Home » Finanziamenti »Nazionali »Normative »Politiche » Decreto rinnovabili: la voce degli “stranieri”. Intervista a Andrea Sasso, Edf Enr Solare:

Decreto rinnovabili: la voce degli “stranieri”. Intervista a Andrea Sasso, Edf Enr Solare

edf, Courtesy of ilsole24ore.comCon il Decreto Romani, il settore fotovoltaico ha ricevuto una pesante battuta d’arresto dal governo, seminando incertezza tra gli investitori e tra gli operatori. Abbiamo chiesto l’opinione di Andrea Sasso, amministratore delegato di Edf Enr Solare, joint venture italo-francese, nata da E++, storica azienda di proprietà della famiglia Sasso, e Edf Enr, la società del colosso francese che si occupa di energie rinnovabili.

D) Ing. Sasso, come valuta il decreto Romani? C’è uno scollamento tra la politica e la realtà di quanti si occupano concretamente di rinnovabili?

R) Diciamo che su quest’ultimo decreto è scappata un po’ la mano al governo… La politica in Italia ha questo brutto vizio: di essere completamente staccata dalla realtà. Ricordiamo che il fotovoltaico ha generato nel solo 2010 40 miliardi di Euro, un settore in crescita in tempo di crisi. Lo scorso anno il fotovoltaico ha prodotto qualcosa come 2 punti di PIL: senza il fotovoltaico avremmo avuto un PIL negativo.

D) Anche Confindustria però ha dato una valutazione positiva al decreto…

R) Confindustria ha fatto un grosso errore nelle sue prime comunicazioni di appoggio al decreto. Dopodichè paghiamo lo scotto di essere un mercato giovane, quindi non è stato ancora possibile posizionarsi su dinamiche serie di lobbying. Il fotovoltaico è cresciuto in maniera molto veloce, gli operatori sono stati molto più impegnati nel business che nelle relazioni con il mondo politico, che comunque sono importanti. Chiaramente da quest’esperienza si imparerà molto. Tra l’altro la GIFI ha chiesto a Confindustria di rivedere la sua posizione sul decreto, richiesta che, se disattesa, porterebbe sicuramente all’uscita del mondo fotovoltaico da Confindustria, in quanto non rappresentativa del settore.

D) Berlusconi ha affermato che “gli incentivi alle energie rinnovabili devono adeguarsi all’andamento degli altri paesi europei“. Pensa che gli incentivi italiani necessitino effettivamente di un adeguamento?

R) Le strumentalizzazioni non fanno bene, c’è una grossa disinformazione sulla materia. E’ chiaro che Paesi come la Germania, in cui tutti i processi legati al fotovoltaico sono già stati ottimizzati e efficientati, sono già riusciti a creare delle economie di scala. Questo in Italia avverrà nei prossimi anni, ma non ci siamo ancora arrivati. Non possiamo avere gli incentivi della Germania perché non siamo la Germania. Ogni Paese ha una sua specificità. E’ importante che gli incentivi non vengano interrotti e che non ricevano una riduzione troppo pesante prima che lo sviluppo di nuove tecnologie sia maturo.

D) Se l’incertezza permarrà, quali pensa che possano essere le conseguenze sugli investimenti esteri per il settore e per la credibilità del sistema Italia?

R) Beh, sono conseguenze importanti, che potrebbero portare anche a “marce indietro” se dovesse perdurare questa situazione di incertezza. Edf ha una quota estera e una italiana, della mia famiglia. L’alleanza ci ha portato a poter sviluppare le nostre attività in un modo a cui non avremmo potuto aspirare come azienda familiare. Un danno è già stato fatto: non si può cambiare una legge emanata ad agosto dello scorso anno ed entrata in vigore dal 1 gennaio, non ha senso!

D) Che cosa spera che avvenga nei prossimi giorni?

R) Mi auguro che ci siano delle modifiche secondo quelle che sono anche le richieste del GIFI. Questo è il mio auspicio. Siamo fiduciosi e ottimisti rispetto a quello che accadrà.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende