Home » Internazionali »Politiche » La controffensiva ETS: cancellati i crediti di emissione di dubbio valore:

La controffensiva ETS: cancellati i crediti di emissione di dubbio valore

gennaio 25, 2011 Internazionali, Politiche

Courtesy of Ben Heine, Flickr.comIl 21 gennaio l’Europa ha compiuto un grande passo avanti per assicurare la credibilità dei meccanismi di flessibilità dell’Emission Trading System europeo: dal 1 maggio 2013 le aziende incluse nella direttiva ETS non potranno più utilizzare i crediti derivanti da progetti di riduzione di gas serra che distruggono trifluorometano (HFC-23) protossido d’azoto (N2O).

Nell’attuale sistema ETS, infatti, le aziende con obblighi di riduzione delle emissioni che non riescono a raggiungere i limiti stabiliti, hanno oggi la facoltà di coprire parte del loro debito finanziando progetti di riduzione delle emissioni di gas serra all’estero, denominati Joint Implementation (quelli localizzati in Paesi industrializzati) e Clean Development Mechanism (quelli localizzati in Paesi emergenti). Tra i gas serra che possono ottenere questi incentivi, ci sono appunto  l’HFC-23 e l’N2O.

L’HFC-23 è un gas serra molto potente, derivato dalla produzione di condizionatori e frigoriferi, con un global warming potential (effetto sui cambiamenti climatici) pari a 11.700 volte la CO2: questo vuol dire che per ogni tonnellata di HFC 23 abbattuta, vengono riconosciuti 11.700 crediti di CO2, per un controvalore di circa 120-175.000 Euro.

HFC-23 è un sottoprodotto di un gas, l’HCFC-22, che è doppiamente dannoso, in quanto contribuisce sia all’effetto serra, che al buco dell’ozono: per questo l’HFCF-22 è stato già proibito dal Protocollo di Montreal, il trattato per la protezione della fascia di ozono. Anche l’N2O è un gas serra molto dannoso, con un global warming potential di 310 volte la CO2 ed è generato dalle industrie che producono nylon.

Il finanziamento dei progetti riguardanti la distruzione dei gas HFC-23 e N2O provoca tuttavia degli incentivi distorti rispetto agli scopi del Protocollo di Kyoto: le aziende sono infatti incentivate a continuare a produrre o perfino aumentare la produzione di questi gas, per poi ridurli per ottenere i crediti di CO2; l’effetto si ripercuote anche sugli HCFC-22. Inoltre, il meccanismo attualmente in vigore permette a un piccolo gruppo di progetti localizzati per l’80% in Cina di ottenere un numero elevatissimo di crediti a basso costo, provocando uno spostamento di risorse da quelli che dovrebbero essere i progetti finanziati tramite il Clean Development Mechanism: progetti di energia rinnovabile ed efficienza energetica, che aiutino lo sviluppo sostenibile del territorio.

Connie Hedegaard, Commissario Europeo per il Clima e promotrice dei cambiamenti apportati all’ETS si è detta molto soddisfatta per l’adozione del nuovo regolamento a soli 5 mesi dalla sua proposta iniziale, che prevedeva, in realtà, la restrizione dei crediti già dal 1 gennaio 2013. Alcuni Paesi, tra cui Italia, Germania, Gran Bretagna e Polonia, hanno spinto per posticiparla al maggio 2013.

Secondo le analisi effettuate da un gruppo di esperti la posticipazione della data permetterà quindi alle aziende europee di utilizzare 30-50 milioni di crediti in più, corrispondenti a 30-40 milioni di tonnellate di CO2. Un risultato che non era auspicabile se si tiene conto che i crediti da progetti HFC-23 e N2O hanno assorbito finora oltre il 90% delle risorse finanziarie delle aziende italiane destinate a finanziare progetti di Clean Development Mechanism. La palla passa dunque al Parlamento Europeo, che ha tre mesi per commentare la proposta, dopodiché verrà formalmente adottata dalla Commissione Europea.

Secondo la Hedegaard – che ha definito alcuni di questi crediti “di dubbio valore” e contro gli interessi dell’Europa – si tratta comunque di un’importante operazione di pulizia del mercato da crediti di basso valore ambientale, con ampie ripercussioni nel mercato internazionale del carbonio che dovrà essere ”basato su una maggiore qualità e distribuzione dei crediti.”

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende