Home » Internazionali »Politiche » Rio +20: tra senso di fallimento e frustrazione dell’ONU. Ma la green economy non si ferma:

Rio +20: tra senso di fallimento e frustrazione dell’ONU. Ma la green economy non si ferma

giugno 25, 2012 Internazionali, Politiche

Alla fine, dopo l’impegno delle Nazioni Unite, il lungo e paziente lavoro degli sherpa internazionali e i 150 milioni di dollari spesi per mettere in piedi la macchina organizzativa, il summit di Rio+20 sullo sviluppo sostenibile non ha dato i risultati sperati. Il documento siglato dai 191 capi di stato, dal titolo “Il futuro che vogliamo”, contiene infatti numerose dichiarazioni di principio, ma nessun obiettivo concreto e vincolante. Nella dichiarazione conclusiva c’è infatti l’impegno a difendere la necessità di un’economia verde, ma, a causa delle resistenze dei Paesi in via di sviluppo, che temono un protezionismo mascherato dei ricchi, si evita qualsiasi “regola rigida”, rispettando anzi “la sovranità nazionale” di ciascun stato.

Un fallimento che per le Nazioni Unite è piuttosto frustrante. I negoziatori hanno preparato per anni il summit, in cui erano riposte le speranze di molti, e alla fine il risultato ha deluso le aspettative di osservatori internazionali e Ong. Un gruppo di associazioni, esperti, imprenditori ed economisti, in una lettera al segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon, ha scritto che il vertice “passerà alla storia come una conferenza Onu che propone alla società mondiale un testo segnato da gravi omissioni, che mettono a rischio la preservazione e la capacità di ripresa socio-ambientale del pianeta”. Lacune certamente non attribuibili solo alle Nazioni Unite, ma che nei corridoi del Palazzo di Vetro pesano come macigni.

La delusione per un documento considerato da molti “senz’anima”, era del resto evidente già nelle parole del Segretario Generale, che in apertura del vertice, il 20 giugno, non aveva usato mezzi termini: “Molte proposte – aveva detto Ban Ki-Moon – erano ambiziose, ma ogni Paese ha i suoi interessi in gioco. I negoziati sono stati molto difficili. Personalmente, mi aspettavo un documento finale più ambizioso”.

Ma perché, nonostante la buona volontà degli organizzatori, questi grandi vertici, che generano aspettative globali altissime nella popolazione mondiale, non funzionano? Le cause, a quanto pare, vanno ricercate proprio nell’esistenza di troppi interessi contrapposti, troppi veti incrociati, timori e diffidenze. In sintesi: l’ONU e gli sherpa fanno coscienziosamente il loro lavoro, ma quando gli accordi arrivano sul piatto dei leaders politici tutto si ferma e si complica. Un funzionario Onu, che preferisce rimanere anonimo, ci spiega: “Eventi così importanti sono molto complessi. Il tema dello sviluppo sostenibile richiede un concorso di obiettivi che va molto al di là delle Nazioni Unite”. Il risultato, a Rio, è stato “un documento molto blando, di compromesso, su cui ha influito sicuramente la grave crisi economica e finanziaria. Non ci sono dettagli su meccanismi di attuazione degli obiettivi, committment, finanziamenti”. Per il funzionario Onu, “gli aspetti da considerare sono tanti, a partire dalla pressione demografica sull’ambiente: nel 1992 eravamo 5,5 miliardi, oggi siamo 7 e il trend è di un ulteriore aumento della popolazione mondiale. Serve uno sforzo collettivo: se le persone chiedono di più, devono anche dare di più”. E ai fattori sociali si aggiungono “le forze economiche che muovono il mondo”: “Hanno spinto i negoziati in una certa direzione, perché lo sviluppo sostenibile è ancora oggi una tematica difficile da affrontare”. Se non si sono raggiunti gli obiettivi che ci aspettavamo da 20 anni, in definitiva, ammette l’intervistato “questo è dovuto sicuramente all’Onu, che potrebbe lavorare meglio, ma non esclusivamente. L’Onu è in mezzo a tanti interessi e tendenze, ma ad aver fallito è tutto il sistema. Le Nazioni Unite hanno i loro homeworks, i compiti a casa, ma non siamo gli unici a doverli fare”.

Rimandata a settembre“, l’Onu i suoi compiti ha comunque già iniziato a farli da tempo, impegnandosi, se non altro, a “razzolare” (oltre che predicare) bene, ovvero a migliorare la sostenibilità interna delle proprie strutture e agenzie.  E’ infatti dal 2007, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, che Ban Ki-Moon ha lanciato la strategia Greening the blue, per promuovere concretamente, tra le diverse agenzie, la cultura della sostenibilità ambientale. Si lavora cioè su una riduzione dei viaggi, da cui derivano il 50% delle emissioni delle Nazioni Unite, sulla gestione delle strutture e degli acquisti.

Anche alla sede ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) di Torino, uno dei più importanti centri Onu in Italia, da noi visitato, il lavoro non si è certo fermato per causa di Rio e la messa in pratica dei principi di sostenibilità ambientale prosegue. Giuseppe Zefola, responsabile dell’Internal Administration Service, spiega: “ci stiamo preparando per fare un monitoraggio delle emissioni e abbiamo aderito al programma Eco School della FEE (Foundation for Environmental Education, Ndr), per ottenere la bandiera verde per il nostro campus sulle rive del Po”. Un’attenzione particolare viene posta anche sulla comunicazione interna (“se  riusciamo a canbiare alcune piccoli abitudini dei colleghi in modo più sostenibile, è già un primo risultato”) e sulla formazione. “Organizziamo corsi introduttivi sulla green economy che coinvolgono sia colleghi dell’Agenzia, sia  funzionari di governi, sindacati e organizzazioni patronali. Abbiamo anche un programma di formazione sulle strategie e le azioni locali per il lavoro verde, rivolto in modo particolare agli amministratori locali”, spiega Valter Nebuloni, responsabile Employment Policies and Skills Development della sede torinese dell’ILO. Sul tema sono infatti attive tutte le agenzie Onu: ognuna cura direttamente la formazione e la divulgazione delle tematiche “verdi”. La corsa della green economy non sembra dunque fermarsi nemmeno nel sistema Onu. Nemmeno dopo la batosta brasiliana.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende