Home » Internazionali »Politiche » Prima settimana a Cancun: la gara a fare peggio:

Prima settimana a Cancun: la gara a fare peggio

dicembre 6, 2010 Internazionali, Politiche

Cancun, Courtesy of COP 16, Flickr.comLa prima settimana negoziale della Conferenza di Cancun sul Clima (COP 16) non ha visto sostanziali passi avanti nei negoziati: gli argomenti in campo sono ancora molti, dai finanziamenti ai Paesi in via di sviluppo, al futuro dei progetti Clean Development Mechanism del Protocollo di Kyoto, alla lotta alla deforestazione.

Non è stata assunta nessuna decisione di rilievo, forse perché fino ad ora a Cancun ci sono stati soltanto i team di negoziatori, i cosiddetti ”sherpa”, mentre i Ministri sono arrivati solamente negli ultimi giorni e inizieranno a partecipare alle sessioni negoziali da domani. I Ministri dovranno valutare e discutere i due nuovi testi negoziali frutto del lavoro dei gruppi (Ad Hoc Working Group on Further Commitments for Annex I Parties under the Kyoto Protocol e Ad Hoc Working Group on Long-term Cooperative Action under the Convention).

Nei primi giorni della conferenza, alcuni Stati si sono tristemente distinti per l’assoluta mancanza di cooperazione e volontà di portare a termine i negoziati: anche quest’anno infatti, come a Copenhagen, ogni giorno sono stati assegnati i Fossil of the Day Award ai Paesi che più si sono impegnati per ostacolare le negoziazioni. Il primo giorno il Canada (ormai lontanto dall’euforia dei Greenest Games di Vancouver) è riuscito nell’impresa storica di vincere il primo, il secondo e addirittura il terzo premio di questi Awards! Il paese nordamericano infatti, non solo non ha dato, durante l’ultimo anno, alcun contributo ai negoziati, ma non ha nemmeno preparato un piano di riduzione delle emissioni di CO2 (perchè rinunicare alle sabbie bituminose dell’Alberta?) e, come se ciò non bastasse, sta cancellando i piani per supportare le energie rinnovabili e altre misure di efficienza energetica.

Anche il Giappone ha ricevuto un Fossil Fuel Award, la cui motivazione recita così: “proprio quando c’è bisogno di spirito di leadership, lo Stato natale del Protocollo di Kyoto rilascia una dichiarazione distruttiva nella sessione plenaria dell’Ad Hoc Working Group on the Kyoto Protocol Cancun, ovvero che in nessuna circostanza il Giappone iscriverà il proprio obiettivo sotto [una nuova fase] del Protocollo di Kyoto”.

Un altro Award è stato poi assegnato agli Stati che hanno proposto di far rientrare i progetti Carbon Capture and Storage nel Clean Development Mechanism del Protocollo di Kyoto e alle proposte di trasportabilità delle vecchie quote del primo periodo Kyoto (fino al 2012) nel nuovo periodo, permettendo così ad alcune nazioni che hanno ricevuto un ammontare di crediti eccessivo nella prima fase Kyoto di usufruirne successivamente.

Nonostante le difficoltà i negoziati vanno avanti. Resta da sperare che da domani si cominci a fare sul serio. Possibile?

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende