Home » Nazionali »Politiche » Ozono e rifiuti: maglia nera e maglia rosa per l’Italia:

Ozono e rifiuti: maglia nera e maglia rosa per l’Italia

marzo 8, 2010 Nazionali, Politiche

Smog City, Courtesy of Joris Besseling, Flickr.comUna notizia buona, una cattiva. L’Italia in quanto a primati si distingue sempre. Iniziamo da quella cattiva: il nostro paese è maglia nera europea nella lotta all’ozono - non quello “buono” della stratosfera, che protegge la pelle dalle radiazioni ultraviolette del sole, ma quello “cattivo”, ovvero il gas serra presente, in limitata quantità, nella parte bassa dell’atmosfera, che costituisce uno dei principali componenti dello smog delle città.

E’ quanto riporta l’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente di Copenhagen, secondo cui, a fronte di un complessivo buon andamento della concentrazione di ozono nell’aria a livello continentale, nella passata primavera-estate (il 2009 sarebbe addirittura il miglior anno dal 1997, cioè da quando è attivo il monitoraggio), il Belpaese avrebbe sforato il tetto consentito, la cosiddetta “soglia di informazione” (che obbliga a notificare il rischio), per ben 79 giorni di fila. La peggiore media della Ue, senza usare mezzi termini.

Ma non la sola. L’Italia è accompagnata, in questo triste primato, da Grecia e Portogallo che hanno infranto, come noi, il divieto di superare i 180 microgrammi di ozono per metro cubo durante le 24 ore. Una vecchia storia, che registra due situazioni opposte tra Nord e Sud dell’Europa: a partire dalla zona Mitteleuropea, andando in su, infatti tutti i paesi (ad esclusione del Belgio) hanno avuto lo scorso anno livelli accettabili.

L’estate è il periodo più critico per l’emergenza ozono, perché il gas inquinante, che si forma in condizioni climatiche caratterizzate da una forte radiazione solare e una temperatura elevata (in presenza di alta pressione e bassa ventilazione, fenomeni che favoriscono il ristagno e l’accumulo di tali sostanze), incontra in questa stagione la combinazione di caldo e traffico.

I superamenti degli scorsi mesi, in Italia, sono stati corposi e hanno interessato il 50,6% della popolazione, contro una media europea del 17,2%. Nel 2008 la percentuale era stata del 48,6%, contro una media europea del 13,1%. Si tratta di valori comunque inferiori al 2007 (66,3%) e al 2006 (66,7%), ma non rappresentano decrementi sufficienti per salvare da un pesante inquinamento l’aria che respiriamo.

Le aree più colpite della Penisola sono state, come sempre, la Pianura Padana e alcune aree metropolitane del Lazio e della Campania. Le categorie di popolazione più esposte sono i bambini, gli anziani, i soggetti asmatici e chi è affetto da sindromi cardiovascolari o polmonari. Alte concentrazioni di questo gas serra possono avere infatti effetti nocivi sulle vie respiratorie e provocare una maggiore frequenza di crisi asmatiche e malattie, ma anche cefalea e disturbi del sonno, nonché irritazione a occhi e gola.  Un problema che merita tutta l’attenzione delle istituzioni, tenute infatti, per legge, a comunicare ai cittadini se e quando si stanno verificando situazioni critiche per inquinamento da ozono.

Altro noto punto debole per l’Italia sono i rifiuti. Un problema che ci ha visti ai penultimi posti della classifica per le politiche di smaltimento e gestione (non parliamo di riciclo). Stavolta però siamo incredibilmente i primi, addirittura anticipando gli altri paesi dell’Unione. Dopo la sonora bacchettata da parte della Corte di Giustizia UE di Lussemburgo (che in termini giuridici equivale ad una condanna per il mancato controllo dei rifiuti in Campania), il Ministero per l’Ambiente ha annunciato che entro l’estate disporrà un DDL per recepire, con 6 mesi di anticipo rispetto alla scadenza, la direttiva europea Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, varato nel dicembre 2008, che propone “un quadro giuridico volto a controllare tutto il ciclo dei rifiuti, dalla produzione allo smaltimento, ponendo l’accento sul recupero e il riciclaggio” – come si legge nel sito della Commissione Europea.

“Fino a questo momento non abbiamo mai considerato i rifiuti come una risorsa”, ha commentato ieri il capo della segreteria tecnica, Luigi Pelaggi, “mentre dobbiamo muoverci in questo senso, soprattutto per quanto riguarda il
riciclaggio”. Buoni i propositi, ora attendiamo i risultati.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende