Home » Nazionali »Politiche » Parchi naturali: la persecuzione continua:

Parchi naturali: la persecuzione continua

luglio 26, 2010 Nazionali, Politiche

I giudici della Corte CostituzionaleSembra grottesco, ma proprio nell’Anno Internazionale della Biodiversità, direttori e presidenti dei parchi italiani, invece di potersi concentrare sui progetti di tutela e valorizzazione dell’ambiente naturale, devono indossare i panni del contabile e dell’avvocato per parare i colpi “istituzionali” che arrivano da ogni parte.

Abbiamo parlato venerdì, con il direttore del Gran Paradiso, del taglio dei trasferimenti ministeriali ai parchi nazionali, previsto dalla finanziaria. Ma anche i parchi regionali sembrano avere i loro bei problemi. 

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 193 del 4 giugno 2010, ha infatti accolto il ricorso della Presidenza del Consiglio contro la legge regionale 19/2009 della Regione Piemonte, il Testo Unico sulla Tutela delle Aree Naturali e della Biodiversità, che istituiva e disciplinava le Zone di Salvaguardia, ovvero quelle aree di connessione, tra le aree protette, necessarie a garantire continuità territoriale ai progetti avviati dagli enti di gestione.

Il Parco del Po Torinese, ci spiega il direttore Ippolito Ostellino, ha ora presentato all’assessorato competente della Regione Piemonte, una proposta per il mantenimento di queste aree – per scongiurare il mero adeguamento alla sentenza di incostituzionalità attraverso un nuovo status giuridico, compatibile con la normativa nazionale, ma che consenta di conservarne inalterate le funzioni fondamentali.

Potrebbe sembrare una questione di lana caprina, inaccessibile e priva di ricadute pratiche per il cittadino, ma non è così

A differenza di tutti gli altri casi regionali, fa infatti notare il Presidente dell’Ente Parco, Piergiorgio Bevione, nella mozione inviata all’Assessore William Casoni, il progetto di tutela e valorizzazione della fascia fluviale del Po si basa sulla costruzione di un sistema integrato, omogeneo e continuo di territori che ricomprende tutta l’area piemontese del fiume, pur modulandone il livello di protezione fra le Riserve Naturali e, appunto, le Zone di Salvaguardia, che rappresentano il tessuto connettivo di collegamento del fiume con le realtà circostanti, costituendo un vero e proprio corridoio territoriale ed ambientale, sul modello dei migliori esempi europei.

La trasformazione delle Zone di Salvaguardia, bocciate dalla Corte, in Aree Contigue – una categoria analoga contemplata dalla normativa nazionale - consentirebbe di salvare i progetti e le convenzioni in corso, senza sconvolgere e danneggiare il lavoro portato avanti dal Parco negli ultimi anni: dal progetto Corona Verde, al Contratto di Fiume del Torrente Sangone, ai progetti di valorizzazione e marketing territoriale avviati con il marchio turistico Po Confluenze Nord Ovest, alla riqualificazione dei laghi interessati dalle attività estrattive prevista, insieme all’Unione Industriale, dal protocollo Po dei Laghi, al rilancio e alla promozione turistica di opere come il Canale Cavour, punto di partenza di una possibile pista ciclabile tra Chivasso e Milano. Ma soprattutto consentirebbe di mantenere la validitià delle convenzioni con le cave, le società estrattive, che oggi sono – dopo i trasferimenti regionali – la principale forma di finanziamento degli enti di gestione delle aree protette.

“Se il governo si affiderà concretamente a noi per strategie pluriennali”, hanno affermato con orgoglio i dirigenti dei parchi nel sit-in di venerdì scorso a Roma, “le aree protette sapranno dimostrare, in maniera più efficace, l’enorme beneficio in termini di conservazione e sviluppo socio-economico sostenibile”. I Parchi non sono più, nella visione dei nuovi direttori – molto spesso manager qualificati e intraprendenti (e non ecologisti intransigenti e bombaroli) - delle aree da preservare incontaminate sotto una campana di vetro, ma delle eccezionali risorse turistiche ed economiche per il territorio. Per cortesia, lasciateli lavorare!

Andrea Gandiglio

Si veda anche, per completezza di informazione: “Manovra: Federparchi si complimenta con Prestigiacomo sui finanziamenti ai parchi“, Parks.it, 28 luglio 2010

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende