Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Distretti “green”: l’esperienza lucana:

Distretti “green”: l’esperienza lucana

dicembre 15, 2010 Pratiche, Pubblica Amministrazione

Basilicata, Courtesy of scattidimemoria, Flickr.comNel cuore dell’Italia meridionale sorge uno dei distretti tecnologici più all’avanguardia dell’intera Europa. Non ci credete? La regione che lo ospita è la Basilicata che, contro ogni facile pregiudizio, è una delle regioni più virtuose per la qualità dell’utilizzo delle risorse economiche europee.

La Basilicata, nell’ultimo decennio, è stata in grado di realizzare un vero e proprio distretto tecnologico-industriale incentrato sulla promozione della green economy. La sostenibilità ambientale è il collante che unisce i settori strategici emergenti nel distretto – quali lo sviluppo di energie rinnovabili, le biotecnologie e l’osservazione della Terra – ad ambiti tradizionali dell’economia lucana, come il settore agroalimentare e l’estrazione “nostrana” di gas e petrolio.

I progetti in atto e quelli ancora da implementare sono illustrati nel Piano Strategico Regionale per l’Innovazione e la Ricerca – Regione Basilicata 2007/2013. Tra gli obiettivi fondamentali illustrati nel documento vi è la creazione di un cluster di piccole e medie imprese nell’ambito energetico. Il Piano è inoltre focalizzato sullo sviluppo di settori altamente innovativi, quali quello delle tecnologie per l’osservazione della Terra e dello spazio, per prevenire i disastri naturali e controllare i cambiamenti climatici, quello delle energie rinnovabili e del settore delle agro-biotecnologie. Per la realizzazione dell’intero progetto sono state stanziate risorse finanziarie regionali ed europee per un totale di 376 milioni di euro lungo il periodo 2007-2013.

Le aree geografiche interessate sono l’asse Potenza-Matera, in cui si realizzerà il distretto relativo all’osservazione delle Terra, la Val d’Agri, che costituisce la più grande riserva di combustibili fossili d’Europa (il petrolio estraibile è stato stimato a circa 2,5 milioni di barili), il Metapontino e la Valle del Basento, in cui sono nati centri di ricerca per le biotecnologie green e le energie rinnovabili.

Le attività del distretto “spaziale” sono state presentate in occasione di una tavola rotonda sull’esperienza lucana che si è svolta a Bruxelles lo scorso 8 dicembre. Si tratta di un sistema “a Tripla Elica”, composto da una rete di piccole e medie imprese, centri di ricerca e dipartimenti universitari, specializzati nelle tecnologie satellitari, nel monitoraggio ambientale, nella ricerca sismica e nella previsione ed attenuazione dei rischi legati alle catastrofi naturali. I partner pubblici e privati, che con la loro collaborazione sostengono il distretto, sono il Centro di Geodesia Spaziale, Telespazio, Enea, l’Università degli Studi della Basilicata e il Centro Nazionale delle Ricerche.

Oltre ad essere un “contenitore” per lavoratori altamente specializzati (al momento oltre mille persone ci lavorano) nonché una calamita che attrae investimenti dall’estero, il cluster sull’osservazione della Terra è soprattutto un esempio di distretto tecnologico ad alta vocazione “green”, ovvero orientato a quella green economy grazie alla quale si potrebbero realizzare, soprattutto al Sud, un miglioramento della qualità della vita e maggiori posti di lavoro.

Per quanto riguarda l’ambiente e il settore energetico, la collaborazione con ENEA (l’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile) vedrà l’implementazione di attività di ricerca legate principalmente al problema della desertificazione. L’Unità Tecnica UTAGRI – ENEA sta già lavorando, a stretto contatto con agronomi, biologi, chimici e fisici, in sei differenti centri di ricerca lucani, per creare un approccio olistico a questo complesso problema. Ma la collaborazione con ENEA è solo uno dei tanti esempi di multidisciplinarità e condivisione del lavoro che caratterizzano il modus operandi del distretto, uno spazio in cui si creano solidi legami tra scienziati, aziende high-tech e amministrazioni locali. La Basilicata ha deciso di puntare su questo modello per la sua crescita economica, aspirando a diventare una delle regioni italiane maggiormente coinvolte nell’economia eco-sostenibile.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende