Home » Nazionali »Politiche » Obsolescenza programmata: una proposta di legge per contrastare la “scadenza” degli elettrodomestici:

Obsolescenza programmata: una proposta di legge per contrastare la “scadenza” degli elettrodomestici

novembre 6, 2013 Nazionali, Politiche

Se comparati con i loro “genitori”, gli elettrodomestici moderni, vista la loro durata, sembrano essere “programmati per autodistruggersi”. È la cosiddetta “obsolescenza programmata”. Un campo ancora poco studiato, dove manca un quadro normativo che definisca la materia.

A colmare questa lacuna, almeno in Italia, ci prova una proposta di legge presentata recentemente da Luigi Lacquaniti, deputato di Sinistra Ecologia Libertà, e Simone Zuin, ideatore del sito “Decrescita Felice Social Network“.

L’obsolescenza programmata è quella «pratica industrialesi legge nella proposta di leggein forza della quale un prodotto tecnologico di qualsiasi natura è deliberatamente progettato dal produttore in modo da poter durare solo per un determinato periodo, al fine di imporne la sostituzione con un nuovo prodotto, più efficiente e funzionale, la cui carica innovativa viene pianificata in precedenza».

«Ci risulta che in Europa esista un’unica legge sull’obsolescenza programmata entrata in vigore in Belgio – dichiara Luigi Lacquaniti – Si tratta di una materia nuova. La pubblicistica in materia infatti è ancora scarsa e le uniche pubblicazioni arrivano da Oltreoceano: negli Stati Uniti sono state condotte delle indagini che hanno messo in luce degli “accordi di cartello” che andavano ad influire sul mercato imponendo una sorta di “scadenza” ad alcuni prodotti. Riteniamo che vi possano essere stati accordi di questo tipo anche tra le multinazionali che producono elettrodomestici. In questo campo vuole intervenire la proposta di legge che abbiamo depositato».

«Non è accettabile – continua Lacquaniti – che si producano elettrodomestici con difetti di origine, tali per cui, dopo un certo numero di anni o una volta che è scaduta la garanzia, il bene si rompa e non possa essere più riparato, costringendo il consumatore ad acquistare un nuovo prodotto». Secondo Lacquaniti, tra i consumatori è frequente la domanda: “Ho acquistato vent’anni fa un televisore e mi è durato tanto tempo. Lo acquisto oggi e dura molto meno. Come mai? «La spiegazione che danno solitamente i venditori – afferma il deputato di SEL – è che si tratta di strumentazioni molto più sofisticate di un tempo. Ma è un argomentazione che non regge. Il fatto che la strumentazione sia più sofisticata, dovrebbe essere una garanzia ulteriore per una maggiore durata di vita dell’oggetto».

La proposta di legge punta a far emergere e sanzionare gli eventuali casi di obsolescenza programmata. «Con questa proposta di legge – spiega Lacquaniti – intendiamo  identificare penalmente e vietare la pratica dell’obsolescenza programmata. Sono previste delle sanzioni che vanno da 10 mila a 500 mila euro a seconda del produttore». Ci saranno dei controlli per individuare i casi di obsolescenza programmata? «Ci siamo soffermati parecchio su questo punto per capire se fossero fattibili dei controlli in questo senso. Noi riteniamo di sì. Il Ministero dello Sviluppo Economico deve assumersi in prima persona l’onere di verificare la durata media dei prodotti attraverso propri organi ispettivi di controllo, enti terzi o organi di certificazioni. Inoltre, la proposta prevede che il ministero, dopo l’entrata in vigore della legge, intervenga con un’indagine accurata sui beni di consumo (principalmente prodotti elettrici) per verificare effettivamente la corretta progettazione, produzione e commercializzazione del bene».

La proposta mira ad avere risvolti positivi anche dal punto di vista occupazionale. «È prevista la creazione – precisa Lacquaniti – di una nuova modalità di impiego “riscoprendo” la figura del riparatore del bene di consumo. Può essere uno sbocco per l’occupazione giovanile. Ma deve essere favorito l’accesso a queste nuove figure lavorative attraverso una formazione alla riparazione dei beni prodotti. Per fare ciò è necessario che il produttore metta a disposizione le istruzioni per riparare. In questo modo anche il consumatore potrà conoscere già in origine se e a quali condizioni il prodotto può essere riparato». Questo aspetto si collega alla questione della garanzia del prodotto. «Si prevede inoltre il prolungamento della garanzia che oggi è di due anni. Il produttore – aggiunge il deputato SEL - dovrà garantire e assicurare la disponibilità delle parti di ricambio per tutto il tempo in cui viene venduto sul mercato e per gli ulteriori cinque anni successivi. I produttori sarebbero, inoltre, tenuti ad informare della possibilità di riparare il bene. Laddove queste condizioni non siano soddisfatte la proposta di legge fissa ulteriori sanzioni al di là di quelle più generali per l’obsolescenza programmata».

Quali sono le possibili tempistiche della proposta di legge? Come in altri di casi, l’iter parlamentare può trasformarsi in un labirinto inestricabile. Non si possono fare infatti previsioni, precisa Lacquaniti: «Le tempistiche dipendono dalla durata della legislatura. La proposta di legge è stata incardinata in Commissione Attività Produttive. Passerà qualche mese prima che possa iniziare effettivamente il suo iter, che tuttavia seguirò in prima persona essendo capogruppo di SEL in Commissione». Il deputato ci tiene a sottolineare che si tratta di una proposta che ha un interesse collettivo. «La proposta di legge è oggetto di interesse di due settori molto attenti ai consumi: da un lato i movimenti per la decrescita e dall’altro i movimenti per la tutela dei consumatori. Ma non solo. Ritengo infatti che la questione sia così importante da investire diversi aspetti. Basti pensare all’aspetto ambientale della questione: oggi dobbiamo smaltire un quantità esorbitante di prodotti di consumo che potrebbero avere una seconda vita senza diventare in breve tempo un rifiuto».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

dicembre 20, 2017

Camerlenghi, nuovo presidente AIGAE: “Il turismo ambientale è in grande crescita”

Filippo Camerlenghi, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche (GAE) della Lombardia è il nuovo Presidente Nazionale di AIGAE. Camerlenghi, 52 anni, laureato in Scienze della Terra presso l’Università Statale di Milano, è ideatore e promotore di importanti progetti di educazione ambientale e divulgazione scientifica e opera anche come guida europea in Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Islanda, in [...]

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

dicembre 18, 2017

AccorHotels e l’agricoltura verticale: debutta al Novotel Milano il “Living Farming Tree”

Debutta a Milano con AccorHotels la prima installazione del Living Farming Tree, l’innovativo orto verticale indoor firmato Hexagro Urban Farming, startup italiana composta da un team internazionale di ingegneri, designer industriali e gastronomi. In linea con gli obiettivi del proprio programma di sviluppo sostenibile Planet21 volto a promuovere un’ospitalità positiva e virtuosa, il gruppo leader mondiale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende