Home » Internazionali »Politiche » Italia e Germania: prove di intesa sull’ambiente:

Italia e Germania: prove di intesa sull’ambiente

gennaio 14, 2011 Internazionali, Politiche

Stefania Prestigiacomo e Norbert RottgenFra Germania e Italia esiste un’ampia convergenza di posizioni e di interessi sui temi ambientali”. Lo ha dichiarato il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo al termine dell’incontro del 12 gennaio tra il Ministro dell’Ambiente italiano e quello tedesco Norbert Roettgen, a Berlino.

I due ministri hanno una visione comune su alcune delle priorità della politica ambientale europea; ma in realtà, nonostante le dichiarazioni, sembrano ancora molti i punti di distanza tra la il programma ambientale tedesco e quello italiano.

I due paesi concordano sulla valutazione della Conferenza di Cancun sui cambiamenti climatici dello scorso dicembre, considerata positiva per il passo avanti nei negoziati e per le basi poste al raggiungimento di un accordo globale per il clima nel round negoziale del 2011, a Durban. In quella sede, l’Europa dovrà avere un ruolo importante per giungere a un trattato globale. La posizione all’interno dell’Europa è in realtà un pò diversa: mentre la Germania, insieme a Danimarca, Francia, Gran Beretagna e altri Stati membri, chiede, da più di un anno, il passaggio a un impegno di riduzione delle emissioni di CO2 dal 20% al 30% entro il 2020, l’Italia tende a frenare, chiedendo una valutazione dei costi per singolo Stato, come ribadito ancora una volta dal Ministro Prestigiacomo durante l’incontro di Berlino.

Entrambi gli Stati sottolineano l’impegno allo sviluppo delle energie rinnovabili, che dovranno rappresentare una parte sempre più importante del mix energetico nazionale ed europeo, come peraltro già deciso tramite direttiva europea 20-20-20, che obbliga l’Europa a raggiungere il 20% di energia prodotta da fonte rinnovabile entro il 2020. La Germania e l’Italia hanno obiettivi simili al 2020 (18& per la Germania, 17% per l’Italia); ma la Germania si sta impegnando a superare il target assegnato, mentre l’Italia viaggia al momento con un ritardo che difficilmente riuscirà a recuperare.

Sul piano europeo, un altro aspetto di convergenza tra i Ministri riguarda la volontà di dare continuità al Sesto Programma Europeo di Azione Ambientale,  il piano decennale dell’Unione Europea per uno sviluppo ambientalmente sostenibile, che scadrà a luglio 2010. “Riteniamo opportuno – ha spiegato la Prestigiacomo – che la Commissione Europea operi in ambito ambientale all’interno di un Piano Strategico i cui principali elementi sono stati indicati nel Consiglio Ambiente del 20 dicembre 2010 . Si dovrà puntare in particolare su una maggiore integrazione dell’ambiente nelle politiche di settore, sullo sviluppo dell’economia verde e disarticolando il binomio crescita economica-degrado ambientale; puntare sulla promozione di eco-innovazione, ricerca, competitività, porre maggiore attenzione all’ambiente urbano e alla lotta all’inquinamento”.

Sulla governance ambientale mondiale, i Ministri Prestigiacomo e Roettgen trovano un altro punto di comune: entrambi appoggiano la proposta di trasformare l’UNEP, il Programma Ambientale delle Nazioni Unite, in un’agenzia vera e propria. Dichiarano che lavoreranno insieme in questa direzione in vista della prossima riunione dell’UNEP in febbraio a Nairobi.

In chiusura del vertice bilaterale è stato infine affrontato lo spinoso argomento dello smaltimento dei rifiuti, in particolare le problematiche legate al collegamento fra il sistema di tracciabilità dei rifiuti speciali e pericolosi, il SISTRI, avviato in Italia da poco, e il sistema vigente in Germania: la Germania infatti importa e smaltisce circa un milione e 400 mila tonnellate di rifiuti pericolosi l’anno, dei quali 300 mila tonnellate provenienti dalla Campania.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende