Home » Internazionali »Politiche » Il volto green del nuovo Piano Quinquennale cinese:

Il volto green del nuovo Piano Quinquennale cinese

aprile 7, 2011 Internazionali, Politiche

Lo scorso Ottobre la Commissione Centrale del Partito Comunista cinese ha approvato i principi guida del dodicesimo Piano Quinquennale per l’Economia Nazionale e lo Sviluppo Sociale della Repubblica Popolare Cinese.

Il Piano 2011-2015 è stato ratificato il 15 marzo. Ma la vera notizia  riguarda i cambiamenti che il documento porterà nell’economia cinese, soprattutto nel settore dell‘efficienza energetica e della protezione ambientale, definiti come centrali nella strategia di crescita economica del Paese.

Il Piano infatti, oltre a prevedere uno spostamento di interesse economico dal settore manifatturiero a quello dei servizi, promette dei nuovi target per l’uso delle energie rinnovabili, la promozione di una politica volta all’efficienza energetica, nonché investimenti nei settori chiave dell’economia, incluso quello della protezione ambientale.

L’obiettivo di Pechino è, in sostanza, quello di diventare un leader globale nel settore della green economy. Di conseguenza, temi quali la sicurezza energetica ed alimentare, così come la questione del cambiamento climatico, diventano di primaria importanza nella nuova programmazione economica dei prossimi cinque anni.

In realtà, notevoli progressi sono stati già raggiunti con l’undicesimo Piano quinquennale, il quale prevede un aumento dell’utilizzo delle energie rinnovabili del 15% entro il 2020, la riduzione del 20% dell’intensità energetica e del 10% dell’inquinamento. E tali politiche hanno trovato riscontro nella realtà: l’obiettivo di ridurre l’inquinamento del 10% è stato già raggiunto, e nel 2010, secondo le stime della Bloomberg New Energy Finance, gli investimenti cinesi nel settore delle energie rinnovabili sono ammontati a 51,1 miliardi di dollari.

Con il raggiungimento di questi target, la Cina insieme all’Europa, rappresenta il più ampio mercato, a livello globale, per le energie rinnovabili. Inoltre, la Cina è attualmente il più grande produttore di pannelli solari e turbine eoliche. Nel 2010 le installazioni eoliche nel Paese hanno raggiunto il 62%, con la produzione totale di 42,000 MW di energia eolica.

Il nuovo Piano Quinquennale, si presenta ancora più rigoroso ed ambizioso rispetto al precedente. Lungo il periodo 2011-2015, il Governo prevede un investimento di circa 330 miliardi di dollari nel settore della protezione ambientale. Una larga percentuale di tale investimento sarà destinata al controllo dell’inquinamento, con una crescita annuale, dell’industria relativa alla protezione dell’ambiente, tra il 15% e il 20%. Ovviamente, la riduzione della percentuale di inquinamento è legata alla diminuzione dell’utilizzo di carbone, la quale è fissata tra il 40% e il 45% entro il 2020. Per contro, le misure designate per aumentare la produzione di energia da combustibili non-fossili,  prevedono un aumento dell’uso di quest’ultimi del 15% sempre entro il 2020. In questo caso, il Nuovo Piano sull’Energia, l’Industria e lo Sviluppo, incita il Governo ad investire dai 220 ai 330 miliardi di dollari nel settore delle energie rinnovabili nell’arco di dieci anni. In aggiunta a questi obiettivi di carattere generale, la Cina si impegna nella promozione dell’efficienza energetica e nella riduzione dell’utilizzo di carbone nelle produzioni dell’industria pesante e nei settori dei trasporti e delle costruzioni.

Un ulteriore aspetto significativo, relativamente alla protezione ambientale del territorio cinese, è quelloche  riguarda l’inquinamento delle acque. Anche da questo punto di vista, il Piano Quinquennale, prevede delle misure precise. Ciò di cui necessita la Cina è infatti una politica effettiva ed  efficiente per la gestione delle acque. Il Piano prevede dunque che gli investimenti nella costruzione di infrastrutture e nella gestione delle acque saranno duplicati nel giro di dieci anni. Particolare attenzione sarà dedicata soprattutto alla gestione delle falde acquifere nelle aree rurali.

Queste le novià fondamentali del dodicesimo Piano Quinquennale cinese che, come sostiene il Commissario Europeo per il Cambiamento Climatico, Connie Hedegaard, “dimostra il potenziale economico delle azioni e delle politiche legate alla salvaguardia del clima e dell’ambiente“. “La Cina – sostiene la Hedegaard – mettendo al centro del proprio sviluppo economico, l’efficienza energetica e la riduzione dell’inquinamento, ha rafforzato il suo vantaggio competitivo in settori quali quello dei veicoli elettrici, delle energie rinnovabili e di tutte le tecnologie a basso consumo di combustibili fossili”. L’Europa, a questo punto, farebbe bene a velocizzare una seria riflessione sulla propria aspirazione a diventare leader della green economy e sulle opportunità che rischia di perdere.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

novembre 22, 2018

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

Il 28 novembre prossimo Flymove Holding organizzerà a Milano, nello Spazio di via Gadames 57, un evento riservato a operatori finanziari, investitori e partners tecnologici, per il lancio mondiale della Flymove Smart Mobility Platform e delle nuove automobili elettriche EV City Car e Sportive Car a brand “Dianchè by Bertone”, che faranno uso di un innovativo sistema di scambio rapido di batteria [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende