Home » Nazionali »Politiche » Ozono e rifiuti: maglia nera e maglia rosa per l’Italia:

Ozono e rifiuti: maglia nera e maglia rosa per l’Italia

marzo 8, 2010 Nazionali, Politiche

Smog City, Courtesy of Joris Besseling, Flickr.comUna notizia buona, una cattiva. L’Italia in quanto a primati si distingue sempre. Iniziamo da quella cattiva: il nostro paese è maglia nera europea nella lotta all’ozono - non quello “buono” della stratosfera, che protegge la pelle dalle radiazioni ultraviolette del sole, ma quello “cattivo”, ovvero il gas serra presente, in limitata quantità, nella parte bassa dell’atmosfera, che costituisce uno dei principali componenti dello smog delle città.

E’ quanto riporta l’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente di Copenhagen, secondo cui, a fronte di un complessivo buon andamento della concentrazione di ozono nell’aria a livello continentale, nella passata primavera-estate (il 2009 sarebbe addirittura il miglior anno dal 1997, cioè da quando è attivo il monitoraggio), il Belpaese avrebbe sforato il tetto consentito, la cosiddetta “soglia di informazione” (che obbliga a notificare il rischio), per ben 79 giorni di fila. La peggiore media della Ue, senza usare mezzi termini.

Ma non la sola. L’Italia è accompagnata, in questo triste primato, da Grecia e Portogallo che hanno infranto, come noi, il divieto di superare i 180 microgrammi di ozono per metro cubo durante le 24 ore. Una vecchia storia, che registra due situazioni opposte tra Nord e Sud dell’Europa: a partire dalla zona Mitteleuropea, andando in su, infatti tutti i paesi (ad esclusione del Belgio) hanno avuto lo scorso anno livelli accettabili.

L’estate è il periodo più critico per l’emergenza ozono, perché il gas inquinante, che si forma in condizioni climatiche caratterizzate da una forte radiazione solare e una temperatura elevata (in presenza di alta pressione e bassa ventilazione, fenomeni che favoriscono il ristagno e l’accumulo di tali sostanze), incontra in questa stagione la combinazione di caldo e traffico.

I superamenti degli scorsi mesi, in Italia, sono stati corposi e hanno interessato il 50,6% della popolazione, contro una media europea del 17,2%. Nel 2008 la percentuale era stata del 48,6%, contro una media europea del 13,1%. Si tratta di valori comunque inferiori al 2007 (66,3%) e al 2006 (66,7%), ma non rappresentano decrementi sufficienti per salvare da un pesante inquinamento l’aria che respiriamo.

Le aree più colpite della Penisola sono state, come sempre, la Pianura Padana e alcune aree metropolitane del Lazio e della Campania. Le categorie di popolazione più esposte sono i bambini, gli anziani, i soggetti asmatici e chi è affetto da sindromi cardiovascolari o polmonari. Alte concentrazioni di questo gas serra possono avere infatti effetti nocivi sulle vie respiratorie e provocare una maggiore frequenza di crisi asmatiche e malattie, ma anche cefalea e disturbi del sonno, nonché irritazione a occhi e gola.  Un problema che merita tutta l’attenzione delle istituzioni, tenute infatti, per legge, a comunicare ai cittadini se e quando si stanno verificando situazioni critiche per inquinamento da ozono.

Altro noto punto debole per l’Italia sono i rifiuti. Un problema che ci ha visti ai penultimi posti della classifica per le politiche di smaltimento e gestione (non parliamo di riciclo). Stavolta però siamo incredibilmente i primi, addirittura anticipando gli altri paesi dell’Unione. Dopo la sonora bacchettata da parte della Corte di Giustizia UE di Lussemburgo (che in termini giuridici equivale ad una condanna per il mancato controllo dei rifiuti in Campania), il Ministero per l’Ambiente ha annunciato che entro l’estate disporrà un DDL per recepire, con 6 mesi di anticipo rispetto alla scadenza, la direttiva europea Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, varato nel dicembre 2008, che propone “un quadro giuridico volto a controllare tutto il ciclo dei rifiuti, dalla produzione allo smaltimento, ponendo l’accento sul recupero e il riciclaggio” – come si legge nel sito della Commissione Europea.

“Fino a questo momento non abbiamo mai considerato i rifiuti come una risorsa”, ha commentato ieri il capo della segreteria tecnica, Luigi Pelaggi, “mentre dobbiamo muoverci in questo senso, soprattutto per quanto riguarda il
riciclaggio”. Buoni i propositi, ora attendiamo i risultati.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

gennaio 23, 2017

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

Dal lunedì al venerdì (escluso il periodo di Pasqua dal 24 al 29 marzo) tutti coloro che si recheranno a sciare nella stazione piemontese di Bardonecchia, utilizzando i treni in partenza da Torino potranno ritirare l’”ecoskipass” al prezzo speciale di 26€, anziché 36€. Sarà sufficiente presentare il biglietto del treno all’ufficio skipass di Piazza Europa (proprio di fronte [...]

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende