Home » Nazionali »Politiche » Il caso Ilva, in attesa del Riesame:

Il caso Ilva, in attesa del Riesame

agosto 3, 2012 Nazionali, Politiche

Settemila operai in piazza, comizi dei leader sindacali interrotti, tensione, rabbia, fumogeni, incertezza, paura. E soprattutto un grande punto interrogativo: quale sarà il futuro dell’Ilva di Taranto e dei suoi undicimila lavoratori? La risposta, per ora, è ancora in sospeso. E però la soluzione di questa vertenza metterà in gioco non solo il destino dell’impianto siderurgico più grande d’Europa, ma anche la direzione che il paese prenderà nei rapporti tra industria e ambiente, lavoro e salute, sviluppo economico e tutela del territorio. Perché le decisioni del tribunale di Taranto pongono un punto ineludibile per lo Stato e per le aziende: con il sequestro degli impianti Ilva si sancisce il principio che non si può fare impresa a scapito delle leggi, della salute e del rispetto delle norme in materia di emissioni inquinanti. Si stabilisce cioé che le ragioni dell’economia e del lavoro non possono più prevalere sui diritti alla salute e alla tutela del territorio.

I fatti sono abbastanza noti. Il 26 luglio il gip di Taranto Patrizia Todisco ha ordinato il sequestro “senza facoltà d’uso” dell’intera area a caldo dello stabilimento siderurgico Ilva di Taranto, in cui lavorano 11.586 addetti, e ha disposto gli arresti domiciliari per otto persone (dirigenti ed ex dirigenti dell’azienda) con le accuse di disastro ambientale colposo e doloso, avvelenamento di sostanze alimentari, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, danneggiamento aggravato di beni pubblici, getto e sversamento di sostanze pericolose.

Nelle motivazioni, il Gip ha spiegato che «la gestione del siderurgico di Taranto è sempre stata caratterizzata da una totale noncuranza dei gravissimi danni che il suo ciclo di lavorazione e produzione provoca all’ambiente e alla salute delle persone»: nella popolazione residente a Taranto si sono osservati infatti «eccessi significativi di mortalità per tutte le cause e per il complesso delle patologie tumorali, per singoli tumori e per importanti patologie non tumorali, quali le malattie del sistema circolatorio, del sistema respiratorio e dell’apparato digerente, prefigurando quindi un quadro di mortalità molto critico».

Nei sette anni presi in considerazione dalle indagini sono 174 i decessi avvenuti a Taranto – in particolare nei quartieri Tamburi e Borgo – dovuti all’inquinamento. Il tribunale, in particolare, ha disposto una perizia epidemiologica dalla quale sono emersi eccessi di mortalità per patologia tumorale (+11%), in particolare per tumore dello stomaco (+107), della pleura (+71), della prostata (+50) e della vescica (+69).

La vicenda dell’Ilva di Taranto, che dopo un periodo di gestione statale è passata, nel 1995, al gruppo Riva, va avanti da tempo. Nel corso degli anni associazioni ambientaliste e comitati cittadini hanno più volte denunciato il livello d’inquinamento causato dalla diossina e dalle polveri. Secondo i dati del registro Ines (Inventario Nazionale Emissioni e loro Sorgenti) dall’Ilva di Taranto nel 2006 fuoriusciva il 92% della diossina prodotta in Italia e ogni abitante della città respirava in media all’anno 2,7 tonnellate di ossido di carbonio e 57,7 tonnellate di anidride carbonica.

Il sequestro dell’impianto deciso dal tribunale ha però scatenato le contestazioni di lavoratori e sindacati, dato che si perderebbero da un lato gli oltre undicimila posti di lavoro (cinquantamila contando anche l’indotto, secondo Fim, Fiom e Uilm) e dall’altro uno dei poli più importanti della siderurgia europea.

Il Ministero dell’Ambiente ha stilato un  “Protocollo d’intesa per interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto” stanziando 336 milioni di euro per l’attuazione dei provvedimenti. È necessario infatti realizzare la copertura dell’area dei parchi minerari per limitare la dispersione di polveri, ristrutturare i forni delle cockerie per ridurre la produzione di benzoapirene, nonché rinnovare i filtri di altiforni per controllare l’emissione di diossina.

Mettere in sicurezza l’Ilva vuol quindi dire non solo restituire a un’intera città il diritto di respirare un’aria salubre, non solo fermare lo scandalo delle morti dovute all’inquinamento, ma anche dimostrare, nei fatti, che lavoro e salute, impresa e ambiente, possono andare di pari passo, senza contrapposizioni dannose per i cittadini, per i territorio, per il Paese.

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende