Home » Idee » Vranik presenta un mondo senza tecnologia al TFF:

Vranik presenta un mondo senza tecnologia al TFF

novembre 20, 2009 Idee

Courtesy of Autowitch, FlickrSe leggiamo una definizione di “risorse rinnovabili” troviamo che rispondono a questo nome: tutte quelle risorse , sia di materia sia di energia, che, per caratteristiche naturali o per effetto della coltivazione dell’uomo, si rinnovano nel tempo e risultano, quindi, disponibili per la sopravvivenza umana pressoché indefinitamente.

L’irraggiamento solare (per produrre energia termica e elettrica), il vento (fonte eolica d’elettricità), le maree e le correnti marine in genere, ma anche le biomasse (combustione per generazione termica e cogenerazione di calore e elettricità), sono tutto ciò che la natura mette a disposizione e che può essere utilizzato per sostituire completamente le fonti esauribili.

Pochi si interrogano, però, sulle possibili alternative a quelle risorse che non sono infinite ma che, al contrario del petrolio, non trovano in natura alcun valido sostituto. Ci riferiamo ai minerali utilizzati per i chip e le schede che stanno alla base di qualsiasi strumento elettronico (televisori, cellulari, pc, elettrodomestici).

Cosa succederebbe, ad esempio, se il silicio si esaurisse e non si potessero più produrre tutti quei supporti che sono diventati, nostro malgrado,” indispensabili” nella nostra vita quotidiana?

Un possibile scenario è quello raccontato nel nuovo lungometraggio del regista ungherese Roland Vranik, presentato ieri sera in concorso al 27° Torino Film Festival.

Adás, Transmission racconta la storia di una città vicino al mare, una no man’s land, in cui improvvisamente tutti i sistemi elettronici si spengono: la popolazione si ritrova a fissare schermi bui, nell’impossibilità di fare provviste perchè privata della corrente che alimenta i frigoriferi e obbligata a ingegnarsi con metodi alternativi per produrre quel poco di energia necessaria alla sopravvivenza. A qualcuno pare di non avere più uno scopo e la follia prende la forma di un uxoricidio.

Vranik, che è anche sceneggiatore del film, spiega che l’idea da cui è partito gli è stata fornita da un docu-esperimento della BBC nel quale alcune famiglie venivano private delle principali comodità tecnologiche. Incredibili gli effetti: mutamento dei comportamenti e delle relazioni tra le persone, famiglie disgregate e abiezione dei singoli individui (padri che hanno iniziato a bere, madri diventate dipendenti dalle pillole antidepressive, figli scomparsi).

Una commedia apocalittica, glaciale e senza via di fuga che strizza l’occhio alla penna di J.G. Ballard e all’angosciante Saramago di “Cecità”, ma che soprattutto stimola una doverosa riflessione sulle possibili degenerazioni nascoste nel nostro stile di vita. 

Roland Vranik (Budapest, Ungheria 1968) ha girato alcuni cortometraggi prima di realizzare il lungometraggio “Black Brush” con il quale ha vinto Il Gran Premio dell’Hungarian Film Week del 2005. Con lo stesso film ha partecipato a numerosi festival internazionali e ha vinto il premio come miglior regia al Festival di Salonicco.

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende