell’Università Bocconi a Milano, la IX Edizione del MEMAE, il Master in Economia e Management dell’Ambiente e dell’Energia , che vedrà, contestualmente, la consegna dei diplomi agli allievi dell’Edizione 2009.

Tema dell’evento, che coinvolgerà, come testimoni, rappresentanti del mondo delle imprese e dell’ILO, l’International Labour Organization di Torino, i green jobs che – recita l’invito di partecipazione - ”rappresentano una grande opportunità per accelerare l’uscita dalla crisi economica e una necessità per uno sviluppo sostenibilie, in equilibrio con il pianeta. 

Abbiamo intervistato Stefano Pogutz, Direttore del Master:

D) Come si caratterizza il vostro master rispetto ad altri prodotti formativi analoghi che stanno crescendo in questi ultimi anni?

R) Il MEMAE (nato 9 anni anni fa come MEMA) è un master di primo livello altamente professionalizzante, che affronta temi specifici che, nei normali corsi di management, non vengono trattati, se non in due o tre corsi. Dura un anno – full-time da gennaio a dicembre – e offre 570 ore di didattica, 70 ore di testimonianze aziendali e 320 ore di stage obbligatorio presso le più importanti aziende italiane e straniere del settore.  

D) Quali forme di partnership avete attivato con le aziende? 

R) Abbiamo delle aziende che ci sponsorizzano permettendoci di abbassare la fee di iscrizione al master (di 12.000 euro, N.dR.). Tutti gli anni su circa 36 partecipanti selezionati riusciamo a erogare 16 borse a copertura parziale dei costi, assegnate ai più meritevoli, indipendentemente dal reddito. Negli anni sono stati costanti come sponsor Edison, Italcementi, Conai, Consorzio Venezia Nuova, Enel, ma ogni anno abbiamo nuove aziende che si inseriscono, perchè colgono l’aspetto strategico di formare figure professionali capaci di affrontare le nuove sfide poste dalla green economy. Abbiamo poi accordi di collaborazione per quanto riguarda gli stage e il placement.  Ad esempio con Ikea, che ha offerto ad alcuni stagisti la possibilità di contribuire alla stesura del bilancio di sostenibilità, con KPMG, che ha acquisito nostri diplomati nella divisione Sostenibilità, con Accenture, con EGL Italia e altri. In una situazione di crisi come quella dell’anno scorso siamo riusciti ad offrire 56 opportunità di stage di alto livello a 40 ragazzi. Ogni ragazzo ha potuto fare circa 4 colloqui.      

D) Negli anni precedenti quali sono stati i profili più richiesti dal mercato?  

R) A seguito del riassetto del master di due anni fa abbiamo identificato alcune categorie di sbocchi professionali. Intanto quello nel settore energia tout court, che richiede figure con competenze manageriali o tecniche specifiche (sapere come funziona il mercato del gas, come si formano i prezzi, come si fa il trading ecc.). Il settore delle rinnovabili è una costola di quello energetico, ma con una sua autonomia, ricco di start up di piccole e medie dimensioni che consentono l’ingresso anche di profili più “ecelttici“, con possibilità di carriera più veloce. Un’altra area estremamente interessante a livello internazionale, ma ancora poco sviluppata in Italia, sono i mercati del carbon asset management: non si tratta solo del trading regolamentato, ma si stanno sviluppando pratiche su base volontaria che richiedono figure in grado di realizzare progetti di offset delle emissioni con standerd di certificazione volontaria. Passando poi dall’area “energia” a quella “sostenibilità” servono profili in grado di seguire progetti internazionali di cooperazione allo sviluppo, come quelli di UNEP o GRI, con i quali abbiamo in corso alcune partnership. Per quanto riguarda l’”ambiente“, inteso come mercato, c’è una buona richiesta di professionisti per la gestione dei rifiuti – principalmente nei vari consorzi di recupero – o delle bonifiche ambientali, soprattutto da parte di società di engineering, che richiedono non solo figure tecniche, ma anche manageriali. Ma non dimentichiamo infine le opportunità che si creano dalla gestione della sostenibilità e dei problemi ambientali all’interno delle aziende manifatturiere, o di servizi – anche bancari, che richiedono figure come il Corporate Social Responsibility Manager.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende