Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » WEEE, l’Eurosummit sulla gestione dei rifiuti elettronici:

WEEE, l’Eurosummit sulla gestione dei rifiuti elettronici

In attesa che l’UE vari definitivamente la nuova direttiva sui rifiuti elettronici, i cosiddetti Raee (Rifiuti da apparecchiature elettriche e d elettroniche), gli esperti e gli stakeholder europei si sono dati appuntamento a Roma, per due giorni  di confronto sull’argomento. Alcuni giorni fa, la Commissione Ambiente del Parlamento Europeo ha infatti licenziato la bozza della nuova direttiva, che nei prossimi mesi dovrà ottenere l’approvazione dell’Assemblea, in sessione plenaria, e successivamente l’avvio dei negoziati con il Consiglio Europeo, come prevede l’iter comunitario.

L’Unione chiede obiettivi più ambiziosi e tempi più rapidi per raggiungerli. Gli stati membri, come spesso succede, lottano invece per mantenere autonomia e sottolineano il problema dei “free riders”, cioè coloro che smaltiscono gli e-waste attraverso canali illeciti, di solito esportandoli nei Paesi in Via di Sviluppo. Il WEEE (Waste Electrical and Electronic Equipment) Eurosummit è diventato così un’importante occasione di analisi e confronto, che ha visto i primi tentativi di trovare una mediazione su un problema certo non trascurabile.

Mentre cresce il numero di elettrodomestici, telefonini e apparecchi informatici che riempiono le nostre case, infatti, aumentano anche i Raee, rifiuti ”speciali” che non possono essere trattati come gli altri. Essi infatti contengono spesso sostanze tossiche per l’uomo e l’ambiente, ma anche risorse preziose come metalli e minerali che sarebbe uno spreco non recuperare.

L’Unione Europea ha iniziato a occuparsi del problema del 2000: «Quando abbiamo cominciato – spiega Karl Heinz Florenz, parlamentare europeo e relatore della nuova direttiva sui Raee – non c’era in giro nessun testo, nessuna raccomandazione a livello mondiale su come trattare questi rifiuti. Abbiamo iniziato da zero». L’obiettivo posto dall’Europa è di raccogliere ogni anno almeno 4 chili pro capite di rifiuti elettronici. L’Italia, pur essendosi dotata di un sistema di gestione efficiente, composto da vari consorzi aderenti a un Centro di coordinamento, ha raggiunto l’obiettivo solo nel 2010, mentre la Francia ha raccolto 7 chili, il Regno Unito 7,5, la Germania 8,2, l’Irlanda 9, per non parlare di Paesi molto virtuosi come la Svezia (16) e la Danimarca (25). «La Commissione Europea non ha strumenti per intervenire contro chi ha bassi volumi di raccolta – ha continuato Florenz – ma dico agli stati membri: siate più coraggiosi!».

Quali saranno le principali novità della nuova direttiva? In primo luogo, verranno aumentati i livelli di raccolta. Le ipotesi sono due: l’85% dei Raee prodotti o il 65% della media annua delle apparecchiature immesse sul mercato nei tre anni precedenti. Anche le soglie di riciclo saranno innalzate: tra il 50% e l’80% degli e-waste raccolti. Cambieranno poi le modalità di classificazione (cinque o sei categorie, piuttosto che dieci come adesso) e verranno fissati standard qualitativi e ambientali per le fasi di trattamento, già adottati dal sistema italiano. Si cercherà infine di coinvolgere di più i cittadini, rendendo anche più facili le modalità di conferimento dei rifiuti (oggi si possono consegnare ai negozianti quando si acquista un’apparecchiatura nuova, oppure portare negli appositi centri di raccolta).

«Sono tre i punti chiave che abbiamo affrontato e che rimarranno al centro della discussione – spiega il direttore generale per l’Ambiente della Commissione europea Karl Falkenberg –. In primo luogo la tempistica: i Paesi membri hanno chiesto più tempo per raggiungere i nuovi obiettivi, ma si tratta di risorse preziose e dobbiamo fare in fretta. In secondo luogo, la semplificazione normativa: dobbiamo valutare bene gli effetti economici della legge, dopodiché decideremo se ampliarne la portata. Infine, la semplificazione amministrativa: gli stati membri, in materia di rifiuti, vogliono continuare a operare in autonomia, ma anche questa posizione continua a essere dibattuta. Se non si costituisce un unico registro europeo dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche, sarebbe necessario almeno un allineamento tra i diversi sistemi nazionali».

Altri aspetti su cui il Parlamento Ruropeo dovrà discutere riguardano l’ecodesign (le apparecchiature dovrebbero essere prodotte con materiali sempre più riciclabili), e la lotta ai free riders, gli operatori che, per abbattere i costi, esportano illegalmente i Raee nei Paesi in via di sviluppo. «Greenpeace nel 2008 ha stimato un flusso nascosto di questi rifiuti pari al 75%. A febbraio 2011, la Commissione Europea lo ha quantificato nel 52%, un dato comunque significativo», spiega Vittoria Polidori, responsabile della campagna Inquinamento di Greenpeace Italia. L’associazione, da tempo impegnata nel denunciare proprio i traffici illegali di questi rifiuti, ha anche elaborato una “Eco-guida ai prodotti elettronici verdi”: «Con quel documento – ricorda Polidori - spingemmo aziende come la Apple a eliminare dai loro prodotti sostanze tossiche e dannose per l’ambiente».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende