Home » Nazionali »Politiche » Referendum sul nucleare: partono le campagne ambientaliste per l’election day:

Referendum sul nucleare: partono le campagne ambientaliste per l’election day

marzo 10, 2011 Nazionali, Politiche

Courtesy of fermiamoilnucleare.itAncora non si sa la data, ma l’appuntamento è di quelli cruciali. Dopo aver già detto sì all’abolizione del nucleare nel 1987, questa primavera i cittadini italiani saranno chiamati a esprimersi di nuovo sull’energia atomica.  Nel 2008, il governo ha infatti varato una legge che prevede il rilancio del nucleare nei prossimi anni. Ed è partita una grossa campagna a favore dell’atomo, finanziata, in buona parte, attraverso la Ong Forum nucleare italiano e culminata in un giudizio di sospensione da parte del Giurì di Autodisciplina Pubblicitaria, che ha ritenuto il noto spot dei gemelli scacchisti “comunicazione commerciale ingannevole“.

Ma torniamo al referendum. L’anno scorso, l’Italia dei valori ha presentato una proposta per chiedere l’abrogazione della legge sulla costruzione di nuove centrali, accompagnata da altri quesiti sulla privatizzazione dell’acqua e la cancellazione del legittimo impedimento. La Cassazione ha dato il via libera a dicembre 2010, e il 12 gennaio anche la Corte Costituzionale ha giudicato ammissibili quattro dei sei quesiti presentati, scartandone due che riguardavano la gestione del servizio idrico.

Il referendum si svolgerà  dunque tra maggio e la data limite del 15 giugno. Il giorno esatto sarà deciso dal Consiglio dei Ministri entro la fine di aprile. Ma su questo, prima ancora che sul contenuto dei quesiti, si è già levato un acceso dibattito. L’idea più “logica”, sostenuta dalle associazioni ambientaliste e dal comitato Vota SI per fermare il nucleare, sembrerebbe quella di accorpare il referendum alle elezioni amministrative, che si terranno in molte città italiane il 15 e il 16 maggio, o al referendum del 29.

Il ministro dell’Interno Roberto Maroni si è detto però contrario all’ipotesi di un election day, che potrebbe confondere le idee ai votanti, indicando invece come data ideale il 12 giugno. «Questo sdoppiamento di date renderà  più difficile la partecipazione democratica e costerà allo stato dai 300 ai 400 milioni di euro in più», spiega Salvatore Barbera, nuovo coordinatore della campagna contro il nucleare di Greenpeace.

La questione dell’election day, del raggiungimento del quorum e del risparmio per lo stato è dunque diventata oggetto di una petizione promossa dall’associazione, la prima battaglia di una campagna che si annuncia intensa e impegnativa.  «Con 400 milioni di euro si potrebbero installare impianti eolici per dare energia a circa 200.000 famiglie italiane», scrive Greenpeace. L’appello, lanciato giovedì 3 marzo - data fatidica del decreto Romani – è già stato firmato da più di 36.000 persone: «Secondo gli ultimi dati a nostra disposizione, il 62% degli italiani continua a essere contrario al nucleare, il 22% a favore, il resto sono indecisi. Pare dunque che le campagne pro-atomo siano riuscite a spostare una parte minima dei cittadini, nell’ordine del 2-3%. I presupposti per una vittoria del sì ci sono tutti, adesso bisogna portare le persone alle urne. E i cittadini stessi vogliono essere messi nelle condizioni migliori per esercitare il loro diritto al voto su un tema importante come questo», continua Barbera.

Le associazioni ambientaliste, riunite nel Comitato “Vota SI per fermare il nucleare”, scaldano dunque i motori per le nuove campagne, con un’azione capillare che indubbiamente manca sul fronte avverso. «Stiamo coinvolgendo i comitati locali su tutto il territorio. Chiunque vuole partecipare può contattare Greenpeace, Legambiente o il Wwf per sapere qual è il gruppo più vicino. Tra meno di un mese, partiremo con iniziative di alto profilo. È importante però che i media inizino a parlare dell’argomento. Se non si fa informazione le persone non partecipano», ci tiene a sottolineare Barbera.

Ma quali sono i motivi principali per cui i cittadini italiani dovrebbero votare per l’abrogazione della legge sul rilancio dell’energia atomica? «Prima di tutto, c’è il fatto che questo tipo di energia era adatto a un sistema centralizzato, e non di libero mercato come è adesso in Italia. Una centrale rimane in vita per decenni, non consente cambiamenti di strategia dopo qualche anno, e per costruirla servono 6 miliardi di euro. L’Italia investe in nucleare proprio mentre gli altri Paesi guardano a un futuro in cui gran parte dell’energia sarà prodotta da fonti rinnovabili. C’è poi il problema delle scorie, che ancora non è stato risolto. E non dobbiamo dimenticarci dell’incidenza dell’atomo sulla salute: nel 2009, uno studio tedesco ha dimostrato che in prossimità di una centrale ci sono il 120% in più di leucemie infantili e il 60% in più di tumori solidi». L’interesse da parte dei cittadini, sottolinea Barbera, c’è ed è forte: «A questo punto è importante che anche i telegiornali e i programmi di approfondimento inizino a occuparsi della questione. Da parte nostra, noi siamo pronti anche a discutere con il Forum Nucleare».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende