Home » Internazionali »Politiche » Il volto green del nuovo Piano Quinquennale cinese:

Il volto green del nuovo Piano Quinquennale cinese

aprile 7, 2011 Internazionali, Politiche

Lo scorso Ottobre la Commissione Centrale del Partito Comunista cinese ha approvato i principi guida del dodicesimo Piano Quinquennale per l’Economia Nazionale e lo Sviluppo Sociale della Repubblica Popolare Cinese.

Il Piano 2011-2015 è stato ratificato il 15 marzo. Ma la vera notizia  riguarda i cambiamenti che il documento porterà nell’economia cinese, soprattutto nel settore dell‘efficienza energetica e della protezione ambientale, definiti come centrali nella strategia di crescita economica del Paese.

Il Piano infatti, oltre a prevedere uno spostamento di interesse economico dal settore manifatturiero a quello dei servizi, promette dei nuovi target per l’uso delle energie rinnovabili, la promozione di una politica volta all’efficienza energetica, nonché investimenti nei settori chiave dell’economia, incluso quello della protezione ambientale.

L’obiettivo di Pechino è, in sostanza, quello di diventare un leader globale nel settore della green economy. Di conseguenza, temi quali la sicurezza energetica ed alimentare, così come la questione del cambiamento climatico, diventano di primaria importanza nella nuova programmazione economica dei prossimi cinque anni.

In realtà, notevoli progressi sono stati già raggiunti con l’undicesimo Piano quinquennale, il quale prevede un aumento dell’utilizzo delle energie rinnovabili del 15% entro il 2020, la riduzione del 20% dell’intensità energetica e del 10% dell’inquinamento. E tali politiche hanno trovato riscontro nella realtà: l’obiettivo di ridurre l’inquinamento del 10% è stato già raggiunto, e nel 2010, secondo le stime della Bloomberg New Energy Finance, gli investimenti cinesi nel settore delle energie rinnovabili sono ammontati a 51,1 miliardi di dollari.

Con il raggiungimento di questi target, la Cina insieme all’Europa, rappresenta il più ampio mercato, a livello globale, per le energie rinnovabili. Inoltre, la Cina è attualmente il più grande produttore di pannelli solari e turbine eoliche. Nel 2010 le installazioni eoliche nel Paese hanno raggiunto il 62%, con la produzione totale di 42,000 MW di energia eolica.

Il nuovo Piano Quinquennale, si presenta ancora più rigoroso ed ambizioso rispetto al precedente. Lungo il periodo 2011-2015, il Governo prevede un investimento di circa 330 miliardi di dollari nel settore della protezione ambientale. Una larga percentuale di tale investimento sarà destinata al controllo dell’inquinamento, con una crescita annuale, dell’industria relativa alla protezione dell’ambiente, tra il 15% e il 20%. Ovviamente, la riduzione della percentuale di inquinamento è legata alla diminuzione dell’utilizzo di carbone, la quale è fissata tra il 40% e il 45% entro il 2020. Per contro, le misure designate per aumentare la produzione di energia da combustibili non-fossili,  prevedono un aumento dell’uso di quest’ultimi del 15% sempre entro il 2020. In questo caso, il Nuovo Piano sull’Energia, l’Industria e lo Sviluppo, incita il Governo ad investire dai 220 ai 330 miliardi di dollari nel settore delle energie rinnovabili nell’arco di dieci anni. In aggiunta a questi obiettivi di carattere generale, la Cina si impegna nella promozione dell’efficienza energetica e nella riduzione dell’utilizzo di carbone nelle produzioni dell’industria pesante e nei settori dei trasporti e delle costruzioni.

Un ulteriore aspetto significativo, relativamente alla protezione ambientale del territorio cinese, è quelloche  riguarda l’inquinamento delle acque. Anche da questo punto di vista, il Piano Quinquennale, prevede delle misure precise. Ciò di cui necessita la Cina è infatti una politica effettiva ed  efficiente per la gestione delle acque. Il Piano prevede dunque che gli investimenti nella costruzione di infrastrutture e nella gestione delle acque saranno duplicati nel giro di dieci anni. Particolare attenzione sarà dedicata soprattutto alla gestione delle falde acquifere nelle aree rurali.

Queste le novià fondamentali del dodicesimo Piano Quinquennale cinese che, come sostiene il Commissario Europeo per il Cambiamento Climatico, Connie Hedegaard, “dimostra il potenziale economico delle azioni e delle politiche legate alla salvaguardia del clima e dell’ambiente“. “La Cina – sostiene la Hedegaard – mettendo al centro del proprio sviluppo economico, l’efficienza energetica e la riduzione dell’inquinamento, ha rafforzato il suo vantaggio competitivo in settori quali quello dei veicoli elettrici, delle energie rinnovabili e di tutte le tecnologie a basso consumo di combustibili fossili”. L’Europa, a questo punto, farebbe bene a velocizzare una seria riflessione sulla propria aspirazione a diventare leader della green economy e sulle opportunità che rischia di perdere.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende