Home » Nazionali »Politiche » Ozono e rifiuti: maglia nera e maglia rosa per l’Italia:

Ozono e rifiuti: maglia nera e maglia rosa per l’Italia

marzo 8, 2010 Nazionali, Politiche

Smog City, Courtesy of Joris Besseling, Flickr.comUna notizia buona, una cattiva. L’Italia in quanto a primati si distingue sempre. Iniziamo da quella cattiva: il nostro paese è maglia nera europea nella lotta all’ozono - non quello “buono” della stratosfera, che protegge la pelle dalle radiazioni ultraviolette del sole, ma quello “cattivo”, ovvero il gas serra presente, in limitata quantità, nella parte bassa dell’atmosfera, che costituisce uno dei principali componenti dello smog delle città.

E’ quanto riporta l’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente di Copenhagen, secondo cui, a fronte di un complessivo buon andamento della concentrazione di ozono nell’aria a livello continentale, nella passata primavera-estate (il 2009 sarebbe addirittura il miglior anno dal 1997, cioè da quando è attivo il monitoraggio), il Belpaese avrebbe sforato il tetto consentito, la cosiddetta “soglia di informazione” (che obbliga a notificare il rischio), per ben 79 giorni di fila. La peggiore media della Ue, senza usare mezzi termini.

Ma non la sola. L’Italia è accompagnata, in questo triste primato, da Grecia e Portogallo che hanno infranto, come noi, il divieto di superare i 180 microgrammi di ozono per metro cubo durante le 24 ore. Una vecchia storia, che registra due situazioni opposte tra Nord e Sud dell’Europa: a partire dalla zona Mitteleuropea, andando in su, infatti tutti i paesi (ad esclusione del Belgio) hanno avuto lo scorso anno livelli accettabili.

L’estate è il periodo più critico per l’emergenza ozono, perché il gas inquinante, che si forma in condizioni climatiche caratterizzate da una forte radiazione solare e una temperatura elevata (in presenza di alta pressione e bassa ventilazione, fenomeni che favoriscono il ristagno e l’accumulo di tali sostanze), incontra in questa stagione la combinazione di caldo e traffico.

I superamenti degli scorsi mesi, in Italia, sono stati corposi e hanno interessato il 50,6% della popolazione, contro una media europea del 17,2%. Nel 2008 la percentuale era stata del 48,6%, contro una media europea del 13,1%. Si tratta di valori comunque inferiori al 2007 (66,3%) e al 2006 (66,7%), ma non rappresentano decrementi sufficienti per salvare da un pesante inquinamento l’aria che respiriamo.

Le aree più colpite della Penisola sono state, come sempre, la Pianura Padana e alcune aree metropolitane del Lazio e della Campania. Le categorie di popolazione più esposte sono i bambini, gli anziani, i soggetti asmatici e chi è affetto da sindromi cardiovascolari o polmonari. Alte concentrazioni di questo gas serra possono avere infatti effetti nocivi sulle vie respiratorie e provocare una maggiore frequenza di crisi asmatiche e malattie, ma anche cefalea e disturbi del sonno, nonché irritazione a occhi e gola.  Un problema che merita tutta l’attenzione delle istituzioni, tenute infatti, per legge, a comunicare ai cittadini se e quando si stanno verificando situazioni critiche per inquinamento da ozono.

Altro noto punto debole per l’Italia sono i rifiuti. Un problema che ci ha visti ai penultimi posti della classifica per le politiche di smaltimento e gestione (non parliamo di riciclo). Stavolta però siamo incredibilmente i primi, addirittura anticipando gli altri paesi dell’Unione. Dopo la sonora bacchettata da parte della Corte di Giustizia UE di Lussemburgo (che in termini giuridici equivale ad una condanna per il mancato controllo dei rifiuti in Campania), il Ministero per l’Ambiente ha annunciato che entro l’estate disporrà un DDL per recepire, con 6 mesi di anticipo rispetto alla scadenza, la direttiva europea Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, varato nel dicembre 2008, che propone “un quadro giuridico volto a controllare tutto il ciclo dei rifiuti, dalla produzione allo smaltimento, ponendo l’accento sul recupero e il riciclaggio” – come si legge nel sito della Commissione Europea.

“Fino a questo momento non abbiamo mai considerato i rifiuti come una risorsa”, ha commentato ieri il capo della segreteria tecnica, Luigi Pelaggi, “mentre dobbiamo muoverci in questo senso, soprattutto per quanto riguarda il
riciclaggio”. Buoni i propositi, ora attendiamo i risultati.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende