Home » Nazionali »Politiche » Ozono e rifiuti: maglia nera e maglia rosa per l’Italia:

Ozono e rifiuti: maglia nera e maglia rosa per l’Italia

marzo 8, 2010 Nazionali, Politiche

Smog City, Courtesy of Joris Besseling, Flickr.comUna notizia buona, una cattiva. L’Italia in quanto a primati si distingue sempre. Iniziamo da quella cattiva: il nostro paese è maglia nera europea nella lotta all’ozono - non quello “buono” della stratosfera, che protegge la pelle dalle radiazioni ultraviolette del sole, ma quello “cattivo”, ovvero il gas serra presente, in limitata quantità, nella parte bassa dell’atmosfera, che costituisce uno dei principali componenti dello smog delle città.

E’ quanto riporta l’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente di Copenhagen, secondo cui, a fronte di un complessivo buon andamento della concentrazione di ozono nell’aria a livello continentale, nella passata primavera-estate (il 2009 sarebbe addirittura il miglior anno dal 1997, cioè da quando è attivo il monitoraggio), il Belpaese avrebbe sforato il tetto consentito, la cosiddetta “soglia di informazione” (che obbliga a notificare il rischio), per ben 79 giorni di fila. La peggiore media della Ue, senza usare mezzi termini.

Ma non la sola. L’Italia è accompagnata, in questo triste primato, da Grecia e Portogallo che hanno infranto, come noi, il divieto di superare i 180 microgrammi di ozono per metro cubo durante le 24 ore. Una vecchia storia, che registra due situazioni opposte tra Nord e Sud dell’Europa: a partire dalla zona Mitteleuropea, andando in su, infatti tutti i paesi (ad esclusione del Belgio) hanno avuto lo scorso anno livelli accettabili.

L’estate è il periodo più critico per l’emergenza ozono, perché il gas inquinante, che si forma in condizioni climatiche caratterizzate da una forte radiazione solare e una temperatura elevata (in presenza di alta pressione e bassa ventilazione, fenomeni che favoriscono il ristagno e l’accumulo di tali sostanze), incontra in questa stagione la combinazione di caldo e traffico.

I superamenti degli scorsi mesi, in Italia, sono stati corposi e hanno interessato il 50,6% della popolazione, contro una media europea del 17,2%. Nel 2008 la percentuale era stata del 48,6%, contro una media europea del 13,1%. Si tratta di valori comunque inferiori al 2007 (66,3%) e al 2006 (66,7%), ma non rappresentano decrementi sufficienti per salvare da un pesante inquinamento l’aria che respiriamo.

Le aree più colpite della Penisola sono state, come sempre, la Pianura Padana e alcune aree metropolitane del Lazio e della Campania. Le categorie di popolazione più esposte sono i bambini, gli anziani, i soggetti asmatici e chi è affetto da sindromi cardiovascolari o polmonari. Alte concentrazioni di questo gas serra possono avere infatti effetti nocivi sulle vie respiratorie e provocare una maggiore frequenza di crisi asmatiche e malattie, ma anche cefalea e disturbi del sonno, nonché irritazione a occhi e gola.  Un problema che merita tutta l’attenzione delle istituzioni, tenute infatti, per legge, a comunicare ai cittadini se e quando si stanno verificando situazioni critiche per inquinamento da ozono.

Altro noto punto debole per l’Italia sono i rifiuti. Un problema che ci ha visti ai penultimi posti della classifica per le politiche di smaltimento e gestione (non parliamo di riciclo). Stavolta però siamo incredibilmente i primi, addirittura anticipando gli altri paesi dell’Unione. Dopo la sonora bacchettata da parte della Corte di Giustizia UE di Lussemburgo (che in termini giuridici equivale ad una condanna per il mancato controllo dei rifiuti in Campania), il Ministero per l’Ambiente ha annunciato che entro l’estate disporrà un DDL per recepire, con 6 mesi di anticipo rispetto alla scadenza, la direttiva europea Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, varato nel dicembre 2008, che propone “un quadro giuridico volto a controllare tutto il ciclo dei rifiuti, dalla produzione allo smaltimento, ponendo l’accento sul recupero e il riciclaggio” – come si legge nel sito della Commissione Europea.

“Fino a questo momento non abbiamo mai considerato i rifiuti come una risorsa”, ha commentato ieri il capo della segreteria tecnica, Luigi Pelaggi, “mentre dobbiamo muoverci in questo senso, soprattutto per quanto riguarda il
riciclaggio”. Buoni i propositi, ora attendiamo i risultati.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende