Home » Idee » Nucleare: perchè non mi convince:

Nucleare: perchè non mi convince

luglio 5, 2010 Idee

simpson, Courtesy of gualerzi.itMi inserisco nel complesso e difficile dibattito sul nucleare in punta di piedi, per condividere qualche riflessione come professionista della comunicazione, stimolato dalla “campagna” in corso e da alcuni “speciali” di approfondimento, che segnano un particolare interesse editoriale al tema. Che sia in corso una campagna di comunicazione ad ampio raggio e intensità, che mira a posizionare il nucleare nel novero delle energie pulite è infatti, a mio avviso, piuttosto evidente, pur non essendoci sempre un committente unico e ben definito.

Ma dirò di più (voglio confessare l’incofessabile): la mia percezione è che si stia creando un’inedita(inconsapevole?) alleanza tra nuclearisti e teorici dei cambiamenti climatici… Intendiamoci: l’importanza di intervenire per prevenire cambiamenti climatici potenzialmente devastanti, attraverso la riduzione delle emissioni, è sostanzialmente accettata da tutti. Ma il mio timore è che l’enfasi che alcuni pongono su questo aspetto (non certo l’unico né forse quello prioritario per la difesa dell’ambiente) porti, per conseguenza logica, verso scelte solo apparentemente inevitabili. Ovvero: se la priorità assoluta per l’ambiente è la riduzione della CO2 (a parità di consumi), non esiste forse altro sistema che il nucleare.

Ma siamo sicuri che sia il modo corretto di affrontare il problema? Non vedo francamente nei politici italiani (e nemmeno in molti stranieri, a dire il vero) una reale, concreta volontà di cambiare il sistema, di puntare seriamente sul risparmio e l’efficienza energetica come elemento preliminare, di passare dalla cosiddetta generazione concentrata in pochi impianti ad una generazione distribuita, che si avvalga delle reti intelligenti, della mini e micro generazione e di fonti rinnovabili diffuse sul territorio. Una dichiarazione pro-rinnovabili non la si nega a nessuno – fa fine e non impegna – ma c’è veramente la disponibilità a rivedere l’attuale modello economico attraverso la lente della green economy e dello sviluppo sostenibile?

Il nucleare – senza entrare nel merito della tecnologia - pare un’idea “vecchia” come impostazione della soluzione, nel senso che non cambia nulla dell’attuale modello produttivo, ma parte anzi dall’assunto che il fabbisogno energetico sia (debba essere) in costante crescita e strizza l’occhio agli industriali con la promessa di un minor costo del kilowattora e dunque maggiori margini di profitto. Nulla di male a pagare meno l’energia e guadagnare di più, ci mancherebbe, ma forse le imprese dovrebbero imparare a stare sul mercato per qualità e innovazione di prodotto e di visione (inclusa la sostenibilità come asset strategico), più che per ipotetici risparmi sulla bolletta, di cui l’intera collettività rischia di dover pagare il prezzo.

Dico ipotetici perchè la convenienza economica del nucleare – uno dei key messages della campagna di comunicazione in corso – non pare così scontata. Per usare le parole di Luca Iezzi, autore di un’equilibrata analisi nel libro ”Energia nucleare? Sì, grazie?, “Gas e carbone sono più economici e flessibili, dunque l’atomo acquista una sua funzione solo se ci si impegna a ridurre le emissioni di Co2. Tanto più l’anidride carbonica avrà un prezzo da aggiungere al kwh prodotto da idrocarburi o carbone, tanto più il nucleare diventerà indispendabile“. Un’analisi semplice e intuitiva che ci è confermata da un ricercatore dello IEFE Bocconi (che preferisce mantenere l’anonimato) e che ci riporta all’inconfessabile pensiero di partenza sulla “strana coppia”. E il decommissioning degli impianti a fine ciclo? E il problema dello stoccaggio delle scorie? Vengono o no calcolati nei costi?

Greenews.info fa dell’indipendenza dell’informazione e della libertà di dibattito tra posizioni anche opposte un punto di orgoglio ma, quando si vedono nelle edicole o sul web, speciali che promettono di raccontare i “pro” e i “contro” del nucleare secondo una proporzione di 10 a 1, con florilegi di dichiarazioni ottimistiche e “scientistiche” unidirezionali, ci sentiamo ”istituzionalmente” in dovere di dar voce a quella maggioranza silenziosa di cittadini (72%) che la centrale non la vorrebbe – né sotto né lontano da casa. E anche di utilizzare, come immagine, un fotogramma dei Simpson. Anche questa è comunicazione.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende