Home » Internazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Medio Oriente e Nord Africa: quale futuro per l’energia?:

Medio Oriente e Nord Africa: quale futuro per l’energia?

Inaugura oggi a Roma il Solar Revolution Summit, un confronto tra gli operatori privati e i rappresentanti delle istituzioni, del mondo bancario e della finanza sulle opportunità di investimento nel solare, in Italia e all’estero. In occasione di questo evento Greenews.info ha chiesto a Bruno Pampaloni, esperto di questioni energetiche, di tracciare lo scenario che si sta delineando in un’area – vicina e fondamentale per gli approvvigionamenti energetici europei – come i cosiddetti paesi “Mena“.

Courtesy of rubytravel.it

Prima è crollata la Tunisia, poi l’Egitto infine la Libia. Ma il contagio è in rapida diffusione. Per ora i governi di AlgeriaGiordaniaYemenBahreinOman e dell’Arabia Sauditahanno circoscritto l’entità delle proteste, in alcuni casi intervenendo con promesse di riforme, elargizioni o negoziando concessioni politiche. Ma quel che conta capire è se e quali altri paesi appartenenti all’area Nord AfricaGolfo Persico saranno travolti dall’onda lunga delle rivolte che stanno sconvolgendo il mondo arabo-islamico.

Perché se la Tunisia, pur priva di risorse energetiche, è importante per gli equilibri della regione mediterranea, se l’Egitto più che per la sua discreta produzione di gas va considerato un fondamentale attore geopolitico e se la Libia con riserve per 44 miliardi di barili si piazza all’ottavo posto assicurandosi una posizione significativa fra i detentori di greggio, i veri player energetici restano gli stati del Golfo Persico.

Il contagio colpirà anche da quelle parti? Di fatto, con oltre 264 miliardi di barili l’Arabia Saudita è il numero uno in termini di riserve. Tra i primi dieci detentori a livello globale vi sono anche IranIraqKuwaitEmirati Arabi Uniti. Con la Libia assommano complessivamente a circa 760 miliardi di barili. Arabia Saudita, Iran, Emirati Iraq rientrano anche nella classifica dei dieci principali produttori di oro nero (quasi diciannove milioni di barili al giorno). Un mare di petrolio. Senza contare il gas naturale, di cui Nord Africa e Medio Oriente detengono circa il 45 per cento a livello mondiale, anche se gli sprechi, le inefficienze e l’instabilità politica ne riducono di molto l’offerta.

In ogni caso, la combinazione petrolio-gas naturale resta il principale rubinetto energetico dell’economia globale, che ha soddisfatto circa il 55 per cento della richiesta di energia primaria nel 2008 e il 98 per cento di quella di Medio Oriente e Africa settentrionale.Servirebbe un cambiamento davvero epocale. Che deve riguardare soprattutto investimenti in efficienza, sostenibilità e risparmio energetico. Se non per convinzione virtuosa, proprio per conservare le strategiche risorse petrolifere, Medio Oriente e Nord Africa (in rapida trasformazione) dovrebbero sviluppare maggiore efficienza energetica e fonti rinnovabili.

E’ quanto emerge da uno studio di Al Masah Capital. Durante il periodo 1999-2009 il loro consumo medio annuo di energia primaria è aumentato del 5,3 per cento, il secondo in assoluto dopo quello di Asia e Pacifico. Nel mondo i consumi sono previsti in aumento del 45% entro il 2030 a una media dell’1,6% l’anno. In teoria le buone notizie arrivano dall’International Energy Agency, secondo la quale in Medio Oriente e Nord Africa gli impianti dedicati al solare a concentrazione realizzati potrebbero provvedere fino  a 100 volte il fabbisogno di elettricità dell’intera area e dell’Europa. Al Masah Capital reputa inoltre che il fotovoltaico sia una soluzione adeguata per rispondere alla domanda di energia distribuita a livello rurale.

Proprio nell’area Mena è stato pensato, del resto, uno dei progetti più affascinanti per chi guarda a quella regione come avanguardia nella ricerca sul solare a concentrazione. Desertec è infatti un progetto ambizioso portato avanti principalmente da imprese tedesche con l’appoggio dell’Unione Europea. L’idea è di coprire almeno il 15% del fabbisogno energetico del nostro continente.

Ma come potrà resistere il programma all’urto delle rivolte nordafricane? Il management di Desertec fa sapere di guardare “con favore all’onda democratica” e che la collaborazione con i paesi dell’area possa servire alla loro stabilizzazione. Soluzione delle vicende geopolitiche a parte e considerati i limiti delle infrastrutture presenti, il progetto non può fare a meno di grandi investimenti per iltrasporto dell’elettricità. Secondo uno studio pubblicato dalla Fondazione Eni Enrico Mattei il solare a concentrazione nei paesi Mena potrebbe diventare competitivo a cominciare dall’ultimo terzo del secolo.

Negli Emirati Arabi Uniti è stata pensata invece Masdar City, città sperimentale che combina pratiche di risparmio energeticofonti rinnovabili. E che proprio di recente il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha elogiato come modello virtuoso a livello mondiale. Tradotto volgarmente: è difficile che gli Stati Uniti intendano defilarsi dalla regione dove mantengono grandi interesse e dove la forza militare americana resta il sostegno per le élite locali, pragmaticamente orientate a uno sviluppo economico di cui la green revolution aspira a far parte.

Bruno Pampaloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

novembre 12, 2020

FCA e Engie alla conquista della e-mobility

FCA Italy S.p.A., società interamente controllata dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles N.V., ed ENGIE EPS, player tecnologico dell’energy storage e della mobilità elettrica, hanno stipulato un Memorandum d’Intesa per costituire una joint venture che dia vita ad un’azienda leader nel panorama europeo della e-Mobility e che potrà avvalersi delle risorse finanziarie e della consolidata esperienza [...]

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

ottobre 28, 2020

“A qualcuno piace green”. Nuovo appuntamento su LaF

La salvaguardia dell’ambiente dagli elementi inquinanti è il tema del quarto appuntamento con “A qualcuno piace Green”, il viaggio in un’Italia sorprendentemente sensibile e innovativa sui temi ambientali con il biologo marino e divulgatore Raffaele Di Placido, in onda giovedì 29 ottobre alle ore 21.10 su laF (Sky 135, on Demand su Sky e su Sky Go). “Salute e benessere” [...]

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

ottobre 20, 2020

Buon compleanno “Ambiente”! Una parola (figlia di Galileo) che compie oggi 397 anni

Pochi sanno che la parola “Ambiente” è stata utilizzata come sostantivo per la prima volta nel trattato “Il Saggiatore” di Galileo Galilei, pubblicato il 20 ottobre 1623. Nel dettaglio al cap. 21, pag. 98, riga 4 dell’edizione originale, come visibile dall’immagine della pagina qui accanto. Dobbiamo dunque al genio italiano, fondatore della scienza moderna, la paternità [...]

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende