Home » Internazionali »Politiche » G20 di Seul, non solo finanza: gli impegni dei Leader su energia e clima:

G20 di Seul, non solo finanza: gli impegni dei Leader su energia e clima

novembre 12, 2010 Internazionali, Politiche

La foto inaugurale del G20 di Seol, Courtesy of SeoulSummit.krAnche se nel G20 di Seul, conclusosi poche ore fa, i temi principali sono stati quelli della finanza e del ruolo dei Paesi Emergenti, energia e clima rimangono materie centrali del dibattito politico mondiale. I leader del G20, nei comunicati conclusivi del summit, rilasciano dichiarazioni forti che contengono promesse impegnative: dall’eliminazione dei sussidi alle fonti fossili allo sviluppo di tecnologie pulite.

Nel comunicato finale, il G20 Communiquè, si legge l’impegno a continuare il lavoro di razionalizzazione e di eliminazione graduale (phase-out) di sussidi inefficienti alle fonti fossili nel medio termine, impegno già dichiarato nello scorso G20 di Pittsburgh. Sulla realizzazione di questo progetto, i Ministri delle Finanze e dell’Energia dei Paesi membri dovranno riportare i risultati raggiunti nel corso del summit del 2011, in Francia.

Intanto, Earth Track e Oil Change International hanno già realizzato un report sulla questione intitolato “G20 Fossil Fuel Phase Out”, che accoglie positivamente le dichiarazioni dei leader, lanciando tuttavia una critica: nessuno Stato firmatario della Dichiarazione di Pittsburgh ha finora iniziato una sostanziale riforma dei sussidi in risposta a questo impegno. Metà degli Stati, tra cui l’Italia, si sono infatti limitati a riportare alcune politiche già in programma prima di Pittsburgh, senza modifiche alla tempistica di attuazione.

Inoltre, i dati sul tema risultano incompleti: dei 20 membri del G8, ben 8 dichiarano di non avere sussidi da eliminare, mentre 2 (Gran Bretagna e Giappone), non forniscono alcuna informazione. Indonesia, Russia e Messico, invece, non specificano delle azioni da attuare, riportando solo un riferimento generico ai sussidi alle fonti fossili. Sulla base dei pochi dati a disposizione, il report evidenzia come l’eliminazione dei sussidi porterebbe a una riduzione dei gas serra globali almeno del 10% al 2050 rispetto allo scenario business as usual.

Ancora nel comunicato di Seul, si legge l’impegno a diminuire la volatilità dei prezzi delle materie prime e dei combustibili fossili, su cui interviene anche Silvio Berlusconi, proponendo di vietare le speculazioni finanziarie sulle materie prime energetiche: «Vorrei soltanto ricordare – ha dichiarato il Premier - che nel picco della crisi del 2009 il prezzo del petrolio andò a 150 dollari, qualche tempo dopo riscese a 30 dollari per poi, in occasione di una diminuzione della domanda di quasi il 2% risalire a 70 dollari. Il prezzo del barile che ha interessato tutte le nostre economie era governato soltanto dalla speculazione finanziaria. Ritengo, quindi, che sia estremamente necessario e urgente che i 20 paesi procedano a norme che vietino queste speculazioni finanziarie, per esempio vietando gli acquisti futures oppure imponendo che per acquistare il petrolio a consegna futura si impongano dei versamenti che vanno dal 50% in su. E’ un problema grave per il petrolio ed è gravissimo per le materie prime alimentari».

I leader del G20 hanno confermto infine l‘impegno a combattere i cambiamenti climatici. Nel documento Leaders’ Seoul Summit Document, si legge una dichiarazione di fiducia nello sviluppo ambientalmente sostenibile e una ulteriore promessa al cambiamento: “Siamo impegnati a supportare politiche di crescita green che promuovano una crescita globale ambientalmente sostenibile, che porti alla creazione di posti di lavoro, assicurando al tempo stesso l’accesso all’energia per i poveri. Riconosciamo che la crescita ambientalmente sostenibile, e il connesso sviluppo sostenibile, è una strategia di sviluppo di qualità”. I leaders si impegnano dunque a incentivare le tecnologie pulite e l’efficienza energetica, trasporti sostenibili e città più attente all’ambiente, mobilitando finanziamenti, stabilendo standard chiari e coerenti, sviluppando politiche energetiche a lungo termine, supportando le aziende e la ricerca e sviluppo. Parole che sembrano quasi mutuate dal comunicato stampa di un’associazione ambientalista!

Riguardo al prossimo vertice dell’UNFCCC, che si aprirà a Cancun il 29 novembre, i leader assicurano:  “Non risparmieremo nessuno sforzo per raggiungere il successo di Cancun.”

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende