Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » L’internazionalizzazione del mercato energetico UE verso una svolta sostenibile:

L’internazionalizzazione del mercato energetico UE verso una svolta sostenibile

Rafforzare la dimensione internazionale della politica energetica dell’Unione Europea. Questo è stato il tema centrale dell’ultimo Consiglio dell’UE, svoltosi lo scorso 24 Novembre a Bruxelles.

Il tema fondamentale di cui si è discusso è stata la volontà dell’Europa di diventare una protagonista effettiva, sulla scena internazionale, per quanto concerne le decisioni in campo energetico, a fronte della centralità che queste politiche stanno assumendo nell’agenda dei Paesi, industrializzati e in via di sviluppo, che vogliano assicurarsi una crescita.

In che modo, dunque, l’UE ha intenzione di raggiungere questo obiettivo? Le priorità emerse dal Consiglio sono essenzialmente cinque. In primo luogo, il rafforzamento del coordinamento della politica estera comune dell’energia, che presuppone l’integrazione del mercato energetico interno con i vari mezzi e le capacità degli Stati Membri. Lo strumento chiave, in questa fase, dovrebbe essere una maggiore trasparenza negli accordi intergovernativi in tema di energia stabiliti dagli Stati Membri con Paesi Terzi, così come un crescente supporto della Commissione durante le fasi di negoziazione, soprattutto per quegli accordi che potrebbero influenzare il funzionamento del mercato energetico interno dell’UE.

La promozione della cooperazione dell’UE, in qualità attore singolo, con i Paesi Terzi, è una delle priorità correlate emerse dal Consiglio. A tal fine, l’UE si impegna ad integrare la Comunità Energetica (Energy Community), con l’apertura nei confronti della Repubblica della Moldova, dell’Ucraina e dell’Armenia, quest’ultima in qualità di osservatore. Alla Comunità Energetica, quale strumento meramente di politica multilaterale, si affianca uno strumento più pratico e concreto: quello delle infrastrutture. Per costruire una dimensione esterna della politica energetica comune dell’UE bisogna infatti assicurare la funzionalità dei mezzi per l’approvvigionamento, così come la diversificazione dei fornitori, delle fonti e delle vie di trasporto dell’energia verso l’Europa.

L’Unione Europea si impegna inoltre a sostenere e promuovere delle politiche energetiche che garantiscano la promozione dello sviluppo sostenibile in campo energetico, incluso l’utilizzo di risorse per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, nonché la diffusione di tecnologie a basso impatto ambientale, al fine di ridurre le emissioni di gas serra. L’UE si propone, dunque, come promotrice di una politica energetica “pulita” anche nei confronti dei Paesi Terzi. Un impegno che si manifesta soprattutto nei confronti di quei Paesi con i quali i rapporti di scambio, in tema energetico, sono già oggi più solidi. Primi fra tutti gli Stati della regione mediterranea, nei confronti dei quali l’UE rinnova l’impegno per la costruzione di un Mediterranean Solar Plan, focalizzato essenzialmente sulla produzione di elettricità da fonte rinnovabile.

Il miglioramento delle partnership strategiche in campo energetico è un’altra priorità dell’Unione. E qui emerge il ruolo chiave della partnership con la Russia del rinato Vladimir Putin (che sarà nuovamente candidato alla presidenza) e della Roadmap sull’Energia, che promuove una cooperazione di lungo periodo tra l’UE e Mosca. Ma partner importanti sono anche gli Stati Uniti e il Giappone, e i Paesi delle economie emergenti, come India, Cina, Brasile e Repubblica Sudafricana, dove proprio in queste ore, a Durban, si discutono i negoziati sui cambiamenti climatici.

La quarta priorità, per l’internazionalizzazione della politica energetica dell’UE, pone l’accento sul supporto alle economie in via di sviluppo. In questo caso, l’obiettivo è di stabilire programmi che facilitino politiche sostenibili per la lotta al cambiamento climatico, anche nei Paesi in via di sviluppo.

Infine, l’ultimo richiamo del Consiglio dell’Unione Europea è stato rivolto alla Commissione. Per vedere realizzati tutti questi obiettivi sarà infatti necessaria un’azione diretta e concreta della Commissione, che dovrà esaminare l’aspetto più delicato dell’intero processo: la modalità di pianificazione finanziaria dei progetti e la relativa copertura nell’ambito del budget europeo del Multiannual Financial Framework. Tutto ciò dovrà essere presentato dalla Commissione, in un report, non più tardi della fine del 2013.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende