Home » Idee »Top Contributors » Verso una Gaia elettronica:

Verso una Gaia elettronica Top Contributors

novembre 11, 2009 Idee, Top Contributors

Pubblichiamo in esclusiva un articolo del fisico e futurologo Ian Pearson, che dopo aver lavorato, dal 1985 al 2007, in British Telecom fa oggi parte di Futurizon, società di consulenza in nuove tecnologie e sviluppi futuri.

Ian PearsonLe tecnologie applicate alla nostra vita hanno avuto fin dai primi anni ’90 una crescita estremamente rapida. Il progetto genoma umano ha scoperto una parte fondamentale delle informazioni di cui abbiamo bisogno per capire cosa rende un uomo “umano”. Un simile progresso fa pensare che entro poche decadi saremo in grado sia di personalizzare a nostro piacere forme di vita già esistenti sia di creare nuove forme di vita dal nulla.

Cose del genere saranno rese possibili dalla nanotecnologia, che non soltanto accelererà il progresso nelle biotecnologie e nell’informatica, ma ci aiuterà a farle diventare un tutt’uno con conseguenze di portata epocale; spesso per descrivere questa convergenza di tecnologie si usa il termine “convergenza NBIC” (nano-bio-info-cognitivo), anche se si potrebbe ribattere che la convergenza vera e propria sarà tra bio(logia) e info(rmatica): le nanotecnologie infatti sono più che altro ciò che la renderanno possibile, mentre l’avanzamento delle tecnologie cognitive sarà una delle ovvie conseguenze della convergenza tra bio e info.

Nonostante tutte le manipolazioni dei genomi di forme di vita esistenti, ancora non abbiamo avuto modo di vedere il primo batterio assemblato completamente dal nulla da un essere umano. Tuttavia, credo che un simile avanzamento avverrà nel giro di un paio d’anni. Lo sviluppo di una gran varietà di biologia sintetica e di forme di vita sintetiche è inevitabile: la vita diventerà una tra le tante forme della tecnologia umana.

L’utilizzo più ovvio di una tecnologia della vita credo sarà il seguente. Attualmente, gli esseri umani hanno un effetto devastante sul proprio ecosistema, soprattutto per mezzo del disboscamento delle foreste, dell’eccesso di pesca, dell’inquinamento in genere e, ovviamente, dei cambiamenti climatici. Molte specie viventi stanno scomparendo. Per cercare di risolvere questo scottante problema, da un lato si stanno costruendo banche di geni che cataloghino e archivino il maggior numero possibile di forme viventi, e dall’altro molte persone in tutto il mondo si battono per proteggere le specie in pericolo. E’ probabile che tra non molto tempo si potranno riportare in vita specie estinte recuperandone il DNA e usando tecnologie di clonazione. Ma perché dovremmo limitarci a farlo per le specie estinte? Per non creare specie completamente nuove costruendone il DNA dal nulla? Sono certo che sia possibile, in linea di principio, progettare e costruire da zero un nuovo ecosistema; e sono altrettanto certo che qualcosa del genere succederà davvero in un futuro non molto lontano. A dire il vero, potremmo doverlo fare davvero se i problemi ambientali continuano a crescere con questa rapidità.

Essere in grado di modificare i geni non è esattamente la stessa cosa che costruire dal nulla una foresta tropicale. Tuttavia, nonostante si possa pensare inizialmente che uno scopo del genere potrebbe essere raggiunto soltanto attraverso un percorso lento e graduale, non è assolutamente detto che sia così: una volta che la nostra conoscenza raggiunge una certa massa critica il progresso può accelerare così rapidamente da diventare allarmante.

La convergenza di tecnologie diverse creerà un circolo virtuoso in cui le scoperte effettuate in un campo contribuiranno a scoperte in campi del tutto differenti. Una tecnologia informatica migliore implica uno sviluppo più rapido del biotech, e una migliore comprensione delle tecniche usate dalla natura ci porta a un’informatica sempre più avanzata. E’ probabile che tra qualche anno proteine progettate su misura avranno un ruolo importante nell’assemblaggio di componenti informatiche (tramite le nanotecnologie), coinvolgendo le biotecnologie nella fabbricazione dei computer.

La convergenza, d’altro canto, significa inoltre che i confini saranno sfumati anche a un livello molto più fondamentale: tecnologie informatiche impiantate negli organismi ne miglioreranno capacità e prestazioni, fino al punto di costruire nuove forme di vita ibride che esistono in parte tramite corpi fisici (geneticamente modificati o anche costruiti da zero) e in parte tramite una rete che li collega ad altri organismi.

In conclusione, sono convinto che la convergenza dell’informatica e del biotech avrà conseguenze notevoli per la vita nel suo insieme: la nostra foresta pluviale costruita sinteticamente potrà dunque essere popolata da organismi potenziati geneticamente, alcuni collegati tramite una rete – con prospettive divertenti e inquietanti come quella di animali che faranno uso di siti per “cuori solitari” e di navigatori satellitari. Un ecosistema sintetico insieme molto diverso e molto simile al mondo in cui stiamo vivendo oggi. Per così dire, una vera e propria Gaia elettronica.

Ian Pearson

(Traduzione e adattamento di Eva Filoramo)

Ian Pearson. Futurologo, si è laureato in fisica teorica e ha lavorato per la British Telecom dal 1985 fino al 2007, quando è entrato a far parte della società di consulenza Futurizon. Esperto di temi connessi all’information technology, intelligenza artificiale, connessioni uomo-macchina, ha vinto numerosissimi premi prestigiosi, ed è membro di importanti istituzioni come la British Computer Society, la World Academy of Art and Science, la Royal Society of Arts, la World Innovation Foundation.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende