Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » Coltivo dunque sono (agricoltore). I nodi della nuova PAC:

Coltivo dunque sono (agricoltore). I nodi della nuova PAC

Fieno, Courtesy of peo pea, Flickr.comPolitica Agricola Comune quasi al traguardo nel 2011. La nuova PAC dovrà ridisegnare la mappa degli aiuti agricoli comunitari dopo il 2013 e intorno al tavolo  la sfida è per una più forte rappresentanza degli interessi delle imprese al Parlamento Europeo.

“Altri paesi hanno capito prima di noi che in uno scenario negoziale complesso come quello attuale, con 27 partner al tavolo del Consiglio dei Ministri UE, è più semplice ed efficace far passare le istanze delle rappresentanze nazionali attraverso il Parlamento Europeo” ha dichiarato, prima delle vacanze natalizie, il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo (ed ex ministro con i governi Prodi e D’Alema), Paolo De Castro.

Una riunione informale era già avvenuta il 13 dicembre scorso. Un dibattito confinato in una colazione non ufficiale, a margine dell’ultimo Consiglio Agricolo Ue a Bruxelles, quasi in sordina. Perché il tema degli agricoltori attivi, è un tema scottante. Agricoltori sui quali la Commissione Europea vorrebbe concentrare maggiormente gli aiuti PAC con la nuova riforma. Infatti la non sempre felice destinazione finale degli aiuti agricoli europei, sganciati definitivamente dall’effettiva produzione, molte volte ha fatto sì che si perdesse qualsiasi legame con l’attività agricola vera e propria.

L’obiettivo dell’esecutivo comunitario è quindi di correggere gli eccessi del disaccoppiamento, ristabilendo un legame tra pagamenti diretti e attività agricola, come più volte richiesto negli ultimi anni dalla stessa Corte dei Conti europea. Il Commissario all’Agricoltura, Dacian Ciolos, di fronte ai ministri europei, ha confermato che l’obiettivo principale della Comunicazione della Commissione, nel passaggio sugli agricoltori attivi, è proprio quello di riagganciare in qualche modo il sostegno europeo con il necessario requisito della produzione.

La discussione del testo potrebbe condurre a una serie di modifiche tecniche agli attuali regolamenti, basate su una migliore definizione dei terreni eligibili, dello stesso concetto di agricoltori attivi e delle buone pratiche da premiare, compreso un aiuto supplementare obbligatorio per determinati beni pubblici definiti “ecologici“.

A favore della necessità di una correzione di rotta si è delineato comunque un orientamento diffuso, con la significativa eccezione della Germania. Il ministro tedesco, Ilse Aigner, ha sottolineato infatti la propria preferenza per rendere la regionalizzazione degli aiuti (che la Germania già applica dal 2005) obbligatoria in tutta Europa il prima possibile. Mentre l’Italia e la Francia chiedono invece una transizione più lunga possibile. Ciò che sembra sicuro è, in ogni caso, l’abolizione delle famigerate quote latte nel 2015

Un dato importante è inoltre che, per la prima volta, le due istituzioni europee – Parlamento Europeo e Consiglio – decideranno insieme sulla futura politica agricola. Il Trattato di Lisbona, in vigore dal Dicembre 2009 ha esteso infatti i poteri del Parlamento, introducendo la procedura di codecisione. La partita è dunque tutta aperta.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende