Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » L’internazionalizzazione del mercato energetico UE verso una svolta sostenibile:

L’internazionalizzazione del mercato energetico UE verso una svolta sostenibile

Rafforzare la dimensione internazionale della politica energetica dell’Unione Europea. Questo è stato il tema centrale dell’ultimo Consiglio dell’UE, svoltosi lo scorso 24 Novembre a Bruxelles.

Il tema fondamentale di cui si è discusso è stata la volontà dell’Europa di diventare una protagonista effettiva, sulla scena internazionale, per quanto concerne le decisioni in campo energetico, a fronte della centralità che queste politiche stanno assumendo nell’agenda dei Paesi, industrializzati e in via di sviluppo, che vogliano assicurarsi una crescita.

In che modo, dunque, l’UE ha intenzione di raggiungere questo obiettivo? Le priorità emerse dal Consiglio sono essenzialmente cinque. In primo luogo, il rafforzamento del coordinamento della politica estera comune dell’energia, che presuppone l’integrazione del mercato energetico interno con i vari mezzi e le capacità degli Stati Membri. Lo strumento chiave, in questa fase, dovrebbe essere una maggiore trasparenza negli accordi intergovernativi in tema di energia stabiliti dagli Stati Membri con Paesi Terzi, così come un crescente supporto della Commissione durante le fasi di negoziazione, soprattutto per quegli accordi che potrebbero influenzare il funzionamento del mercato energetico interno dell’UE.

La promozione della cooperazione dell’UE, in qualità attore singolo, con i Paesi Terzi, è una delle priorità correlate emerse dal Consiglio. A tal fine, l’UE si impegna ad integrare la Comunità Energetica (Energy Community), con l’apertura nei confronti della Repubblica della Moldova, dell’Ucraina e dell’Armenia, quest’ultima in qualità di osservatore. Alla Comunità Energetica, quale strumento meramente di politica multilaterale, si affianca uno strumento più pratico e concreto: quello delle infrastrutture. Per costruire una dimensione esterna della politica energetica comune dell’UE bisogna infatti assicurare la funzionalità dei mezzi per l’approvvigionamento, così come la diversificazione dei fornitori, delle fonti e delle vie di trasporto dell’energia verso l’Europa.

L’Unione Europea si impegna inoltre a sostenere e promuovere delle politiche energetiche che garantiscano la promozione dello sviluppo sostenibile in campo energetico, incluso l’utilizzo di risorse per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, nonché la diffusione di tecnologie a basso impatto ambientale, al fine di ridurre le emissioni di gas serra. L’UE si propone, dunque, come promotrice di una politica energetica “pulita” anche nei confronti dei Paesi Terzi. Un impegno che si manifesta soprattutto nei confronti di quei Paesi con i quali i rapporti di scambio, in tema energetico, sono già oggi più solidi. Primi fra tutti gli Stati della regione mediterranea, nei confronti dei quali l’UE rinnova l’impegno per la costruzione di un Mediterranean Solar Plan, focalizzato essenzialmente sulla produzione di elettricità da fonte rinnovabile.

Il miglioramento delle partnership strategiche in campo energetico è un’altra priorità dell’Unione. E qui emerge il ruolo chiave della partnership con la Russia del rinato Vladimir Putin (che sarà nuovamente candidato alla presidenza) e della Roadmap sull’Energia, che promuove una cooperazione di lungo periodo tra l’UE e Mosca. Ma partner importanti sono anche gli Stati Uniti e il Giappone, e i Paesi delle economie emergenti, come India, Cina, Brasile e Repubblica Sudafricana, dove proprio in queste ore, a Durban, si discutono i negoziati sui cambiamenti climatici.

La quarta priorità, per l’internazionalizzazione della politica energetica dell’UE, pone l’accento sul supporto alle economie in via di sviluppo. In questo caso, l’obiettivo è di stabilire programmi che facilitino politiche sostenibili per la lotta al cambiamento climatico, anche nei Paesi in via di sviluppo.

Infine, l’ultimo richiamo del Consiglio dell’Unione Europea è stato rivolto alla Commissione. Per vedere realizzati tutti questi obiettivi sarà infatti necessaria un’azione diretta e concreta della Commissione, che dovrà esaminare l’aspetto più delicato dell’intero processo: la modalità di pianificazione finanziaria dei progetti e la relativa copertura nell’ambito del budget europeo del Multiannual Financial Framework. Tutto ciò dovrà essere presentato dalla Commissione, in un report, non più tardi della fine del 2013.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con AIGAE sul sentiero del Morteratsch, il ghiacciaio simbolo che perde 200 metri ogni decennio

marzo 1, 2017

Con AIGAE sul sentiero del Morteratsch, il ghiacciaio simbolo che perde 200 metri ogni decennio

AIGAE, l’associazione delle guide ambientali escursionistiche – alla quale aderiscono numerosi geologi e glaciologi – lancia l’allarme: la situazione dei ghiacciai italiani è, senza mezzi termini, “drammatica”. Negli ultimi anni si è persa una superficie pari al Lago di Como. Ma il dramma non è solo nazionale. Se c’è infatti un luogo dove, secondo le [...]

All’Università di Siena un corso interdisciplinare sulla “sostenibilità” aperto al pubblico

marzo 1, 2017

All’Università di Siena un corso interdisciplinare sulla “sostenibilità” aperto al pubblico

Lo sviluppo sostenibile e la sostenibilità ambientale, ma anche economica e sociale, sono tra i temi più attuali che interessano i governi a livello globale. Un approccio complesso che coinvolge aspetti giuridici, energetici, urbanistici e sociologici, e che richiede competenze interdisciplinari per essere adeguatamente affrontato. L’ottica interdisciplinare è dunque stata scelta dal corso in “Sostenibilità” [...]

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

febbraio 28, 2017

L’invasione degli smartphones: 7 miliardi di pezzi in 10 anni e 968 TWh di energia consumata

Negli ultimi dieci anni, la produzione e lo smaltimento di smartphone hanno avuto un impatto significativo sul nostro pianeta, secondo un rapporto diffuso ieri da Greenpeace USA, all’inaugurazione del “World Mobile Congress” di Barcellona. Il rapporto “From Smart to Senseless: The Global Impact of Ten Years of Smartphones” fornisce una panoramica dell’aumento dell’uso degli smartphone [...]

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

febbraio 28, 2017

Resilienza: l’Ordine degli Architetti di Roma a convegno sul rischio sismico e idrogeologico

Prevenire con efficacia i danni provocati dai terremoti e dalle catastrofi naturali comporta un cambiamento culturale, sociale e tecnico che coinvolge le istituzioni, i cittadini, le imprese e i professionisti. Un radicale cambiamento che dall’emergenza ci deve portare alla gestione ordinaria dei rischi naturali e a progettare e realizzare città capaci di adattarsi ai cambiamenti climatici e [...]

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

febbraio 28, 2017

Consiglio Ambiente UE: le associazioni ambientaliste chiedono una riforma coraggiosa dell’ETS

L’appello è arrivato alla vigilia della riunione dei Ministri dell’Ambiente della UE, in programma oggi a Bruxelles. Un appuntamento importante perché al primo punto all’ordine del giorno, è prevista la revisione dell’Emission Trading Scheme (ETS), il meccanismo europeo di scambio delle emissioni il cui obiettivo dovrebbe essere quello di far pagare gli emettitori di CO2 per [...]

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

febbraio 27, 2017

Botanica: musica e scienza per raccontare la vita delle piante

Aboca, Stefano Mancuso e i DeProducers tornano insieme con lo spettacolo Botanica per continuare ad unire musica e scienza e raccontare le meraviglie del mondo vegetale. Un progetto innovativo e coinvolgente che vede la consulenza scientifica di uno dei più importanti ricercatori botanici internazionali, il Prof. Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia [...]

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

febbraio 27, 2017

Progetto EVE: 325 colonnine di ricarica elettrica per la Toscana

EVE – Electric Vehicle Energy è un progetto che nasce dalla collaborazione tra tre grandi realtà toscane, come Enegan, trader di luce e gas che opera a livello nazionale, il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa) – realtà composta da 60 imprese hi-tech – e Dielectrik, che lavora alla progettazione e alla produzione di prototipi di generi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende