Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » Coltivo dunque sono (agricoltore). I nodi della nuova PAC:

Coltivo dunque sono (agricoltore). I nodi della nuova PAC

Fieno, Courtesy of peo pea, Flickr.comPolitica Agricola Comune quasi al traguardo nel 2011. La nuova PAC dovrà ridisegnare la mappa degli aiuti agricoli comunitari dopo il 2013 e intorno al tavolo  la sfida è per una più forte rappresentanza degli interessi delle imprese al Parlamento Europeo.

“Altri paesi hanno capito prima di noi che in uno scenario negoziale complesso come quello attuale, con 27 partner al tavolo del Consiglio dei Ministri UE, è più semplice ed efficace far passare le istanze delle rappresentanze nazionali attraverso il Parlamento Europeo” ha dichiarato, prima delle vacanze natalizie, il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo (ed ex ministro con i governi Prodi e D’Alema), Paolo De Castro.

Una riunione informale era già avvenuta il 13 dicembre scorso. Un dibattito confinato in una colazione non ufficiale, a margine dell’ultimo Consiglio Agricolo Ue a Bruxelles, quasi in sordina. Perché il tema degli agricoltori attivi, è un tema scottante. Agricoltori sui quali la Commissione Europea vorrebbe concentrare maggiormente gli aiuti PAC con la nuova riforma. Infatti la non sempre felice destinazione finale degli aiuti agricoli europei, sganciati definitivamente dall’effettiva produzione, molte volte ha fatto sì che si perdesse qualsiasi legame con l’attività agricola vera e propria.

L’obiettivo dell’esecutivo comunitario è quindi di correggere gli eccessi del disaccoppiamento, ristabilendo un legame tra pagamenti diretti e attività agricola, come più volte richiesto negli ultimi anni dalla stessa Corte dei Conti europea. Il Commissario all’Agricoltura, Dacian Ciolos, di fronte ai ministri europei, ha confermato che l’obiettivo principale della Comunicazione della Commissione, nel passaggio sugli agricoltori attivi, è proprio quello di riagganciare in qualche modo il sostegno europeo con il necessario requisito della produzione.

La discussione del testo potrebbe condurre a una serie di modifiche tecniche agli attuali regolamenti, basate su una migliore definizione dei terreni eligibili, dello stesso concetto di agricoltori attivi e delle buone pratiche da premiare, compreso un aiuto supplementare obbligatorio per determinati beni pubblici definiti “ecologici“.

A favore della necessità di una correzione di rotta si è delineato comunque un orientamento diffuso, con la significativa eccezione della Germania. Il ministro tedesco, Ilse Aigner, ha sottolineato infatti la propria preferenza per rendere la regionalizzazione degli aiuti (che la Germania già applica dal 2005) obbligatoria in tutta Europa il prima possibile. Mentre l’Italia e la Francia chiedono invece una transizione più lunga possibile. Ciò che sembra sicuro è, in ogni caso, l’abolizione delle famigerate quote latte nel 2015

Un dato importante è inoltre che, per la prima volta, le due istituzioni europee – Parlamento Europeo e Consiglio – decideranno insieme sulla futura politica agricola. Il Trattato di Lisbona, in vigore dal Dicembre 2009 ha esteso infatti i poteri del Parlamento, introducendo la procedura di codecisione. La partita è dunque tutta aperta.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende