Home » Idee »Nazionali »Politiche » Al di là della destra e della sinistra. Una svolta epocale:

Al di là della destra e della sinistra. Una svolta epocale

aprile 4, 2011 Idee, Nazionali, Politiche

Non lascio quasi mai spazio a lettere di politici in questa rubrica. Faccio un’eccezione perché Bonelli – che ha preso la guida di un partito che era sulla via del dissolvimento – ci spiega perfettamente quale è stata la «malattia» che ha impedito al movimento ecologista italiano di affermarsi e di crescere come è accaduto in altri Paesi europei. Il problema è stato quello di ideologizzare un tema – quello dell’ambiente e della salute – che nel resto del mondo ha declinazioni universali“.

Faccio mie le parole del direttore de La Stampa, Mario Calabresi, che venerdì ha pubblicato, in via eccezionale, l’intervento di Angelo Bonelli, presidente dei Verdi Italiani, per riflettere, al di là di ogni giudizio politico, su un fenomeno indubbiamente nuovo ed epocale, non solo per il nostro paese, ma per l’Europa intera: la trasformazione dei Verdi (Les Verts, Die Grünen, The Greens) in movimenti di massa post-ideologici e trasversali alla società. Una formula, evidentemente vincente (forse perchè attesa e invocata invano, per anni, da molti cittadini), che la scorsa settimana ha portato all’affermazione storica del partito ecologista tedesco nel Land del Baden-Wuerttemberg, politicamente immobile da 60 anni.

I Verdi in Germania sono diventati una forza politica popolare, in grado di attrarre consensi sia nei bacini conservatori che in quelli di sinistra“, riflette Bonelli nella lucidissima lettera di autocritica.  Di contro, aggiunge, “I Verdi Italiani negli ultimi 15 anni hanno avuto una caratterizzazione fortemente ideologizzata, collocata nel perimetro della sinistra radicale. Questo è stato un grande errore politico perché la proposta ecologista riguarda tutti i cittadini e non solo una parte. La collocazione politica dei Verdi nella sinistra radicale ha impedito la crescita di consenso”.

Come elettore molto pragmatico e non ideologizzato mi sono infatti sempre chiesto perchè le questioni ambientali fossero appannaggio, in Italia, di una sola parte politica. Non respiriamo forse tutti la stessa aria? Ovviamente sì, ma nel momento in cui le legittime rivendicazioni di qualsiasi cittadino ad un ambiente più sano, a una migliore qualità della vita e a una gestione più lungimirante della mobilità e del territorio vengono associate a una lotta “di classe” (invece che a una economy, green ma pur sempre economy), dall’altra parte della barricata qualcuno (gli imprenditori, ad esempio) si sente minacciato e reagisce, per autodifesa, nella direzione opposta.  

Scrive invece Bonelli: “Stiamo costruendo una forza post-ideologica che si occupa e si occuperà del ben vivere, d’innovazione tecnologica, di come avviare una conversione ecologica del sistema industriale, di energia per realizzare, con rinnovabili, risparmio e efficienza energetica, quella svolta che consentirà di avere due milioni di posti di lavoro nei prossimi dieci anni. Il nostro No al nucleare e alla difesa dell’acqua pubblica è legato a questi Sì, alle proposte che legano economia ed ecologia ai diritti dei cittadini“.   

Nel desolante e quntomai rissoso panorama politico attuale, proporre concretamente qualcosa, in maniera costruttiva e con spirito proattivo ci sembra già un buon punto di partenza. Per fare questo gli ex-Verdi Italiani, in attesa di un nuovo nome, hanno lanciato, alcuni mesi fa, la Costitutente Ecologista, un cammino verso la definizione di una nuova identità, che ha visto i principali promotori riuniti, venerdì 1 aprile, a Manduria, in Puglia, in un tavolo di lavoro territoriale, che proseguirà il 9 aprile a Trento, per giungere, il 21 e 22 maggio a Roma, dove si terrà la Costituente Ecologista nazionale.

Quali che siano gli esiti di questo percorso e i giudizi politici che se ne vorranno dare una cosa sembra ormai evidente, in tutta l’Unione Europea, (se non nel mondo intero): la stagione dell’ambientalismo pauperista e fricchettone degli anni ’70 è definitvamente conclusa, sconfitta dalla storia, che sta invece portando in superificie le istanze di una società civile più matura e trasversale, che persegue (pur con enormi difficoltà) una sfida ben più ambiziosa: rivoluzionare dall’interno il sistema produttivo ed economico per aprirlo a modelli di business, tecnologie e innovazioni che possano conciliare una ricchezza e un benessere più diffusi con una reale sostenibilità ambientale.   

Andrea Gandiglio      

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende