Home » Internazionali »Politiche » G20 di Seul, non solo finanza: gli impegni dei Leader su energia e clima:

G20 di Seul, non solo finanza: gli impegni dei Leader su energia e clima

novembre 12, 2010 Internazionali, Politiche

La foto inaugurale del G20 di Seol, Courtesy of SeoulSummit.krAnche se nel G20 di Seul, conclusosi poche ore fa, i temi principali sono stati quelli della finanza e del ruolo dei Paesi Emergenti, energia e clima rimangono materie centrali del dibattito politico mondiale. I leader del G20, nei comunicati conclusivi del summit, rilasciano dichiarazioni forti che contengono promesse impegnative: dall’eliminazione dei sussidi alle fonti fossili allo sviluppo di tecnologie pulite.

Nel comunicato finale, il G20 Communiquè, si legge l’impegno a continuare il lavoro di razionalizzazione e di eliminazione graduale (phase-out) di sussidi inefficienti alle fonti fossili nel medio termine, impegno già dichiarato nello scorso G20 di Pittsburgh. Sulla realizzazione di questo progetto, i Ministri delle Finanze e dell’Energia dei Paesi membri dovranno riportare i risultati raggiunti nel corso del summit del 2011, in Francia.

Intanto, Earth Track e Oil Change International hanno già realizzato un report sulla questione intitolato “G20 Fossil Fuel Phase Out”, che accoglie positivamente le dichiarazioni dei leader, lanciando tuttavia una critica: nessuno Stato firmatario della Dichiarazione di Pittsburgh ha finora iniziato una sostanziale riforma dei sussidi in risposta a questo impegno. Metà degli Stati, tra cui l’Italia, si sono infatti limitati a riportare alcune politiche già in programma prima di Pittsburgh, senza modifiche alla tempistica di attuazione.

Inoltre, i dati sul tema risultano incompleti: dei 20 membri del G8, ben 8 dichiarano di non avere sussidi da eliminare, mentre 2 (Gran Bretagna e Giappone), non forniscono alcuna informazione. Indonesia, Russia e Messico, invece, non specificano delle azioni da attuare, riportando solo un riferimento generico ai sussidi alle fonti fossili. Sulla base dei pochi dati a disposizione, il report evidenzia come l’eliminazione dei sussidi porterebbe a una riduzione dei gas serra globali almeno del 10% al 2050 rispetto allo scenario business as usual.

Ancora nel comunicato di Seul, si legge l’impegno a diminuire la volatilità dei prezzi delle materie prime e dei combustibili fossili, su cui interviene anche Silvio Berlusconi, proponendo di vietare le speculazioni finanziarie sulle materie prime energetiche: «Vorrei soltanto ricordare – ha dichiarato il Premier - che nel picco della crisi del 2009 il prezzo del petrolio andò a 150 dollari, qualche tempo dopo riscese a 30 dollari per poi, in occasione di una diminuzione della domanda di quasi il 2% risalire a 70 dollari. Il prezzo del barile che ha interessato tutte le nostre economie era governato soltanto dalla speculazione finanziaria. Ritengo, quindi, che sia estremamente necessario e urgente che i 20 paesi procedano a norme che vietino queste speculazioni finanziarie, per esempio vietando gli acquisti futures oppure imponendo che per acquistare il petrolio a consegna futura si impongano dei versamenti che vanno dal 50% in su. E’ un problema grave per il petrolio ed è gravissimo per le materie prime alimentari».

I leader del G20 hanno confermto infine l‘impegno a combattere i cambiamenti climatici. Nel documento Leaders’ Seoul Summit Document, si legge una dichiarazione di fiducia nello sviluppo ambientalmente sostenibile e una ulteriore promessa al cambiamento: “Siamo impegnati a supportare politiche di crescita green che promuovano una crescita globale ambientalmente sostenibile, che porti alla creazione di posti di lavoro, assicurando al tempo stesso l’accesso all’energia per i poveri. Riconosciamo che la crescita ambientalmente sostenibile, e il connesso sviluppo sostenibile, è una strategia di sviluppo di qualità”. I leaders si impegnano dunque a incentivare le tecnologie pulite e l’efficienza energetica, trasporti sostenibili e città più attente all’ambiente, mobilitando finanziamenti, stabilendo standard chiari e coerenti, sviluppando politiche energetiche a lungo termine, supportando le aziende e la ricerca e sviluppo. Parole che sembrano quasi mutuate dal comunicato stampa di un’associazione ambientalista!

Riguardo al prossimo vertice dell’UNFCCC, che si aprirà a Cancun il 29 novembre, i leader assicurano:  “Non risparmieremo nessuno sforzo per raggiungere il successo di Cancun.”

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Efficienza energetica: secondo MCE in Italia potrebbe far crescere il PIL dal 2% al 4%

aprile 27, 2015

Efficienza energetica: secondo MCE in Italia potrebbe far crescere il PIL dal 2% al 4%

Si è tenuto nei giorni scorsi a Roma, all’Università La Sapienza, il Comfort Technology Roadshow, l’evento targato MCE e rivolto ai professionisti del settore per informare e formare sui temi dell’efficienza energetica. Diffusione del solare termico e fotovoltaico, sistemi di cogenerazione, di pompe di calore, edilizia efficiente, zero energy buildings, smart grid, reti di monitoraggio ambientale [...]

GPEcoRun: di corsa tra i comuni più verdi d’Italia

aprile 27, 2015

GPEcoRun: di corsa tra i comuni più verdi d’Italia

Riprendono nel 2015 le GpEcoRun, marce non competitive che associano il benessere fisico di una sana corsa alla scoperta dei territori green d’Italia. Le prossime tappe sono: Corbetta (Milano 31 maggio); Plis delle Valli d’Argon (Bergamo 5 luglio), dove si corre per il Plis; San Nazzaro Sesia (Novara, 27 settembre), lungo il Sesia e Monza [...]

“Vitelli dopati, consumatori ingannati”: le inchieste di Report in vista dell’Expo

aprile 24, 2015

“Vitelli dopati, consumatori ingannati”: le inchieste di Report in vista dell’Expo

Sicurezza alimentare e filiera dei controlli: saranno questi alcuni dei temi della prossima puntata di Report, il programma d’inchiesta di Milena Gabanelli, che andrà in onda su Rai3 domenica 26 Aprile, alle 21.45. All’interno del programma partirà la nuova rubrica dedicata ai temi dell’Expo2015: “Nutrire il pianeta”. A partire da “Vitelli dopati, consumatori ingannati”, di Sabrina [...]

Il progetto Qcumber arriva su Microsoft e sogna le grandi smart city

aprile 24, 2015

Il progetto Qcumber arriva su Microsoft e sogna le grandi smart city

In occasione di IAIA 2015, l’evento dell’Associazione Internazionale per la valutazione dell’Impatto Ambientale, che da 35 anni riunisce gli esperti sul campo per promuovere la diffusione di best practice e che per la prima volta si è tenuta a Firenze nei giorni scorsi, l’italiana Qcumber ha annunciato una partnership con Microsoft e Altea, grazie a cui [...]

Jojob: il car pooling aziendale sbarca in 10 grandi imprese italiane

aprile 24, 2015

Jojob: il car pooling aziendale sbarca in 10 grandi imprese italiane

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, che si è celebrata in tutto il mondo lo scorso 22 aprile, dieci grandi imprese, tra cui Brembo, Findomestic, General Motors Powertrain e Heineken hanno fatto partire il carpooling aziendale Jojob. Circa 12.000 dipendenti potranno così condividere l’auto per gli spostamenti casa-lavoro attraverso l’innovativo servizio che certifica i [...]

Rinnovabili: le imprese italiane hanno investito all’estero 2,5 miliardi nel 2014

aprile 23, 2015

Rinnovabili: le imprese italiane hanno investito all’estero 2,5 miliardi nel 2014

Non fuggono all’estero solo “cervelli” e non sempre la fuga è una notizia negativa. L’Italia delle rinnovabili ha investito fuori confine 2,5 miliardi nel 2014. Una tendenza che ora coinvolge anche le imprese di dimensioni più contenute, spinte all’estero dal raffreddarsi del mercato nazionale. D’altro canto, l’estero guarda con attenzione alle aziende italiane del settore dell’energia [...]

Acque minerali: in Italia manca una legge per la tracciabilità

aprile 23, 2015

Acque minerali: in Italia manca una legge per la tracciabilità

“A Contursi Terme nascerà il Centro Internazionale della Dieta Mediterranea, patrimonio immateriale dell’Umanità . Pronti ben 9 milioni di euro ed a breve partirà la gara. Il Centro avrà sede in un albergo confiscato alla criminalità organizzata”. Lo ha annunciato il sindaco di Contursi Terme (Salerno), Graziano Lardo aprendo ieri la convention nazionale dei geologi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO