Home » Finanziamenti »Nazionali »Normative »Politiche » Decreto rinnovabili: la voce degli “stranieri”. Intervista a Andrea Sasso, Edf Enr Solare:

Decreto rinnovabili: la voce degli “stranieri”. Intervista a Andrea Sasso, Edf Enr Solare

edf, Courtesy of ilsole24ore.comCon il Decreto Romani, il settore fotovoltaico ha ricevuto una pesante battuta d’arresto dal governo, seminando incertezza tra gli investitori e tra gli operatori. Abbiamo chiesto l’opinione di Andrea Sasso, amministratore delegato di Edf Enr Solare, joint venture italo-francese, nata da E++, storica azienda di proprietà della famiglia Sasso, e Edf Enr, la società del colosso francese che si occupa di energie rinnovabili.

D) Ing. Sasso, come valuta il decreto Romani? C’è uno scollamento tra la politica e la realtà di quanti si occupano concretamente di rinnovabili?

R) Diciamo che su quest’ultimo decreto è scappata un po’ la mano al governo… La politica in Italia ha questo brutto vizio: di essere completamente staccata dalla realtà. Ricordiamo che il fotovoltaico ha generato nel solo 2010 40 miliardi di Euro, un settore in crescita in tempo di crisi. Lo scorso anno il fotovoltaico ha prodotto qualcosa come 2 punti di PIL: senza il fotovoltaico avremmo avuto un PIL negativo.

D) Anche Confindustria però ha dato una valutazione positiva al decreto…

R) Confindustria ha fatto un grosso errore nelle sue prime comunicazioni di appoggio al decreto. Dopodichè paghiamo lo scotto di essere un mercato giovane, quindi non è stato ancora possibile posizionarsi su dinamiche serie di lobbying. Il fotovoltaico è cresciuto in maniera molto veloce, gli operatori sono stati molto più impegnati nel business che nelle relazioni con il mondo politico, che comunque sono importanti. Chiaramente da quest’esperienza si imparerà molto. Tra l’altro la GIFI ha chiesto a Confindustria di rivedere la sua posizione sul decreto, richiesta che, se disattesa, porterebbe sicuramente all’uscita del mondo fotovoltaico da Confindustria, in quanto non rappresentativa del settore.

D) Berlusconi ha affermato che “gli incentivi alle energie rinnovabili devono adeguarsi all’andamento degli altri paesi europei“. Pensa che gli incentivi italiani necessitino effettivamente di un adeguamento?

R) Le strumentalizzazioni non fanno bene, c’è una grossa disinformazione sulla materia. E’ chiaro che Paesi come la Germania, in cui tutti i processi legati al fotovoltaico sono già stati ottimizzati e efficientati, sono già riusciti a creare delle economie di scala. Questo in Italia avverrà nei prossimi anni, ma non ci siamo ancora arrivati. Non possiamo avere gli incentivi della Germania perché non siamo la Germania. Ogni Paese ha una sua specificità. E’ importante che gli incentivi non vengano interrotti e che non ricevano una riduzione troppo pesante prima che lo sviluppo di nuove tecnologie sia maturo.

D) Se l’incertezza permarrà, quali pensa che possano essere le conseguenze sugli investimenti esteri per il settore e per la credibilità del sistema Italia?

R) Beh, sono conseguenze importanti, che potrebbero portare anche a “marce indietro” se dovesse perdurare questa situazione di incertezza. Edf ha una quota estera e una italiana, della mia famiglia. L’alleanza ci ha portato a poter sviluppare le nostre attività in un modo a cui non avremmo potuto aspirare come azienda familiare. Un danno è già stato fatto: non si può cambiare una legge emanata ad agosto dello scorso anno ed entrata in vigore dal 1 gennaio, non ha senso!

D) Che cosa spera che avvenga nei prossimi giorni?

R) Mi auguro che ci siano delle modifiche secondo quelle che sono anche le richieste del GIFI. Questo è il mio auspicio. Siamo fiduciosi e ottimisti rispetto a quello che accadrà.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende