Home » Pratiche »Pubblica Amministrazione » Distretti “green”: l’esperienza lucana:

Distretti “green”: l’esperienza lucana

dicembre 15, 2010 Pratiche, Pubblica Amministrazione

Basilicata, Courtesy of scattidimemoria, Flickr.comNel cuore dell’Italia meridionale sorge uno dei distretti tecnologici più all’avanguardia dell’intera Europa. Non ci credete? La regione che lo ospita è la Basilicata che, contro ogni facile pregiudizio, è una delle regioni più virtuose per la qualità dell’utilizzo delle risorse economiche europee.

La Basilicata, nell’ultimo decennio, è stata in grado di realizzare un vero e proprio distretto tecnologico-industriale incentrato sulla promozione della green economy. La sostenibilità ambientale è il collante che unisce i settori strategici emergenti nel distretto – quali lo sviluppo di energie rinnovabili, le biotecnologie e l’osservazione della Terra – ad ambiti tradizionali dell’economia lucana, come il settore agroalimentare e l’estrazione “nostrana” di gas e petrolio.

I progetti in atto e quelli ancora da implementare sono illustrati nel Piano Strategico Regionale per l’Innovazione e la Ricerca – Regione Basilicata 2007/2013. Tra gli obiettivi fondamentali illustrati nel documento vi è la creazione di un cluster di piccole e medie imprese nell’ambito energetico. Il Piano è inoltre focalizzato sullo sviluppo di settori altamente innovativi, quali quello delle tecnologie per l’osservazione della Terra e dello spazio, per prevenire i disastri naturali e controllare i cambiamenti climatici, quello delle energie rinnovabili e del settore delle agro-biotecnologie. Per la realizzazione dell’intero progetto sono state stanziate risorse finanziarie regionali ed europee per un totale di 376 milioni di euro lungo il periodo 2007-2013.

Le aree geografiche interessate sono l’asse Potenza-Matera, in cui si realizzerà il distretto relativo all’osservazione delle Terra, la Val d’Agri, che costituisce la più grande riserva di combustibili fossili d’Europa (il petrolio estraibile è stato stimato a circa 2,5 milioni di barili), il Metapontino e la Valle del Basento, in cui sono nati centri di ricerca per le biotecnologie green e le energie rinnovabili.

Le attività del distretto “spaziale” sono state presentate in occasione di una tavola rotonda sull’esperienza lucana che si è svolta a Bruxelles lo scorso 8 dicembre. Si tratta di un sistema “a Tripla Elica”, composto da una rete di piccole e medie imprese, centri di ricerca e dipartimenti universitari, specializzati nelle tecnologie satellitari, nel monitoraggio ambientale, nella ricerca sismica e nella previsione ed attenuazione dei rischi legati alle catastrofi naturali. I partner pubblici e privati, che con la loro collaborazione sostengono il distretto, sono il Centro di Geodesia Spaziale, Telespazio, Enea, l’Università degli Studi della Basilicata e il Centro Nazionale delle Ricerche.

Oltre ad essere un “contenitore” per lavoratori altamente specializzati (al momento oltre mille persone ci lavorano) nonché una calamita che attrae investimenti dall’estero, il cluster sull’osservazione della Terra è soprattutto un esempio di distretto tecnologico ad alta vocazione “green”, ovvero orientato a quella green economy grazie alla quale si potrebbero realizzare, soprattutto al Sud, un miglioramento della qualità della vita e maggiori posti di lavoro.

Per quanto riguarda l’ambiente e il settore energetico, la collaborazione con ENEA (l’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile) vedrà l’implementazione di attività di ricerca legate principalmente al problema della desertificazione. L’Unità Tecnica UTAGRI – ENEA sta già lavorando, a stretto contatto con agronomi, biologi, chimici e fisici, in sei differenti centri di ricerca lucani, per creare un approccio olistico a questo complesso problema. Ma la collaborazione con ENEA è solo uno dei tanti esempi di multidisciplinarità e condivisione del lavoro che caratterizzano il modus operandi del distretto, uno spazio in cui si creano solidi legami tra scienziati, aziende high-tech e amministrazioni locali. La Basilicata ha deciso di puntare su questo modello per la sua crescita economica, aspirando a diventare una delle regioni italiane maggiormente coinvolte nell’economia eco-sostenibile.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende