Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Distretti “green”: l’esperienza lucana:

Distretti “green”: l’esperienza lucana

dicembre 15, 2010 Pratiche, Pubblica Amministrazione

Basilicata, Courtesy of scattidimemoria, Flickr.comNel cuore dell’Italia meridionale sorge uno dei distretti tecnologici più all’avanguardia dell’intera Europa. Non ci credete? La regione che lo ospita è la Basilicata che, contro ogni facile pregiudizio, è una delle regioni più virtuose per la qualità dell’utilizzo delle risorse economiche europee.

La Basilicata, nell’ultimo decennio, è stata in grado di realizzare un vero e proprio distretto tecnologico-industriale incentrato sulla promozione della green economy. La sostenibilità ambientale è il collante che unisce i settori strategici emergenti nel distretto – quali lo sviluppo di energie rinnovabili, le biotecnologie e l’osservazione della Terra – ad ambiti tradizionali dell’economia lucana, come il settore agroalimentare e l’estrazione “nostrana” di gas e petrolio.

I progetti in atto e quelli ancora da implementare sono illustrati nel Piano Strategico Regionale per l’Innovazione e la Ricerca – Regione Basilicata 2007/2013. Tra gli obiettivi fondamentali illustrati nel documento vi è la creazione di un cluster di piccole e medie imprese nell’ambito energetico. Il Piano è inoltre focalizzato sullo sviluppo di settori altamente innovativi, quali quello delle tecnologie per l’osservazione della Terra e dello spazio, per prevenire i disastri naturali e controllare i cambiamenti climatici, quello delle energie rinnovabili e del settore delle agro-biotecnologie. Per la realizzazione dell’intero progetto sono state stanziate risorse finanziarie regionali ed europee per un totale di 376 milioni di euro lungo il periodo 2007-2013.

Le aree geografiche interessate sono l’asse Potenza-Matera, in cui si realizzerà il distretto relativo all’osservazione delle Terra, la Val d’Agri, che costituisce la più grande riserva di combustibili fossili d’Europa (il petrolio estraibile è stato stimato a circa 2,5 milioni di barili), il Metapontino e la Valle del Basento, in cui sono nati centri di ricerca per le biotecnologie green e le energie rinnovabili.

Le attività del distretto “spaziale” sono state presentate in occasione di una tavola rotonda sull’esperienza lucana che si è svolta a Bruxelles lo scorso 8 dicembre. Si tratta di un sistema “a Tripla Elica”, composto da una rete di piccole e medie imprese, centri di ricerca e dipartimenti universitari, specializzati nelle tecnologie satellitari, nel monitoraggio ambientale, nella ricerca sismica e nella previsione ed attenuazione dei rischi legati alle catastrofi naturali. I partner pubblici e privati, che con la loro collaborazione sostengono il distretto, sono il Centro di Geodesia Spaziale, Telespazio, Enea, l’Università degli Studi della Basilicata e il Centro Nazionale delle Ricerche.

Oltre ad essere un “contenitore” per lavoratori altamente specializzati (al momento oltre mille persone ci lavorano) nonché una calamita che attrae investimenti dall’estero, il cluster sull’osservazione della Terra è soprattutto un esempio di distretto tecnologico ad alta vocazione “green”, ovvero orientato a quella green economy grazie alla quale si potrebbero realizzare, soprattutto al Sud, un miglioramento della qualità della vita e maggiori posti di lavoro.

Per quanto riguarda l’ambiente e il settore energetico, la collaborazione con ENEA (l’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile) vedrà l’implementazione di attività di ricerca legate principalmente al problema della desertificazione. L’Unità Tecnica UTAGRI – ENEA sta già lavorando, a stretto contatto con agronomi, biologi, chimici e fisici, in sei differenti centri di ricerca lucani, per creare un approccio olistico a questo complesso problema. Ma la collaborazione con ENEA è solo uno dei tanti esempi di multidisciplinarità e condivisione del lavoro che caratterizzano il modus operandi del distretto, uno spazio in cui si creano solidi legami tra scienziati, aziende high-tech e amministrazioni locali. La Basilicata ha deciso di puntare su questo modello per la sua crescita economica, aspirando a diventare una delle regioni italiane maggiormente coinvolte nell’economia eco-sostenibile.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende