Home » Nazionali »Politiche » Il caso Ilva, in attesa del Riesame:

Il caso Ilva, in attesa del Riesame

agosto 3, 2012 Nazionali, Politiche

Settemila operai in piazza, comizi dei leader sindacali interrotti, tensione, rabbia, fumogeni, incertezza, paura. E soprattutto un grande punto interrogativo: quale sarà il futuro dell’Ilva di Taranto e dei suoi undicimila lavoratori? La risposta, per ora, è ancora in sospeso. E però la soluzione di questa vertenza metterà in gioco non solo il destino dell’impianto siderurgico più grande d’Europa, ma anche la direzione che il paese prenderà nei rapporti tra industria e ambiente, lavoro e salute, sviluppo economico e tutela del territorio. Perché le decisioni del tribunale di Taranto pongono un punto ineludibile per lo Stato e per le aziende: con il sequestro degli impianti Ilva si sancisce il principio che non si può fare impresa a scapito delle leggi, della salute e del rispetto delle norme in materia di emissioni inquinanti. Si stabilisce cioé che le ragioni dell’economia e del lavoro non possono più prevalere sui diritti alla salute e alla tutela del territorio.

I fatti sono abbastanza noti. Il 26 luglio il gip di Taranto Patrizia Todisco ha ordinato il sequestro “senza facoltà d’uso” dell’intera area a caldo dello stabilimento siderurgico Ilva di Taranto, in cui lavorano 11.586 addetti, e ha disposto gli arresti domiciliari per otto persone (dirigenti ed ex dirigenti dell’azienda) con le accuse di disastro ambientale colposo e doloso, avvelenamento di sostanze alimentari, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, danneggiamento aggravato di beni pubblici, getto e sversamento di sostanze pericolose.

Nelle motivazioni, il Gip ha spiegato che «la gestione del siderurgico di Taranto è sempre stata caratterizzata da una totale noncuranza dei gravissimi danni che il suo ciclo di lavorazione e produzione provoca all’ambiente e alla salute delle persone»: nella popolazione residente a Taranto si sono osservati infatti «eccessi significativi di mortalità per tutte le cause e per il complesso delle patologie tumorali, per singoli tumori e per importanti patologie non tumorali, quali le malattie del sistema circolatorio, del sistema respiratorio e dell’apparato digerente, prefigurando quindi un quadro di mortalità molto critico».

Nei sette anni presi in considerazione dalle indagini sono 174 i decessi avvenuti a Taranto – in particolare nei quartieri Tamburi e Borgo – dovuti all’inquinamento. Il tribunale, in particolare, ha disposto una perizia epidemiologica dalla quale sono emersi eccessi di mortalità per patologia tumorale (+11%), in particolare per tumore dello stomaco (+107), della pleura (+71), della prostata (+50) e della vescica (+69).

La vicenda dell’Ilva di Taranto, che dopo un periodo di gestione statale è passata, nel 1995, al gruppo Riva, va avanti da tempo. Nel corso degli anni associazioni ambientaliste e comitati cittadini hanno più volte denunciato il livello d’inquinamento causato dalla diossina e dalle polveri. Secondo i dati del registro Ines (Inventario Nazionale Emissioni e loro Sorgenti) dall’Ilva di Taranto nel 2006 fuoriusciva il 92% della diossina prodotta in Italia e ogni abitante della città respirava in media all’anno 2,7 tonnellate di ossido di carbonio e 57,7 tonnellate di anidride carbonica.

Il sequestro dell’impianto deciso dal tribunale ha però scatenato le contestazioni di lavoratori e sindacati, dato che si perderebbero da un lato gli oltre undicimila posti di lavoro (cinquantamila contando anche l’indotto, secondo Fim, Fiom e Uilm) e dall’altro uno dei poli più importanti della siderurgia europea.

Il Ministero dell’Ambiente ha stilato un  “Protocollo d’intesa per interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto” stanziando 336 milioni di euro per l’attuazione dei provvedimenti. È necessario infatti realizzare la copertura dell’area dei parchi minerari per limitare la dispersione di polveri, ristrutturare i forni delle cockerie per ridurre la produzione di benzoapirene, nonché rinnovare i filtri di altiforni per controllare l’emissione di diossina.

Mettere in sicurezza l’Ilva vuol quindi dire non solo restituire a un’intera città il diritto di respirare un’aria salubre, non solo fermare lo scandalo delle morti dovute all’inquinamento, ma anche dimostrare, nei fatti, che lavoro e salute, impresa e ambiente, possono andare di pari passo, senza contrapposizioni dannose per i cittadini, per i territorio, per il Paese.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende