Home » Internazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Medio Oriente e Nord Africa: quale futuro per l’energia?:

Medio Oriente e Nord Africa: quale futuro per l’energia?

Inaugura oggi a Roma il Solar Revolution Summit, un confronto tra gli operatori privati e i rappresentanti delle istituzioni, del mondo bancario e della finanza sulle opportunità di investimento nel solare, in Italia e all’estero. In occasione di questo evento Greenews.info ha chiesto a Bruno Pampaloni, esperto di questioni energetiche, di tracciare lo scenario che si sta delineando in un’area – vicina e fondamentale per gli approvvigionamenti energetici europei – come i cosiddetti paesi “Mena“.

Courtesy of rubytravel.it

Prima è crollata la Tunisia, poi l’Egitto infine la Libia. Ma il contagio è in rapida diffusione. Per ora i governi di AlgeriaGiordaniaYemenBahreinOman e dell’Arabia Sauditahanno circoscritto l’entità delle proteste, in alcuni casi intervenendo con promesse di riforme, elargizioni o negoziando concessioni politiche. Ma quel che conta capire è se e quali altri paesi appartenenti all’area Nord AfricaGolfo Persico saranno travolti dall’onda lunga delle rivolte che stanno sconvolgendo il mondo arabo-islamico.

Perché se la Tunisia, pur priva di risorse energetiche, è importante per gli equilibri della regione mediterranea, se l’Egitto più che per la sua discreta produzione di gas va considerato un fondamentale attore geopolitico e se la Libia con riserve per 44 miliardi di barili si piazza all’ottavo posto assicurandosi una posizione significativa fra i detentori di greggio, i veri player energetici restano gli stati del Golfo Persico.

Il contagio colpirà anche da quelle parti? Di fatto, con oltre 264 miliardi di barili l’Arabia Saudita è il numero uno in termini di riserve. Tra i primi dieci detentori a livello globale vi sono anche IranIraqKuwaitEmirati Arabi Uniti. Con la Libia assommano complessivamente a circa 760 miliardi di barili. Arabia Saudita, Iran, Emirati Iraq rientrano anche nella classifica dei dieci principali produttori di oro nero (quasi diciannove milioni di barili al giorno). Un mare di petrolio. Senza contare il gas naturale, di cui Nord Africa e Medio Oriente detengono circa il 45 per cento a livello mondiale, anche se gli sprechi, le inefficienze e l’instabilità politica ne riducono di molto l’offerta.

In ogni caso, la combinazione petrolio-gas naturale resta il principale rubinetto energetico dell’economia globale, che ha soddisfatto circa il 55 per cento della richiesta di energia primaria nel 2008 e il 98 per cento di quella di Medio Oriente e Africa settentrionale.Servirebbe un cambiamento davvero epocale. Che deve riguardare soprattutto investimenti in efficienza, sostenibilità e risparmio energetico. Se non per convinzione virtuosa, proprio per conservare le strategiche risorse petrolifere, Medio Oriente e Nord Africa (in rapida trasformazione) dovrebbero sviluppare maggiore efficienza energetica e fonti rinnovabili.

E’ quanto emerge da uno studio di Al Masah Capital. Durante il periodo 1999-2009 il loro consumo medio annuo di energia primaria è aumentato del 5,3 per cento, il secondo in assoluto dopo quello di Asia e Pacifico. Nel mondo i consumi sono previsti in aumento del 45% entro il 2030 a una media dell’1,6% l’anno. In teoria le buone notizie arrivano dall’International Energy Agency, secondo la quale in Medio Oriente e Nord Africa gli impianti dedicati al solare a concentrazione realizzati potrebbero provvedere fino  a 100 volte il fabbisogno di elettricità dell’intera area e dell’Europa. Al Masah Capital reputa inoltre che il fotovoltaico sia una soluzione adeguata per rispondere alla domanda di energia distribuita a livello rurale.

Proprio nell’area Mena è stato pensato, del resto, uno dei progetti più affascinanti per chi guarda a quella regione come avanguardia nella ricerca sul solare a concentrazione. Desertec è infatti un progetto ambizioso portato avanti principalmente da imprese tedesche con l’appoggio dell’Unione Europea. L’idea è di coprire almeno il 15% del fabbisogno energetico del nostro continente.

Ma come potrà resistere il programma all’urto delle rivolte nordafricane? Il management di Desertec fa sapere di guardare “con favore all’onda democratica” e che la collaborazione con i paesi dell’area possa servire alla loro stabilizzazione. Soluzione delle vicende geopolitiche a parte e considerati i limiti delle infrastrutture presenti, il progetto non può fare a meno di grandi investimenti per iltrasporto dell’elettricità. Secondo uno studio pubblicato dalla Fondazione Eni Enrico Mattei il solare a concentrazione nei paesi Mena potrebbe diventare competitivo a cominciare dall’ultimo terzo del secolo.

Negli Emirati Arabi Uniti è stata pensata invece Masdar City, città sperimentale che combina pratiche di risparmio energeticofonti rinnovabili. E che proprio di recente il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha elogiato come modello virtuoso a livello mondiale. Tradotto volgarmente: è difficile che gli Stati Uniti intendano defilarsi dalla regione dove mantengono grandi interesse e dove la forza militare americana resta il sostegno per le élite locali, pragmaticamente orientate a uno sviluppo economico di cui la green revolution aspira a far parte.

Bruno Pampaloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende