Home » Nazionali »Politiche » Obsolescenza programmata: una proposta di legge per contrastare la “scadenza” degli elettrodomestici:

Obsolescenza programmata: una proposta di legge per contrastare la “scadenza” degli elettrodomestici

novembre 6, 2013 Nazionali, Politiche

Se comparati con i loro “genitori”, gli elettrodomestici moderni, vista la loro durata, sembrano essere “programmati per autodistruggersi”. È la cosiddetta “obsolescenza programmata”. Un campo ancora poco studiato, dove manca un quadro normativo che definisca la materia.

A colmare questa lacuna, almeno in Italia, ci prova una proposta di legge presentata recentemente da Luigi Lacquaniti, deputato di Sinistra Ecologia Libertà, e Simone Zuin, ideatore del sito “Decrescita Felice Social Network“.

L’obsolescenza programmata è quella «pratica industrialesi legge nella proposta di leggein forza della quale un prodotto tecnologico di qualsiasi natura è deliberatamente progettato dal produttore in modo da poter durare solo per un determinato periodo, al fine di imporne la sostituzione con un nuovo prodotto, più efficiente e funzionale, la cui carica innovativa viene pianificata in precedenza».

«Ci risulta che in Europa esista un’unica legge sull’obsolescenza programmata entrata in vigore in Belgio – dichiara Luigi Lacquaniti – Si tratta di una materia nuova. La pubblicistica in materia infatti è ancora scarsa e le uniche pubblicazioni arrivano da Oltreoceano: negli Stati Uniti sono state condotte delle indagini che hanno messo in luce degli “accordi di cartello” che andavano ad influire sul mercato imponendo una sorta di “scadenza” ad alcuni prodotti. Riteniamo che vi possano essere stati accordi di questo tipo anche tra le multinazionali che producono elettrodomestici. In questo campo vuole intervenire la proposta di legge che abbiamo depositato».

«Non è accettabile – continua Lacquaniti – che si producano elettrodomestici con difetti di origine, tali per cui, dopo un certo numero di anni o una volta che è scaduta la garanzia, il bene si rompa e non possa essere più riparato, costringendo il consumatore ad acquistare un nuovo prodotto». Secondo Lacquaniti, tra i consumatori è frequente la domanda: “Ho acquistato vent’anni fa un televisore e mi è durato tanto tempo. Lo acquisto oggi e dura molto meno. Come mai? «La spiegazione che danno solitamente i venditori – afferma il deputato di SEL – è che si tratta di strumentazioni molto più sofisticate di un tempo. Ma è un argomentazione che non regge. Il fatto che la strumentazione sia più sofisticata, dovrebbe essere una garanzia ulteriore per una maggiore durata di vita dell’oggetto».

La proposta di legge punta a far emergere e sanzionare gli eventuali casi di obsolescenza programmata. «Con questa proposta di legge – spiega Lacquaniti – intendiamo  identificare penalmente e vietare la pratica dell’obsolescenza programmata. Sono previste delle sanzioni che vanno da 10 mila a 500 mila euro a seconda del produttore». Ci saranno dei controlli per individuare i casi di obsolescenza programmata? «Ci siamo soffermati parecchio su questo punto per capire se fossero fattibili dei controlli in questo senso. Noi riteniamo di sì. Il Ministero dello Sviluppo Economico deve assumersi in prima persona l’onere di verificare la durata media dei prodotti attraverso propri organi ispettivi di controllo, enti terzi o organi di certificazioni. Inoltre, la proposta prevede che il ministero, dopo l’entrata in vigore della legge, intervenga con un’indagine accurata sui beni di consumo (principalmente prodotti elettrici) per verificare effettivamente la corretta progettazione, produzione e commercializzazione del bene».

La proposta mira ad avere risvolti positivi anche dal punto di vista occupazionale. «È prevista la creazione – precisa Lacquaniti – di una nuova modalità di impiego “riscoprendo” la figura del riparatore del bene di consumo. Può essere uno sbocco per l’occupazione giovanile. Ma deve essere favorito l’accesso a queste nuove figure lavorative attraverso una formazione alla riparazione dei beni prodotti. Per fare ciò è necessario che il produttore metta a disposizione le istruzioni per riparare. In questo modo anche il consumatore potrà conoscere già in origine se e a quali condizioni il prodotto può essere riparato». Questo aspetto si collega alla questione della garanzia del prodotto. «Si prevede inoltre il prolungamento della garanzia che oggi è di due anni. Il produttore – aggiunge il deputato SEL - dovrà garantire e assicurare la disponibilità delle parti di ricambio per tutto il tempo in cui viene venduto sul mercato e per gli ulteriori cinque anni successivi. I produttori sarebbero, inoltre, tenuti ad informare della possibilità di riparare il bene. Laddove queste condizioni non siano soddisfatte la proposta di legge fissa ulteriori sanzioni al di là di quelle più generali per l’obsolescenza programmata».

Quali sono le possibili tempistiche della proposta di legge? Come in altri di casi, l’iter parlamentare può trasformarsi in un labirinto inestricabile. Non si possono fare infatti previsioni, precisa Lacquaniti: «Le tempistiche dipendono dalla durata della legislatura. La proposta di legge è stata incardinata in Commissione Attività Produttive. Passerà qualche mese prima che possa iniziare effettivamente il suo iter, che tuttavia seguirò in prima persona essendo capogruppo di SEL in Commissione». Il deputato ci tiene a sottolineare che si tratta di una proposta che ha un interesse collettivo. «La proposta di legge è oggetto di interesse di due settori molto attenti ai consumi: da un lato i movimenti per la decrescita e dall’altro i movimenti per la tutela dei consumatori. Ma non solo. Ritengo infatti che la questione sia così importante da investire diversi aspetti. Basti pensare all’aspetto ambientale della questione: oggi dobbiamo smaltire un quantità esorbitante di prodotti di consumo che potrebbero avere una seconda vita senza diventare in breve tempo un rifiuto».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende