Home » Internazionali »Politiche » G20 di Seul, non solo finanza: gli impegni dei Leader su energia e clima:

G20 di Seul, non solo finanza: gli impegni dei Leader su energia e clima

novembre 12, 2010 Internazionali, Politiche

La foto inaugurale del G20 di Seol, Courtesy of SeoulSummit.krAnche se nel G20 di Seul, conclusosi poche ore fa, i temi principali sono stati quelli della finanza e del ruolo dei Paesi Emergenti, energia e clima rimangono materie centrali del dibattito politico mondiale. I leader del G20, nei comunicati conclusivi del summit, rilasciano dichiarazioni forti che contengono promesse impegnative: dall’eliminazione dei sussidi alle fonti fossili allo sviluppo di tecnologie pulite.

Nel comunicato finale, il G20 Communiquè, si legge l’impegno a continuare il lavoro di razionalizzazione e di eliminazione graduale (phase-out) di sussidi inefficienti alle fonti fossili nel medio termine, impegno già dichiarato nello scorso G20 di Pittsburgh. Sulla realizzazione di questo progetto, i Ministri delle Finanze e dell’Energia dei Paesi membri dovranno riportare i risultati raggiunti nel corso del summit del 2011, in Francia.

Intanto, Earth Track e Oil Change International hanno già realizzato un report sulla questione intitolato “G20 Fossil Fuel Phase Out”, che accoglie positivamente le dichiarazioni dei leader, lanciando tuttavia una critica: nessuno Stato firmatario della Dichiarazione di Pittsburgh ha finora iniziato una sostanziale riforma dei sussidi in risposta a questo impegno. Metà degli Stati, tra cui l’Italia, si sono infatti limitati a riportare alcune politiche già in programma prima di Pittsburgh, senza modifiche alla tempistica di attuazione.

Inoltre, i dati sul tema risultano incompleti: dei 20 membri del G8, ben 8 dichiarano di non avere sussidi da eliminare, mentre 2 (Gran Bretagna e Giappone), non forniscono alcuna informazione. Indonesia, Russia e Messico, invece, non specificano delle azioni da attuare, riportando solo un riferimento generico ai sussidi alle fonti fossili. Sulla base dei pochi dati a disposizione, il report evidenzia come l’eliminazione dei sussidi porterebbe a una riduzione dei gas serra globali almeno del 10% al 2050 rispetto allo scenario business as usual.

Ancora nel comunicato di Seul, si legge l’impegno a diminuire la volatilità dei prezzi delle materie prime e dei combustibili fossili, su cui interviene anche Silvio Berlusconi, proponendo di vietare le speculazioni finanziarie sulle materie prime energetiche: «Vorrei soltanto ricordare – ha dichiarato il Premier - che nel picco della crisi del 2009 il prezzo del petrolio andò a 150 dollari, qualche tempo dopo riscese a 30 dollari per poi, in occasione di una diminuzione della domanda di quasi il 2% risalire a 70 dollari. Il prezzo del barile che ha interessato tutte le nostre economie era governato soltanto dalla speculazione finanziaria. Ritengo, quindi, che sia estremamente necessario e urgente che i 20 paesi procedano a norme che vietino queste speculazioni finanziarie, per esempio vietando gli acquisti futures oppure imponendo che per acquistare il petrolio a consegna futura si impongano dei versamenti che vanno dal 50% in su. E’ un problema grave per il petrolio ed è gravissimo per le materie prime alimentari».

I leader del G20 hanno confermto infine l‘impegno a combattere i cambiamenti climatici. Nel documento Leaders’ Seoul Summit Document, si legge una dichiarazione di fiducia nello sviluppo ambientalmente sostenibile e una ulteriore promessa al cambiamento: “Siamo impegnati a supportare politiche di crescita green che promuovano una crescita globale ambientalmente sostenibile, che porti alla creazione di posti di lavoro, assicurando al tempo stesso l’accesso all’energia per i poveri. Riconosciamo che la crescita ambientalmente sostenibile, e il connesso sviluppo sostenibile, è una strategia di sviluppo di qualità”. I leaders si impegnano dunque a incentivare le tecnologie pulite e l’efficienza energetica, trasporti sostenibili e città più attente all’ambiente, mobilitando finanziamenti, stabilendo standard chiari e coerenti, sviluppando politiche energetiche a lungo termine, supportando le aziende e la ricerca e sviluppo. Parole che sembrano quasi mutuate dal comunicato stampa di un’associazione ambientalista!

Riguardo al prossimo vertice dell’UNFCCC, che si aprirà a Cancun il 29 novembre, i leader assicurano:  “Non risparmieremo nessuno sforzo per raggiungere il successo di Cancun.”

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Teleriscaldamento: calore efficiente per 3 milioni di cittadini

dicembre 17, 2014

Teleriscaldamento: calore efficiente per 3 milioni di cittadini

L’efficienza energetica oggi viene riconosciuta come la più efficace strada per ridurre la spesa energetica e le emissioni di gas serra. Tra i tanti cambiamenti avvenuti in questi anni proprio l’innovazione delle tecnologie, la ricerca e diffusione stanno permettendo di realizzare risultati fino a qualche tempo fa impensabili, e lo sviluppo che ha avuto il [...]

Qualità dell’aria ed economia circolare: le direttive europee oggi in pericolo

dicembre 16, 2014

Qualità dell’aria ed economia circolare: le direttive europee oggi in pericolo

Nel giorno della riunione in cui la Commissione guidata da Juncker intende cancellare dal suo programma le nuove direttive sulla qualità dell’aria (che dovrebbe fissare limiti più stringenti per emissioni nocive come anidride solforosa, particolato e ossidi d’azoto) e quello sull’economia circolare, che impone un giro di vite sugli obiettivi di riciclaggio dei rifiuti (70% per quelli municipali e 80% [...]

Fotografare le Dolomiti: la biodiversità attraverso l’obiettivo Nikon

dicembre 16, 2014

Fotografare le Dolomiti: la biodiversità attraverso l’obiettivo Nikon

Attraverso il programma Nikon for Parks, Nikon sostiene in partnership con Pixcube.it e Federparchi il progetto Fotografare le Dolomiti, nato per educare, promuovere e proteggere il territorio. Il progetto si articolerà in 7 eventi-workshop fotografici esclusivi che si inseriscono nell’ampio programma Nikon School; saranno tenuti da gennaio ad ottobre 2015 da esperti e professionisti e avranno [...]

Risparmio sostenibile: Banca Popolare di Cividale lancia Conto Green al 2%

dicembre 15, 2014

Risparmio sostenibile: Banca Popolare di Cividale lancia Conto Green al 2%

Mentre cresce la propensione al risparmio delle famiglie – contanti e depositi sono saliti  del 4,9% tra il 2007 e il 2013 secondo il Censis – aumenta anche la sensibilità rispetto alla destinazione degli investimenti, così come l’attenzione alle condizioni vantaggiose per l’utente. Per rispondere alla domanda di forme di gestione del risparmio in grado [...]

L’azienda americana PEM industrializza lo “scanner del clima” targato CNR

dicembre 15, 2014

L’azienda americana PEM industrializza lo “scanner del clima” targato CNR

L’Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ino-CNR) di Firenze e l’azienda americana Planetary Emissions Management Inc. (di Cambridge, Massachussets) hanno avviato una collaborazione per industrializzare e mettere in commercio la tecnologia laser CNR che – consentendo di misurare l’anidride carbonica con una sensibilità e precisione mai raggiunte prima per via ottica – riesce [...]

Economia + Ecologia: dalle associazioni ambientaliste 55 proposte al governo per riconvertire l’Italia

dicembre 12, 2014

Economia + Ecologia: dalle associazioni ambientaliste 55 proposte al governo per riconvertire l’Italia

La giusta considerazione della dimensione ecologica nelle scelte di politica economica deve dar vita ad un nuovo Patto sociale basato sulla qualità, l’efficienza e la sostenibilità  per far uscire il Paese dalla crisi. Bisogna mettere fine all’inazione, c’è bisogno di un programma collegiale e unitario del Governo che individui azioni innovative per garantire il benessere [...]

Emissioni CO2: meno 100 milioni di tonnellate riciclando la metà dei rifiuti urbani europei

dicembre 12, 2014

Emissioni CO2: meno 100 milioni di tonnellate riciclando la metà dei rifiuti urbani europei

Riciclando il 50% dei rifiuti urbani l’Europa potrebbe riuscire a tagliare 103 milioni di tonnellate di CO2. Il calcolo, effettuato sugli obiettivi comunitari fissati per il 2020, arriva da WAS, il think tank sui rifiuti e sul riciclo di Althesys che ha presentato in queste settimane il report di settore. Combattere i gas serra ha [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende

VIDEO DEL GIORNO