Home » Idee » Le opportunità della green economy. Intervista a Stefano Pogutz:

Le opportunità della green economy. Intervista a Stefano Pogutz

marzo 24, 2010 Idee

Stefano Pogutz, Courtesy of MEMAE BocconiSarà inaugurata ufficialmente domani, presso la Graduate School dell’Università Bocconi a Milano, la IX Edizione del MEMAE, il Master in Economia e Management dell’Ambiente e dell’Energia , che vedrà, contestualmente, la consegna dei diplomi agli allievi dell’Edizione 2009.

Tema dell’evento, che coinvolgerà, come testimoni, rappresentanti del mondo delle imprese e dell’ILO, l’International Labour Organization di Torino, i green jobs che – recita l’invito di partecipazione - ”rappresentano una grande opportunità per accelerare l’uscita dalla crisi economica e una necessità per uno sviluppo sostenibilie, in equilibrio con il pianeta. 

Abbiamo intervistato Stefano Pogutz, Direttore del Master:

D) Come si caratterizza il vostro master rispetto ad altri prodotti formativi analoghi che stanno crescendo in questi ultimi anni?

R) Il MEMAE (nato 9 anni anni fa come MEMA) è un master di primo livello altamente professionalizzante, che affronta temi specifici che, nei normali corsi di management, non vengono trattati, se non in due o tre corsi. Dura un anno – full-time da gennaio a dicembre – e offre 570 ore di didattica, 70 ore di testimonianze aziendali e 320 ore di stage obbligatorio presso le più importanti aziende italiane e straniere del settore.  

D) Quali forme di partnership avete attivato con le aziende? 

R) Abbiamo delle aziende che ci sponsorizzano permettendoci di abbassare la fee di iscrizione al master (di 12.000 euro, N.dR.). Tutti gli anni su circa 36 partecipanti selezionati riusciamo a erogare 16 borse a copertura parziale dei costi, assegnate ai più meritevoli, indipendentemente dal reddito. Negli anni sono stati costanti come sponsor Edison, Italcementi, Conai, Consorzio Venezia Nuova, Enel, ma ogni anno abbiamo nuove aziende che si inseriscono, perchè colgono l’aspetto strategico di formare figure professionali capaci di affrontare le nuove sfide poste dalla green economy. Abbiamo poi accordi di collaborazione per quanto riguarda gli stage e il placement.  Ad esempio con Ikea, che ha offerto ad alcuni stagisti la possibilità di contribuire alla stesura del bilancio di sostenibilità, con KPMG, che ha acquisito nostri diplomati nella divisione Sostenibilità, con Accenture, con EGL Italia e altri. In una situazione di crisi come quella dell’anno scorso siamo riusciti ad offrire 56 opportunità di stage di alto livello a 40 ragazzi. Ogni ragazzo ha potuto fare circa 4 colloqui.      

D) Negli anni precedenti quali sono stati i profili più richiesti dal mercato?  

R) A seguito del riassetto del master di due anni fa abbiamo identificato alcune categorie di sbocchi professionali. Intanto quello nel settore energia tout court, che richiede figure con competenze manageriali o tecniche specifiche (sapere come funziona il mercato del gas, come si formano i prezzi, come si fa il trading ecc.). Il settore delle rinnovabili è una costola di quello energetico, ma con una sua autonomia, ricco di start up di piccole e medie dimensioni che consentono l’ingresso anche di profili più “ecelttici“, con possibilità di carriera più veloce. Un’altra area estremamente interessante a livello internazionale, ma ancora poco sviluppata in Italia, sono i mercati del carbon asset management: non si tratta solo del trading regolamentato, ma si stanno sviluppando pratiche su base volontaria che richiedono figure in grado di realizzare progetti di offset delle emissioni con standerd di certificazione volontaria. Passando poi dall’area “energia” a quella “sostenibilità” servono profili in grado di seguire progetti internazionali di cooperazione allo sviluppo, come quelli di UNEP o GRI, con i quali abbiamo in corso alcune partnership. Per quanto riguarda l’”ambiente“, inteso come mercato, c’è una buona richiesta di professionisti per la gestione dei rifiuti – principalmente nei vari consorzi di recupero – o delle bonifiche ambientali, soprattutto da parte di società di engineering, che richiedono non solo figure tecniche, ma anche manageriali. Ma non dimentichiamo infine le opportunità che si creano dalla gestione della sostenibilità e dei problemi ambientali all’interno delle aziende manifatturiere, o di servizi – anche bancari, che richiedono figure come il Corporate Social Responsibility Manager.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende