Home » Internazionali »Politiche » Rio +20: tra senso di fallimento e frustrazione dell’ONU. Ma la green economy non si ferma:

Rio +20: tra senso di fallimento e frustrazione dell’ONU. Ma la green economy non si ferma

giugno 25, 2012 Internazionali, Politiche

Alla fine, dopo l’impegno delle Nazioni Unite, il lungo e paziente lavoro degli sherpa internazionali e i 150 milioni di dollari spesi per mettere in piedi la macchina organizzativa, il summit di Rio+20 sullo sviluppo sostenibile non ha dato i risultati sperati. Il documento siglato dai 191 capi di stato, dal titolo “Il futuro che vogliamo”, contiene infatti numerose dichiarazioni di principio, ma nessun obiettivo concreto e vincolante. Nella dichiarazione conclusiva c’è infatti l’impegno a difendere la necessità di un’economia verde, ma, a causa delle resistenze dei Paesi in via di sviluppo, che temono un protezionismo mascherato dei ricchi, si evita qualsiasi “regola rigida”, rispettando anzi “la sovranità nazionale” di ciascun stato.

Un fallimento che per le Nazioni Unite è piuttosto frustrante. I negoziatori hanno preparato per anni il summit, in cui erano riposte le speranze di molti, e alla fine il risultato ha deluso le aspettative di osservatori internazionali e Ong. Un gruppo di associazioni, esperti, imprenditori ed economisti, in una lettera al segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon, ha scritto che il vertice “passerà alla storia come una conferenza Onu che propone alla società mondiale un testo segnato da gravi omissioni, che mettono a rischio la preservazione e la capacità di ripresa socio-ambientale del pianeta”. Lacune certamente non attribuibili solo alle Nazioni Unite, ma che nei corridoi del Palazzo di Vetro pesano come macigni.

La delusione per un documento considerato da molti “senz’anima”, era del resto evidente già nelle parole del Segretario Generale, che in apertura del vertice, il 20 giugno, non aveva usato mezzi termini: “Molte proposte – aveva detto Ban Ki-Moon – erano ambiziose, ma ogni Paese ha i suoi interessi in gioco. I negoziati sono stati molto difficili. Personalmente, mi aspettavo un documento finale più ambizioso”.

Ma perché, nonostante la buona volontà degli organizzatori, questi grandi vertici, che generano aspettative globali altissime nella popolazione mondiale, non funzionano? Le cause, a quanto pare, vanno ricercate proprio nell’esistenza di troppi interessi contrapposti, troppi veti incrociati, timori e diffidenze. In sintesi: l’ONU e gli sherpa fanno coscienziosamente il loro lavoro, ma quando gli accordi arrivano sul piatto dei leaders politici tutto si ferma e si complica. Un funzionario Onu, che preferisce rimanere anonimo, ci spiega: “Eventi così importanti sono molto complessi. Il tema dello sviluppo sostenibile richiede un concorso di obiettivi che va molto al di là delle Nazioni Unite”. Il risultato, a Rio, è stato “un documento molto blando, di compromesso, su cui ha influito sicuramente la grave crisi economica e finanziaria. Non ci sono dettagli su meccanismi di attuazione degli obiettivi, committment, finanziamenti”. Per il funzionario Onu, “gli aspetti da considerare sono tanti, a partire dalla pressione demografica sull’ambiente: nel 1992 eravamo 5,5 miliardi, oggi siamo 7 e il trend è di un ulteriore aumento della popolazione mondiale. Serve uno sforzo collettivo: se le persone chiedono di più, devono anche dare di più”. E ai fattori sociali si aggiungono “le forze economiche che muovono il mondo”: “Hanno spinto i negoziati in una certa direzione, perché lo sviluppo sostenibile è ancora oggi una tematica difficile da affrontare”. Se non si sono raggiunti gli obiettivi che ci aspettavamo da 20 anni, in definitiva, ammette l’intervistato “questo è dovuto sicuramente all’Onu, che potrebbe lavorare meglio, ma non esclusivamente. L’Onu è in mezzo a tanti interessi e tendenze, ma ad aver fallito è tutto il sistema. Le Nazioni Unite hanno i loro homeworks, i compiti a casa, ma non siamo gli unici a doverli fare”.

Rimandata a settembre“, l’Onu i suoi compiti ha comunque già iniziato a farli da tempo, impegnandosi, se non altro, a “razzolare” (oltre che predicare) bene, ovvero a migliorare la sostenibilità interna delle proprie strutture e agenzie.  E’ infatti dal 2007, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, che Ban Ki-Moon ha lanciato la strategia Greening the blue, per promuovere concretamente, tra le diverse agenzie, la cultura della sostenibilità ambientale. Si lavora cioè su una riduzione dei viaggi, da cui derivano il 50% delle emissioni delle Nazioni Unite, sulla gestione delle strutture e degli acquisti.

Anche alla sede ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) di Torino, uno dei più importanti centri Onu in Italia, da noi visitato, il lavoro non si è certo fermato per causa di Rio e la messa in pratica dei principi di sostenibilità ambientale prosegue. Giuseppe Zefola, responsabile dell’Internal Administration Service, spiega: “ci stiamo preparando per fare un monitoraggio delle emissioni e abbiamo aderito al programma Eco School della FEE (Foundation for Environmental Education, Ndr), per ottenere la bandiera verde per il nostro campus sulle rive del Po”. Un’attenzione particolare viene posta anche sulla comunicazione interna (“se  riusciamo a canbiare alcune piccoli abitudini dei colleghi in modo più sostenibile, è già un primo risultato”) e sulla formazione. “Organizziamo corsi introduttivi sulla green economy che coinvolgono sia colleghi dell’Agenzia, sia  funzionari di governi, sindacati e organizzazioni patronali. Abbiamo anche un programma di formazione sulle strategie e le azioni locali per il lavoro verde, rivolto in modo particolare agli amministratori locali”, spiega Valter Nebuloni, responsabile Employment Policies and Skills Development della sede torinese dell’ILO. Sul tema sono infatti attive tutte le agenzie Onu: ognuna cura direttamente la formazione e la divulgazione delle tematiche “verdi”. La corsa della green economy non sembra dunque fermarsi nemmeno nel sistema Onu. Nemmeno dopo la batosta brasiliana.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende